La Guardia Costiera italiana è stata impegnata in 2 complesse operazioni di soccorso a due barconi
La Guardia Costiera italiana è stata impegnata in 2 complesse operazioni di soccorso a due barconi

Due barconi in difficoltà soccorsi dalla Guardia Costiera italiana

La Guardia Costiera italiana è stata impegnata in 2 complesse operazioni di soccorso a due barconi: uno con 70 migranti e l’altro con 350 tra cui 40 minori

Intensa attività operativa, nella giornata odierna, per la Guardia Costiera italiana, impegnata in due complesse operazioni di soccorso.

Di poche ore fa è l’intervento di una motovedetta SAR della Guardia Costiera in favore di un barcone in difficoltà con 70 migranti a bordo. Tutti sono stati tratti in salvo e portati in sicurezza a Lampedusa. Non risultano dispersi.

Nel frattempo, nave Dattilo della Guardia Costiera sta dirigendo con più di 350 migranti a Porto Empedocle.

La scorsa notte è stata infatti impegnata in una complessa operazione di soccorso, durata diverse ore, in favore di un peschereccio a più di 70 miglia dalle coste siciliane, in area di responsabilità SAR italiana.

L’unità era in pericolo a causa delle pessime condizioni meteomarine e dell’elevato numero di persone presenti a bordo.

Il Centro Operativo nazionale della Guardia Costiera ricevuta la segnalazione, ha inviato sul posto nave Dattilo e motovedette SAR della Guardia Costiera.

I migranti, tra cui più di 40 minori, sono stati tratti in salvo a bordo delle motovedette SAR della Guardia Costiera e successivamente trasbordati su nave Dattilo.

Hanno concorso alle operazioni, sotto il coordinamento della Guardia Costiera italiana, un aereo ATR42 della Guardia costiera, un velivolo Frontex nonché quattro navi mercantili presenti in zona, che – viste le complesse condizioni meteomarine presenti nell’area – sono state impiegate per mitigare l’impatto del vento sulle operazioni, agevolando così il trasbordo in sicurezza dei migranti in difficoltà.

Adduso Sebastiano

(VIDEO IN ELABORAZIONE)

(le altre informazioni regionali le trovi anche su Vivicentro – Redazione Sicilia)

Ascolta la WebRadio