27.7 C
Castellammare di Stabia

Vivi Radio

martedì, Maggio 24, 2022

Causarono l’incendio di Montepellegrino: per 13 ultras del Palermo concluse le indagini

Da leggere

Il 23 maggio scorso, in occasione del match Palermo – Avellino al Barbera, avevano deciso di sostenere la loro squadra del cuore accendendo fuochi d’artificio e fumogeni in cima a Montepellegrino.

Per 13 ultras del Palermo, il “fuoco” della fede calcistica si era, però, tradotto in un vasto incendio che aveva lambito alcune abitazioni private e messo a rischio le antenne radio – televisive di Pizzo Manolfo.

Dopo le operazioni di spegnimento delle fiamme, durate oltre un giorno anche a causa del vento di scirocco e costate all’erario circa 30mila euro a causa dell’impiego di un Canadair proveniente da Roma, gli uomini del Corpo Forestale della Regione Sicilia ed i poliziotti della D.I.G.O.S., coordinati dalla Procura della Repubblica di Palermo, hanno individuato i responsabili dell’incendio, oggi destinatari di avviso conclusione di indagini preliminari.

La maggior parte di tifosi – tutti riconducibili al gruppo “Ultras Curva Sud” – ha precedenti specifici in materia di reati da stadio. Alcuni di essi non potevano neanche assistere agli incontri sportivi a causa del DASPO a cui erano sottoposti.

In particolare nei confronti di 5 indagati, nei giorni scorsi gli agenti della D.I.G.O.S. e del Corpo Forestale della Regione Siciliana, con il concorso di pattuglie del Reparto Prevenzione Crimine, hanno eseguito decreti di perquisizione emessi dalla Procura della Repubblica alla ricerca di altro materiale pirico e di cose pertinenti al reato.

Nel corso di tale attività, che ha interessato varie parti della città, sono stati sequestrati i dispositivi cellulari degli indagati.

Gli ultras non potranno più accedere allo stadio per i prossimi anni, essendo stati raggiunti da provvedimenti DASPO emessi dal Questore di Palermo.

Nei confronti dei recidivi è stato anche disposto l’obbligo di comparizione negli uffici di polizia durante gli incontri sportivi del Palermo F.C..

L’OPINIONE

A volte temo che in giro siano notevolmente aumentati i soggetti che sono come insensibili quasi come sociopatici. Ascoltando i cosiddetti esperti sui media, sembrerebbe che tutto, adesso, sia dovuto alla pandemia. La mia opinione, da profano per carità, è che invece sia cominciato parecchio tempo addietro – la pandemia ha potuto maggiormente slatentizzare, – ma che ancora si continui a non volersene accorgere. Una società umana non è connaturatamente lineare come qualsiasi altra specie animale o quanto meno in queste ultime i cambiamenti comportamentali avvengono lentamente, per coincidenze o esclusione. Nel mondo degli umani tutto è più complesso, repentino, imprevedibile, poiché il nostro cervello è fuori da ogni regola naturale. E se si danno o si veicolano esempi e informazioni asincroni, specialmente ad ogni nuova generazione e per anni, la nostra mente non necessariamente poi riesce a distinguere.

 

Adduso Sebastiano

(le altre informazioni regionali le trovi anche su Vivicentro – Redazione Sicilia)

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

ViviCentro TV


Ti potrebbe interessare

Vivi Radio

Ultime Notizie

- Pubblicità -
Cambia Impostazioni della Privacy