Meloni sfida l’UE: Astensione al Patto di Stabilità

LEGGI ANCHE

Astensione italiana al Patto di Stabilità: Meloni in opposizione all’UE. Critiche e sfide economiche per l’Italia.

Meloni sfida l’Unione Europea con un rifiuto al Patto: la politica italiana divisa

Durante il voto sulla riforma del Patto di Stabilità al Parlamento europeo di Strasburgo, Paolo Gentiloni ha ironizzato sulla coesione della politica italiana. Tuttavia, l’atmosfera amara che permeava l’ambiente testimoniava l’astensione generalizzata dei partiti italiani, sia di maggioranza che di opposizione. Questo gesto è stato interpretato come un’ulteriore dimostrazione di irresponsabilità da parte della classe politica nazionale. L’Italia, con il secondo debito pubblico più elevato nell’Eurozona e il massimo deficit registrato nel 2023 nell’intera Unione Europea, ha visto tutti e tre i partiti della coalizione governativa Meloni astenersi dal voto, contrariamente alle linee guida delle rispettive famiglie politiche europee.

La reazione di Giancarlo Giorgetti, pur nella sua vena scherzosa, riflette un problema crescente nel centrodestra al governo. Questo problema diverrà più urgente dopo le elezioni di giugno, quando l’Italia sarà soggetta a procedure di infrazione e si renderà necessario prendere decisioni cruciali. Con il compito di redigere la legge di Bilancio per il 2025 entro settembre, Giorgia Meloni si trova di fronte alla sfida di trovare le risorse necessarie per farlo.


Conchiglioni ripieni, i cugini dei Cannelloni: un primo completo

Se cercate l'idea giusta per un primo piatto della domenica che non sia la solita Lasagna o i soliti Cannelloni o anche i Paccheri, i Conchiglioni Ripieni fanno proprio al caso vostro.
Pubblicita

Ti potrebbe interessare