Quantcast

Cronaca Senza categoria

Caso Cucchi, le parole dell’infermiere che lo visitò

Caso Cucchi, le parole dell’infermiere che lo visitò

Nel corso del processo davanti alla Prima Corte d’Assise per la morte di Stefano Cucchi, ha parlato l’infermiere che intervenne nella caserma di Tor Sapienza. Nel processo bis sono imputati cinque carabinieri.

“La stanza era buia, si vedeva poco. Cucchi era disteso sulla branda e si copriva con il telo fin sopra il viso. L’ho incalzato con qualche domanda cercando di avvicinarmi e scoprirlo per vedere come stava, anche se lui continuava a coprirsi e diceva: ‘Non mi serve niente'”. A raccontarlo oggi in aula,

“Sono riuscito solo a prendergli la pressione, con parametri regolari, e a vedere i suoi occhi: le pupille erano normali ma sotto le palpebre e intorno agli occhi, sullo zigomo, era arrossato. Non era collaborativo e dopo esser stato in quella cella per circa dieci minuti andai via lasciando immutato il codice giallo”, ha aggiunto.

In aula è stato sentito anche il barelliere presente all’intervento. “Non sono entrato nella cella ma stavo lì fuori: Cucchi era disteso sulla branda, non era aggressivo nei nostri confronti anche se immagino fosse agitato per la situazione che stava vivendo”.

Print Friendly, PDF & Email

In merito all'autore

Luisa Di Capua

Nata il 7 febbraio a Castellammare di Stabia.
Laureata in Lettere Moderne presso l’Università degli studi di Napoli Federico II, con specializzazione magistrale in Giornalismo e Cultura editoriale all’Università degli Studi di Parma.

Aggiungi un commento

Clicca qui per commentare

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

SPONSOR

Categorie

ViVicentro.it su Google Play Edicola

Google Play store page

Visita la nostra Pagina Facebook

Il nostro YOUTUBE

Iscriviti al nostro canale

Aiutaci a darti sempre di più

News Mania