Juve Stabia, ingiustizia è fatta! Casertana-Francavilla a porte aperte

LEGGI ANCHE

Juve Stabia, fa discutere l’assenza di sanzioni per la Casertana dopo i gravi incidenti del post-gara di Castellammare.

Juve Stabia, ancora un esempio di duopesismo e di ingiustizia ai danni della società stabiese mentre a tutt’oggi ancora nessuna sanzione per la Casertana a seguito dei pesanti incidenti verificatisi lo scorso 4 marzo nel post-gara del “Menti”.

E così mentre la Juve Stabia ha dovuto pagare un pesante dazio agli incidenti del 4 marzo con la disputa disposta dal Prefetto di Napoli a porte chiuse del match col Taranto che avrebbe fruttato un incasso notevole con la presenza di almeno 6-7.000 spettatori sugli spalti, per la Casertana e le autorità locali casertane è come se quella sera del 4 marzo non fosse successo praticamente niente tra le strade di Castellammare.

Il Giudice Sportivo della Lega Pro ha rinviato ogni decisione invitando la Procura Federale a effettuare, nel più breve tempo possibile, accertamenti in ordine alla individuazione del Settore occupato dai tifosi della Casertana presenti alla gara Juve Stabia-Casertana e posizionati nel Settore denominato Curva Ferrovia Settore Ospiti.

Peggio ancora ha fatto il Prefetto di Caserta per il quale evidentemente non esistono verbali delle forze dell’ordine a cui fare riferimento, diversamente da quanto avvenuto per il Prefetto di Napoli.

Alla Ponzio Pilato si è deciso di non decidere da parte del Prefetto di Caserta. E, ironia della sorte, la Casertana ha già giocato con la piena presenza del pubblico e senza alcuna limitazione la gara col Cerignola e nelle stesse condizioni si giocherà anche la gara col Francavilla per la quale oggi è iniziata la vendita dei biglietti.

Due pesi e due misure, una vergogna assoluta e un’altra ingiustizia perpetrata nei confronti della Juve Stabia e della sua correttissima tifoseria.

Almeno strano che gli stessi provvedimenti presi dal Prefetto di Napoli sulla base di verbali delle forze dell’ordine, non siano stati adottati anche dalle autorità locali casertane che per ora non hanno preso alcun provvedimento e non sappiamo a questo punto quando e se lo faranno, nonostante una minoranza della tifoseria casertana si sia resa protagonista nella notte dello scorso 4 marzo di pesantissimi atti di vandalismo nella città di Castellammare arrivando a scorrazzare tra le strade cittadine e a distruggere auto e qualsiasi cosa si presentasse sul loro percorso, ferendo persone con spranghe di ferro e mettendo in scacco tutte le strade intorno al Viale Europa.

Una decisione che ha offeso una tifoseria intera che si è sempre dimostrata molto corretta in ogni stadio d’Italia e che ha penalizzato pesantemente una società come la Juve Stabia sottraendole un incasso che di sicuro sarebbe stato rilevante contro il Taranto.

E dopo la disputa a porte chiuse di Juve Stabia-Taranto è arrivata anche la beffa che sa di vergogna totale: Casertana-Virtus Francavilla si disputerà senza alcuna restrizione e quindi a porte aperte. In pratica a pagare è solo la Juve Stabia mentre i filmati diventati virali sul web mostrano una realtà ben diversa con i teppisti casertani (una minoranza della tifoseria casertana) che hanno avuto un ruolo decisivo negli incidenti del post-gara seminando distruzione e terrore nel centro cittadino. Ma in questo caso le autorità locali hanno chiuso un occhio, anzi entrambi a quanto sembra dalle decisioni adottate.

E complimenti vivissimi a chi ha gestito ad ogni livello le soluzioni da adottare: a senso unico e nella vergogna più totale dei due pesi e due misure.

 

 


Juve Stabia TV


Futuro Remoto Juve Stabia: esperienza verso freschezza, il rinnovo di Andreoni

Terzo appuntamento con la rubrica sulle Vespe di Castellammare di Stabia targata ViViCentro.it dal titolo eloquente “Futuro Remoto Juve Stabia”
Pubblicita

Ti potrebbe interessare