Ucraina, il piano della Russia: nuove armi, droni e satelliti per vincere la guerra

LEGGI ANCHE

Visite : 0

(Adnkronos) –
La Russia prepara l’accelerazione nella guerra con l’Ucraina nel 2024.Il ‘piano’ di Mosca viene illustrato dal ministro della Difesa, Sergei Shoigu, mentre il conflitto sul campo prosegue verso il traguardo dei 2 anni.

Si continua a combattere soprattutto lungo il fronte orientale, dove il quadro non sembra proporre modifiche rilevanti. L’obiettivo della Russia, in un quadro apparentemente bloccato, è mantenere l’iniziativa strategica in Ucraina: per farlo, Mosca si concentrerà sull’approvvigionamento a tutto tondo delle sue forze. Shoigu, in una teleconferenza con i massimi vertici militari, sottolinea che Mosca manterrà
 la sua triade nucleare (missili con base a terra per obiettivi a lunga distanza, missili lanciati da sottomarini e bombe nucleari lanciate da aerei), svilupperà la produzione di droni, introdurrà nuove armi – promettendo l’impiego di armi basate sull’intelligenza artificiale – e aumenterà le capacità dei propri satelliti
.Con questa strategia, la Russia punta a modificare la situazione in una guerra in cui, secondo Mosca, l’Ucraina ha perso oltre 215.000 soldati e 28.000 tra veicoli, mezzi e equipaggiamenti. “Nonostante l’esaurimento delle risorse umane e l’assenza di risultati sul campo di battaglia, gli Stati Uniti cercano a sangue freddo di realizzare le loro ambizioni di leadership globale a scapito delle vite ucraine.

Su istruzioni degli sponsor occidentali, il regime di Kiev continua a inviare al massacro i suoi soldati e cerca ogni possibilità per ricostituire l’esercito.Naturalmente, ciò non cambierà la situazione sulla linea di contatto, ma trascinerà solo il conflitto militare”, dice Shoigu. Un compito chiave per il 2024 è mantenere la triade nucleare al massimo livello di prontezza al combattimento, afferma il ministro. “Concentreremo i nostri sforzi anche sul rifornimento completo delle truppe che parteciperanno all’operazione militare speciale.

Continueremo a dotare l’Esercito e la Marina con le armi più all’avanguardia, comprese quelle basate su tecnologie di intelligenza artificiale e nuovi principi fisici.In particolare, lanceremo la produzione in serie di veicoli aerei senza pilota, dai droni ultra-piccoli a quelli d’attacco pesanti”, precisa. “I nostri piani immediati includono il miglioramento dei sistemi di comunicazione, l’aumento dell’efficienza nell’uso dei più recenti mezzi di ricognizione, l’acquisizione di bersagli e l’aumento delle capacità dei nostri sistemi di difesa aerea e della flotta di satelliti”, dice ancora. Parlando in teleconferenza con la leadership delle forze armate russe, Shoigu sostiene che la ricerca da parte di Kiev di opportunità per ricostituire i ranghi dell’esercito ucraino non farà altro che prolungare il conflitto militare: “Su istigazione dei Paesi occidentali, il regime di Kiev continua a condurre i suoi soldati al massacro e sta cercando ogni opportunità per ricostituire i ranghi dell’esercito ucraino.

Naturalmente, ciò non cambierà la situazione sulla linea di contatto militare e non farà altro che prolungare il conflitto.Nonostante l’esaurimento delle risorse umane nelle formazioni ucraine e la mancanza di risultati sul campo di battaglia, gli Stati Uniti stanno cercando di realizzare le loro ambizioni di leadership mondiale a scapito della vita degli ucraini”. Tutto liscio per la Russia, quindi?

No, anzi.Alla narrazione di Shoigu si contrappone l’analisi dell’intelligence militare britannica.

Londra evidenzia che la macchina bellica russa ha più di una lacuna, in particolare spicca in quest’ultimo periodo “l’inefficacia della difesa aerea russa nel proteggere siti chiave”, come evidenziato anche dagli attacchi ucraini del 4 dicembre contro Sebastopoli e l’aerodromo Saki, nella Crimea occupata. Questi attacchi hanno probabilmente “degradato” l’efficacia della difesa aerea russa sopra la regione della Crimea, nota il bollettino giornaliero sulla guerra in Ucraina. “In risposta, la Russia ha lanciato diversi attacchi missilistici attraverso l’Ucraina l’8 gennaio, prendendo di mira varie città, fra cui Kryvyi Rih e Zaporizhzhia.Questo dimostra ancora una volta l’inefficacia della difesa russa aerea nel proteggere siti chiave, malgrado la loro preparazione rafforzata.

L’ampiezza della risposta russa è probabilmente indicativa del livello di successo raggiunto dalle azioni delle forze armate ucraine il 4 gennaio”, conclude l’intelligence militare britannica.  —internazionale/esteriwebinfo@adnkronos.com (Web Info)


Bambina di 8 anni attaccata da due pitbull a Pompei: ferite lievi, paura in città

Una bambina è stata morsa da due pitbull a Pompei. I genitori chiedono interventi per garantire la sicurezza.
Pubblicita

Ti potrebbe interessare