Juve Stabia, Candellone in arrivo e i possibili profili che interessano

LEGGI ANCHE

Juve Stabia, Candellone in arrivo e i possibili profili che interessano: per l’attaccante del Pordenone di proprietà del Napoli un biennale che lo legherà alle Vespe e che potrebbe essere annunciato a breve.

La settimana in corso, quella che sostanzialmente precede la partenza per il ritiro di Alfedena in programma dal 22 luglio al 2 agosto, potrebbe essere decisiva sul fronte acquisti per la Juve Stabia 2023-2024 con diversi nomi che circolano nelle ultime ore e che potrebbero interessare molto la società stabiese nella propria lista delle spese per la sessione estiva di mercato.

Dopo le diverse cessioni, ultima in ordine di tempo quella di Barosi all’Ascoli, Pagliuca ha bisogno che prima possibile si arrivi a creare almeno il 70-75% della rosa preferibilmente entro l’inizio del ritiro precampionato o nel corso dello stesso.

LEONARDO CANDELLONE MOLTO VICINO ALLA JUVE STABIA.

Il primo a vestire la maglia gialloblè dovrebbe essere in ordine di tempo l’attaccante Leonardo Candellone che dovrebbe sottoscrivere con le Vespe un contratto biennale come riportato dall’esperto di mercato Lorenzo Buconi sul proprio account Twitter.

Candellone, attaccante classe 1997, cresce nel settore giovanile del Torino per poi girovagare tra varie piazze di Serie C e Serie B. Gubbio, Ternana, Sudtirol e Pordenone una prima volta nelle due stagioni 2018-2019 e 2019-2020 in cui da sicuramente il meglio di sé in termini di realizzazioni.

Soprattutto è uno dei trascinatori di quel Pordenone che nella stagione 2018-2019 (stesso anno dell’ultima promozione in Serie B delle Vespe) conquistò l’accesso diretto in Serie B nel Girone A di Lega Pro sfidando peraltro poi proprio la Juve Stabia in Supercoppa. 14 gol il contributo di reti in quella stagione per Candellone per un attaccante che poi non si è più ripetuto a quei livelli.

Dopo una stagione in B col Pordenone con 31 presenze e 2 gol, Candellone, diventato nel frattempo di proprietà del Napoli, ha giocato a Bari e al Sudtirol prima di tornare a Pordenone nel gennaio del 2022. Per lui 9 gol nell’ultimo anno e mezzo per un calciatore che evidentemente a Pordenone aveva ritrovato il suo habitat naturale.

PER IL CENTROCAMPO IPOTESI GIUSEPPE LEONE, EX SIENA CON GUIDO PAGLIUCA.

Uno dei calciatori ex Siena che potrebbe arrivare a vestire la maglia delle Vespe è Giuseppe Leone, centrocampista di piede destro classe 2001 che ha fatto le fortune del Siena nel Girone B di Lega Pro.

Leone è un prodotto del settore giovanile della Juventus (ha giocato tra gli altri con Nicolò Fagioli). A Torino ha giocato in tutte le selezioni giovanili, fino ad approdare nella Juventus Next Gen, con cui ha esordito in Lega Pro facendo registrare 23 presenze nella stagione 2020-2021 e 31 in quella successiva 2021-2022.

La scorsa estate ha abbandonato il Piemonte e il Girone A, per restare sempre in bianconero, ma trasferirsi a Siena e nel Girone B dove ha giocato quasi tutto il campionato da titolare (33 presenze dal primo minuto su 35 presenze complessive).

ALTRI NOMI CALDI POTREBBERO ESSERE QUELLI DI ALESSANDRO LA ROSA PER LA DIFESA, KEVIN PISCOPO E SIMONE GUERRA PER L’ATTACCO.

Altro possibile arrivo potrebbe essere quello di Alessandro La Rosa, terzino classe 2001, e figlio del nuovo socio del sodalizio neroverde del Pordenone. Anche in questo caso un altro probabile arrivo in gialloblè legato a doppio filo al pianeta Pordenone di cui Matteo Lovisa è stato responsabile dell’area tecnica prima di passare alla Juve Stabia.

IPOTESI PISCOPO E GUERRA PER L’ATTACCO DELLA JUVE STABIA.

Sfumato l’obiettivo Petrovic che si è accordato col Trento, e in attesa di capire se l’interesse per il lituano Edgaras Dubickas, anch’egli ex Pordenone acquistato dal Pisa nello scorso gennaio e lasciato in prestito al sodalizio neroverde fino a giugno scorso, si concretizzerà in qualcosa di più, due sono i nomi che negli ultimi giorni animano i sogni dei tifosi delle Vespe: si tratta di Kevin Piscopo e Simone Guerra.

Piscopo, classe 1998, è una seconda punta di piede destro che ha iniziato la sua carriera nel settore giovanile del Genoa. Poi Montecatini in Serie D e diverse stagioni in Serie C con la Carrarese (tre anni) in cui realizza 11 reti in tre anni, poi successivamente due anni di Serie B con l’Empoli con cui colleziona 5 presenze in due anni salvo poi fare ritorno in C con la Carrarese nella stagione 2020-2021.

Nella stagione 2021-2022 inizia la stagione di nuovo in B con la Spal e la termina con il Renate in Lega Pro con cui colleziona 17 presenze e una rete.

Nell’estate del 2022 firma un quadriennale con il Pordenone (altro ex calciatore ben conosciuto da Matteo Lovisa). Con i neroverdi nell’ultimo campionato 36 presenze e 3 reti. Con la mancata iscrizione del Pordenone in Lega Pro, è attualmente svincolato.

Simone Guerra, classe 1989, è un attaccante della Feralpisalò (può giocare sia da seconda che da prima punta). Con 228 presenze e 80 reti è il recordman di presenze e miglior marcatore della storia della Feralpisalò.

Diverse le tappe della sua carriera. Innanzitutto Piacenza in Serie B dove resta diversi anni all’inizio della sua carriera e realizza 5 reti nel 2009-2010 e nella stagione successiva. Poi diversi anni di Lega Pro tra Piacenza, Virtus Entella, Benevento, Venezia, Matera e tre anni alla Feralpisalò dal 2015 al 2017 in cui lascia un grande segno in termini di marcature: 41 reti in 3 stagioni.

Seguono altre 4 stagioni tra Vicenza e Feralpisalò prima di tornare proprio alla Feralpisalò dove negli ultimi tre campionati si impone ancora a suon di gol: altre 31 reti in 98 presenze. Un attaccante sempreverde che a dispetto della sua età non più giovanissima (34 anni) lascia sempre il segno da vero e proprio bucaniere dell’area di rigore.

 

 

 

 


Juve Stabia TV


Juve Stabia aggiornamento incontro Lovisa Langella: summit positivo

Juve Stabia, le ultimissime sul summit interlocutorio ma positivo tra il presidente Langella e il ds Lovisa dopo le voci di un possibile addio del ds
Pubblicita

Ti potrebbe interessare