Omicidio Saman, chiesto ergastolo per genitori: domani sentenza

LEGGI ANCHE

Visite : 0

(Adnkronos) – E’ attesa per domani sera, al Tribunale di Reggio Emilia, la sentenza di primo grado del processo per l’omicidio di Saman.Nell’aula della Corte di Assise, Shabbar Abbas, padre della 18enne uccisa la notte tra il 30 aprile e il primo maggio 2021, potrebbe rilasciare dichiarazioni spontanee prima che il giudice si chiuda in Camera di Consiglio per deliberare.

Chiesto dalla Procura, nell’udienza di venerdì scorso, l’ergastolo per lui e per la moglie, Nazia Shaheen, madre della giovane pakistana ancora latitante, e il ricalcolo della pena per lo zio Danish Hasnain e i due cugini Ikram Ijaz e Nomanulhaq Nomanulhaq, riconoscendo per i tre le attenuanti generiche. Fondamentale, per delineare la dinamica del delitto, è stata la testimonianza resa spontaneamente in aula dal fratello della vittima che, assistito dall’avvocato Valeria Miari, ha raccontato di aver sentito il padre in casa pronunciare la parola ‘scavare’, invitando poi i cugini e lo zio di Saman a ‘passare dietro le telecamere’, preoccupandosi poi che questa stessa premura la adottasse il figlio, costretto a restare in casa per non essere ripreso.E’ dall’uscio della porta, infatti, che il fratello avrebbe assistito alla scena cardine del delitto.

Davanti alla presidente della Corte Cristina Beretti, ha ricordato lo zio afferrare per il collo la sorella per portarla dietro alla serra, insieme ai cugini.Versione contestata dalla difesa degli imputati, a causa dell’ora buia in cui avvenne il fatto e alla scarsa illuminazione che avrebbero reso impossibile riconoscere i volti dei protagonisti. Una battuta d’arresto, nelle ultime fasi del processo, l’aveva fatta registrare proprio la dichiarazione di inutilizzabilità delle dichiarazioni del giovane pachistano, ascoltato all’epoca dei fatti ancora minorenne senza essere iscritto nel registro degli indagati anche a sua garanzia.

E’ stato sempre il fratello di Saman a ricostruire in aula gli ultimi istanti di vita della 18enne, dalla lite in casa per le chat con il fidanzato scoperte dal padre al cambio di abiti in bagno.Voleva vestire all’occidentale, Saman.

E un anno e mezzo dopo, è stata trovata sepolta in una buca. (di Silvia Mancinelli) —cronacawebinfo@adnkronos.com (Web Info)


Turista USA salvata a Sorrento: Cruciale Intervento a Castellammare di Stabia

La vicenda di una studentessa statunitense salvata da un intervento urgente a Sorrento, raccontata dall'ospedale di Castellammare di Stabia.
Pubblicita

Ti potrebbe interessare