Pannullo (ex sindaco Castellammare): “Diamo fiducia alla società”

pannullo-gargiulo

Antonio Pannullo, ex sindaco di Castellammare di Stabia, è intervenuto nel corso della trasmissione “Juve Stabia Live”: tutte le sue dichiarazioni

Pannullo (ex sindaco Castellammare): “Diamo fiducia alla società”

Antonio Pannullo, ex sindaco di Castellammare di Stabia, è intervenuto nel corso della trasmissione “Juve Stabia Live” che va in onda ogni giovedì dalle ore 21 in diretta sulla pagina Facebook “Juve Stabia Live”.

Le sue dichiarazioni sono state raccolte e sintetizzate dalla redazione di ViViCentro.it

“La Juve Stabia è una squadra che ha avuto degli alti e bassi, ha affrontato il contraccolpo della retrocessione con dignità. Spesso retrocedere dalla Serie B significa avere un tracollo sia societario che sportivo e questo non è accaduto a noi.

Ho visto qualche bella partita della Juve Stabia dove abbiamo giocato bene e meritavamo qualche punto in più. Per quanto riguarda la gara con la Ternana è sembrato molto evidente che è una squadra che ha una marcia in più e dotata di qualità superiore.

La Juve Stabia è stata costruita per i playoff e io sono fiducioso nel loro raggiungimento. In attacco forse mancava qualcosa e nel mercato di Gennaio la società si è mossa in tal senso.

Mister Padalino è un allenatore preparato e che sa quello che vuole. Ha dato un gioco alla squadra e si vede la sua mano, ciò significa che con il passare del tempo si vedranno i risultati. Per il momento il mio giudizio è molto positivo.

Mi ha meravigliato il cambiamento del direttore sportivo Ghinassi, la società sembrava che ci avesse puntato e invece gli ha dato poco tempo. È andato via Improta che al di là del suo blasone non mi è sembrato che abbia dato un contributo decisivo alla Juve Stabia.

Questo nuovo assetto societario al netto di Pavone la cui storia parla da sé, è veramente la linea tra la gestione Manniello e quella di Langella. Oggi i fratelli Langella hanno iniziato a decidere con la loro testa. Il pregresso con la struttura Manniello è stato reciso.

Noi sappiamo i risultati di Manniello e gli dobbiamo tanto, non dobbiamo sbagliare però a ritenere tutto quello che sia nuovo sbagliato. Bisogna scommettere sul nuovo, su questi nuovi imprenditori che si sono innamorati della Juve Stabia e con il tempo vedremo se i risultati gli daranno ragione o meno.

Per quanto riguarda il campionato, a causa della pandemia tutti sono stati penalizzati, tutti giocano senza il proprio pubblico. Non lo ritengo un campionato falsato appunto per questo perché ogni squadra gioca nella stessa situazione”. 

 

a cura di Giuseppe Rapesta