Maturità 2023: 21 giugno prima prova scritta

Maturità 2023. Valditara: si torna alla normalità pre-Covid, prima prova scritta il 21 giugno alle ore 8.30.

LEGGI ANCHE

Maturità 2023. Valditara: si torna alla normalità pre-Covid, prima prova scritta il 21 giugno alle ore 8.30.

Maturità 2023: 21 giugno prima prova scritta

          • In sintesi,
          • l’esame di Maturità 2023 si svolgerà secondo le regole e le modalità stabilite dal Ministero dell’Istruzione.
          • Gli studenti dovranno rispettare alcune regole, come l’uso di dispositivi elettronici vietati e la presentazione di un documento d’identità valido.
          • La commissione esterna e la valutazione della tesina contribuiranno a garantire la qualità dell’esame e la giustizia delle valutazioni.

L’esame di Maturità è un momento importante nella vita degli studenti italiani e richiede un’attenta organizzazione da parte del Ministero dell’Istruzione.

Il ministro dell’Istruzione e del Merito, Giuseppe Valditara, ha annunciato di aver firmato l’ordinanza che definisce l’organizzazione e le modalità di svolgimento dell’esame di Stato conclusivo del secondo ciclo di istruzione per l’anno scolastico 2022/2023, riferita in particolare all’esame di Maturità.

La sessione dell’esame di Stato avrà inizio il giorno 21 giugno 2023 alle ore 8.30 con la prima prova scritta, come stabilito dall’Ordinanza firmata dal Ministro dell’Istruzione Patrizio Bianchi.

La prima prova scritta, secondo quanto dichiarato dal Ministero dell’Istruzione, consiste in una prova di italiano, con un testo letterario e una serie di domande di comprensione e di analisi del testo.

La seconda prova scritta si terrà il giorno successivo, il 22 giugno 2023, mentre gli esami orali cominceranno dal 27 giugno e si concluderanno il 30 giugno 2023.

Gli esami orali riguarderanno le materie di specializzazione scelte dagli studenti, insieme alla prova di lingua straniera.

È importante ricordare che, durante l’esame di Maturità, gli studenti dovranno rispettare alcune regole.

Ma quali sono le regole per gli esami di Maturità 2023?

Ecco le principali direttive contenute nell’ordinanza del Ministro:

  1. Le prove dell’esame di Stato potranno essere svolte anche in presenza, ad eccezione dei casi in cui la situazione epidemiologica del territorio ne impedisca lo svolgimento.
    In tal caso, le prove saranno svolte a distanza.
  2. La prima prova scritta dell’esame di Stato si terrà il giorno 21 giugno 2023 alle ore 8.30 ed è composta da un elaborato scritto di italiano, articolato su due o tre quesiti.
    Durata massima della prova: 5 ore.
  3. La seconda prova scritta dell’esame di Stato si terrà il giorno successivo alla prima prova scritta, ed è composta da un elaborato scritto di matematica, articolato su tre o quattro quesiti.
    Durata massima della prova: 5 ore.
  4. La terza prova dell’esame di Stato si terrà il giorno successivo alla seconda prova scritta e sarà orale.
    Essa riguarderà una o più materie di studio previste nel percorso del liceo o dell’istituto tecnico o professionale frequentato dallo studente.
    Durata massima della prova: 30 minuti.
  5. I membri delle commissioni d’esame dovranno essere indicati entro il 30 aprile 2023.
  6. Al termine di ogni prova scritta, i fogli d’esame degli studenti saranno sigillati e conservati in custodia dalla commissione
  7. non sarà consentito l’uso di telefoni cellulari o altri dispositivi elettronici durante le prove scritte e gli esami orali.
  8. gli studenti dovranno presentarsi all’esame con un documento d’identità valido.
  9. Sarà possibile portare in aula solo il materiale autorizzato dalla Commissione d’Esame.

Inoltre, il Ministero dell’Istruzione ha previsto l’impiego di commissari esterni per l’esame di Maturità 2023, per garantire l’imparzialità e la qualità delle valutazioni.

Gli studenti potranno presentare la loro tesina, elaborata durante il quinto anno di studi, che verrà valutata come parte dell’esame orale.

Leggi di più sulla Maturità 2023

Editoriale Catania – Juve Stabia: 2-0, fino a qui!

Vi proponiamo il nostro pensiero sulla Juve Stabia, espresso nel nostro editoriale post gara con il Catania, terminato 2-0.
Pubblicita

Ti potrebbe interessare