CulturArt: lotta alla disoccupazione giovanile

Santa Maria la Carità. Nasce il progetto CulturArt: combating youth unemployment. Uno scambio culturale approvato dall’ Agenzia Nazionale Giovani, attraverso il programma europeo Erasmus plus. L’iniziativa, finanziata dall’ Unione Europea, consiste in uno scambio culturale che avrà come tema quello della disoccupazione giovanile e il modo per combatterla. Un ruolo importante lo avranno i mestieri storici che spesso non sono per nulla praticati. Lo scambio punterà anche a far conoscere le realtà del  comprensorio e valorizzarle come gli scavi di Pompei, i pastifici di Gragnano. Allo scambio prenderanno parte ragazzi provenienti dalla Bulgaria, Estonia, Lettonia, Macedonia, Romania e ovviamente dall’Italia ed avrà inizio alla metà di Marzo con una durata di nove giorni. Tante le attività che saranno svolte, alcune delle quali a contatto con gli imprenditori locali che avranno modo di raccontare la propria esperienza. 

 

Un progetto che tende a contrastare la disoccupazione giovanile che rappresenta un vero problema per molti paesi europei, tra cui l’Italia e, in special modo, il sud della penisola. L’idea è nata dal gruppo SMLC2015 e lo stesso coordinatore, Ferdinando Di Ruocco, si dice contento. 

 

 “È un enorme soddisfazione per me e per tutto il gruppo che ha lavorato alla stesura di questo progetto, afferma. Sono certo che questa può essere una grande opportunità per il nostro territorio, per dimostrare all’Europa che abbiamo tanto da valorizzare, non a caso il progetto coinvolgerà un po’ tutte le città del nostro comprensorio, da Gragnano a Pompei, passando per Santa Maria la Carità e Castellammare di Stabia.”

 

Costanzo Federico

 

Commenta

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ti potrebbe interessare

ViviCentro TV


Ultime Notizie

Aggiornamento terremoto in Turchia e Siria: oltre 8.300 morti

Il terremoto in Turchia e Siria ha causato molte vittime. Secondo le fonti, il bilancio delle vittime è già più di 8.300 ed è stata devastata un'area di 450 chilometri. Tra le vittime c'è anche una studentessa turca della Sapienza.