Renato Vallanzasca, medici Bollate: “Va curato fuori dal carcere”

LEGGI ANCHE

(Adnkronos) – Il carcere è “carente” nel fornire le cure e gli “stimoli cognitivi” di cui Renato Vallanzasca ha bisogno e per questo andrebbe trasferito in un “ambito residenziale protetto”, ossia in un “luogo di cura esterno data la sua patologia”.Lo scrivono i medici del carcere di Bollate in merito alle condizioni dell’ex protagonista della mala milanese.  La relazione è stata acquisita dai suoi difensori, gli avvocati Corrado Limentani e Paolo Muzzi, che puntano a una nuova richiesta di detenzione domiciliare in una struttura ad hoc, per motivi di salute legato a un decadimento neurologico e cognitivo.  Oggi il 74enne è davanti ai giudici della Sorveglianza, perché gli sono stati revocati i permessi premio per frequentare una comunità utile per alleviare il suo stato, secondo i giudici invece la struttura indicata non è in grado di garantirgli l’assistenza necessaria.

I giudici si riserveranno dopo l’udienza di oggi, diversa, invece, sarà la strada dell’istanza per la detenzione domiciliare in una casa di cura.  —cronacawebinfo@adnkronos.com (Web Info)


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Napoli, Di Lorenzo resterà in azzurro: “Sarà capitano ancora per molti anni”

Giovanni Di Lorenzo resterà al Napoli. È arrivato infatti nel corso della giornata di oggi, giovedì 10 luglio, il comunicato degli azzurri che tramite...
Pubblicita

Ti potrebbe interessare