Skip to content Skip to sidebar Skip to footer

Sicilia, Musumeci e Salvini in rotta sul prossimo Presidente della Regione

In Sicilia è scontro nel centrodestra per la candidatura a Presidente della Regione

In Sicilia è scontro nel centrodestra per la candidatura a Presidente della Regione. E c’è anche l’attuale sindaco di Messina in corsa

“La Lega decida se stare dentro o fuori il governo regionale”. A replicare con un ultimatum alle dichiarazioni di Matteo Salvini, che in un’intervista al quotidiano La Sicilia ha annunciato la candidatura del segretario regionale del suo partito alla Presidenza della Regione, è il Governatore Nello Musumeci.

“Le dichiarazioni del segretario della Lega Matteo Salvini – ribatte Musumeci – non possono cadere nel silenzio. Di primo acchito verrebbe da dire che appaiono stravaganti per chi dovrebbe avvertire una responsabilità diversa, di guida della coalizione tutta. Capisco la volata da tirare al suo partito, ma dichiarare di volere il sindaco di Palermo, quello di Catania e il presidente della Regione non dovrebbe portare a prendere seriamente la pretesa”.

“Tuttavia, per chi ha la mia storia – prosegue – c’è un profilo non trascurabile: delegittimare il presidente della Regione eletto direttamente dai siciliani, mentre lavora in una fase storica di crisi, indebolisce l’istituzione e danneggia la Sicilia. Ho rispetto di tutte le forze politiche e non sarò certo io a dividere il centrodestra, ma non sono più disposto a tollerare ambiguità”.

“Se la Lega vuole costruire una prospettiva alternativa a questo governo regionale – sottolinea Musumeci – si assuma la responsabilità di uscirne e ci ritroveremo certamente più uniti dopo, quando – fallita ogni velleitaria ipotesi di favorire la sinistra con una divisione tra noi – si comprenderà che la prospettiva di rinnovamento dell’Isola passa dagli uomini che hanno la responsabilità di favorire il cambiamento. Non si può continuare a stare in un governo – conclude il presidente della Regione e contemporaneamente lavorare per logorarlo”.

Ma cosa aveva dichiarato il leader della Lega per innescare una tale replica ?

“Minardo è giovane, con esperienza e ha consolidato rapporti di stima che lo fanno riconoscere dagli alleati come un interlocutore affidabile, ne parleremo al momento opportuno“ aveva dichiarato il leader della Lega Matteo Salvini nell’annunciare ufficialmente il segretario regionale del partito, Nino Minardo, quale candidato alle prossime elezioni regionali del 2022. Salvini si augura che la Lega possa “guidare anche una regione del Sud“.

Chi è Nino Minardo ?

Nato a Modica il 5 febbraio 1978, sposato e padre di 4 figli, nel 2004 si era laureato in Scienze Politiche, indirizzo politico-amministrativo, presso l’Università di Catania. Nel settembre del 2004 giunge il primo importante incarico istituzionale nella sua provincia: assessore Provinciale allo Sport e Tempo Libero e Presidente dell’Azienda per l’Incremento Turistico di Ragusa. Nell’aprile del 2007 è stato Commissario di Forza Italia a Modica (RG). Dal 29 giugno del 2007 a dicembre dello stesso anno ha ricoperto la carica di Presidente del Consorzio Universitario per le Autostrade Siciliane. Dal 29 aprile 2008 è stato Deputato Nazionale, eletto nel collegio Sicilia 2 nella lista del Popolo della Libertà, quindi componente della “Commissione Lavoro” e della “Commissione d’Inchiesta sugli errori in campo sanitario e sulle cause dei disavanzi sanitari e regionali”. Dal 2010 ha ricoperto la carica di coordinatore provinciale del Pdl. Nel febbraio 2013 è stato rieletto alla carica di Deputato Nazionale, nella Lista del Popolo delle Libertà e nominato componente della “Commissione Trasporti” e componente della “Commissione Attività Produttive”. Alle elezioni politiche del 2018 viene rieletto deputato nelle liste di Forza Italia. Nel novembre 2019 aderisce alla Lega di Salvini e il 3 dicembre entra nel gruppo parlamentare leghista.  Il 23 dicembre viene nominato responsabile Regionale della Lega Sicilia.

C’è tuttavia un altro candidato nel centrodestra in corsa a Presidente della Regione Siciliana.

È l’attuale sindaco di Messina Cateno De Luca che ha rilanciato la sua candidatura a presidente della Regione Siciliana durante una conferenza stampa tenutasi a Palermo, a Palazzo dei Normanni, lo scorso 15 settembre, confermando la sua discesa in campo per le elezioni regionali del 2022. Cateno De luca, fondatore di “Sicilia Vera” era accompagnato in quella suo annuncio da Danilo Lo Giudice, deputato regionale dello stesso movimento e sindaco a sua volta di Santa Teresa di Riva comune della provincia jonica messinese.

I due in quell’occasione lanciarono la sfida a Musumeci. Ma da oggi la sfida sembra diventare a tre nel centrodestra.

Adduso Sebastiano

(le altre informazioni regionali le trovi anche su Vivicentro – Redazione Sicilia)