Quantcast

Sud - politica

Amministrative Campania, brusca frenata 5stelle, tiene il PD, ma Cdx in ascesa

Tempo di bilanci in Campania dopo le Amministrative: M5S frena, il PD tiene botta, ma l’ascesa del Cdx è evidente

In Campania i calcoli dei vari comitati elettorali del Movimento 5 Stelle puntavano a replicare il successo dello scorso 4 marzo, che ha portato il partito a conquistare una posizione preminente nel sistema tripolare e alla formazione del Governo.
I pentastellati riescono ad arrivare al ballottaggio solo nel comune di Avellino, l’unico capoluogo campano al voto, dove si confronteranno al secondo turno con Nello Pizza (centrosinistra) arrivato ieri al 42,93% dei voti. Ma il candidato grillino, Vincenzo Ciampi, riesce ad accedere allo spareggio con un misero 20,22% (in terza posizione il candidato di una Civica, Luca Cipriano con il 13,10% e in quarta quello del centrodestra Sabino Morano).
Nonostante il flop nel capoluogo irpino, il Cdx è in forte ascesa in tutta la Campania: significativo l’esito delle comunali ad Afragola dove Claudio Grillo va oltre il 50% e sarà eletto al primo turno battendo il sindaco uscente del centrosinistra Domenico Tuccillo (intorno al 37%) lasciando indietro i pentastellati a poco meno dell’8%.
A Pontecagnano il Pd tiene botta con Giuseppe Lanzara (48,50%) che affronterà al ballottaggio Francesco Pastore centrodestra (37,30).
Il centrodestra ottiene buoni risultati anche a Castellammare di Stabia dove andrà al ballottaggio con Gaetano Cimmino (32,60%). Qui il Pd sarà fuori perché il candidato Massimo de Angelis è stato superato per una manciata di voti da Andrea Di Martino (liste civiche).
Quest’ultimo, infatti, è arrivato al 22,35% contro il 21,80% dell’esponente dem.
Vittoria praticamente di Fi nel comune casertano di Maddaloni dove Andrea De Filippo sfiora il 60% dei consensi rispetto al 7% conquistato da Pd e M5S.
Il centrosinistra va un po’ meglio nel Salernitano, ma non riesce a conquistare il comune di Campagna dove aveva candidato Andrea Lembo, figlio del procuratore della Repubblica di Salerno, sostenuto anche da civiche. L’esponente dem supera di poco il 30% dei consensi rispetto alla netta affermazione di Roberto Monaco, del centrodestra, eletto sindaco con il 59,80%.
Tornando nel Napoletano va registrato quanto accaduto nel comune di Quarto, il primo guidato da un sindaco pentastellato, Rosa Capuozzo, assurta agli onori delle cronache per essere stata espulsa dal movimento e per essere rimasta al suo posto e per alcune dichiarazioni ambigue. Il comune flegreo andrà al ballottaggio che vedrà opporsi una civica di centrosinistra (Antonio Sabino, che ha ottenuto il 47,6%) e Davide Secone (20,2%) lasciando fuori dalla competizione proprio l’ex sindaco Capuozzo (non sostenuta dal movimento che, comunque, non aveva presentato alcuna lista).
Delusione per i pentastellati a Torre del Greco, dove il candidato di centrosinistra, Giovanni Palomba che ha raggiunto il 35,19% affronterà e il candidato di centrodestra, Luigi Mele, fermo al 15,34%. Qui il movimento ha ottenuto solo il 14,40% con Luigi Sanguigno percentuale che lo esclude dal secondo turno.

Print Friendly, PDF & Email

In merito all'autore

Mario Calabrese

Nato a Gragnano, diplomato al Liceo Classico "Plinio Seniore" di Castellammare di Stabia, attualmente iscritto al corso di laurea "Scienze per l'investigazione e la sicurezza" dell'Università degli Studi di Perugia

Aggiungi un commento

Clicca qui per commentare

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Categorie

ViVicentro.it su Google Play Edicola

Google Play store page

Visita la nostra Pagina Facebook

Il nostro YOUTUBE

Iscriviti al nostro canale

Aiutaci a darti sempre di più

News Mania