25.4 C
Castellammare di Stabia
mercoledì, Agosto 17, 2022

Joseph Biden Jr. si è insediato ieri: giuramento e primo discorso VIDEO

Joseph Biden Jr. ha prestato giuramento ieri, mercoledì 21 gennaio 2021, impegnandosi ad affrontare una serie di sfide convulse e portare guarigione e unità a una nazione profondamente fratturata.

Joseph Biden Jr. si è insediato: giuramento e primo discorso VIDEO

Biden ha giurato con la mano sulla sua spessa Bibbia di famiglia davanti al giudice capo John G. Roberts Jr. Accanto a lui sua moglie Jill Biden.

Qualche istante prima aveva prestato giuramento anche Kamala D. Harris, diventando la prima vicepresidente donna del paese, e anche la prima nera americana nonché la prima persona con origini asiatiche a ricoprire la seconda carica più alta della nazione. Kamala D. Harris, aveva giurato con la mano su due Bibbie, una di un amico di famiglia e la seconda di Thurgood Marshall, il primo giudice afroamericano della Corte Suprema.

“Questo è il nostro momento storico di crisi e sfida”, ha detto Biden nel discorso inaugurale con il quale ha invitato l’America a porre fine alla sua “guerra incivile” e ad abbracciare un fronte unito per affrontare , insieme, pandemia, crisi economica e divisione nazionale: “L’unità è la strada da percorrere. E dobbiamo incontrare questo momento come gli Stati Uniti d’America. Se lo facciamo, vi garantisco che non falliremo “.

My distinguished guest my fellow americans, this is america’s day this is democracy’s day, a day of  history and hope of renewal and resolve through a crucible for the ages.

America has been tested anew and america has risen to the challenge.

Today we celebrate the triumph not of a candidate, but of a cause, the cause of democracy.

The people, the will of the people, has been heard, and the will of the people has been heeded.

We’ve learned again that democracy is precious, democracy is fragile, at this hour my friends democracy has prevailed, so now on this hallowed ground where just a few days ago violence sought to shake the capital’s very foundation, we come together as one nation, under God indivisible, to carry out the peaceful transfer of power as we have for more than two centuries.

As we look ahead, in our uniquely american way, restless, bold, optimistic and set our sights on the nation, we know we can be and we must be.

I thank my predecessors of both parties for their presence here today, i thank them from the bottom of my heart and i know, and i know, the resilience of our constitution and the strength, the strength, of our nation as does president Carter who i spoke with last night, who cannot be with us today, but whom we salute for his lifetime in service.

I’ve just taken the sacred oath, each of those patriots have taken the oath first sworn by george Washington, but the American story depends not on any one of us, not on some of us, but on all of us, on we the people who seek a more perfect union.

This is a great nation, we are good people and over the centuries, through storm and strife in peace and in war, we’ve come so far.

But we still have far to go.

We’ll press forward with speed and urgency for we have much to do in this winter of peril and significant possibilities. Much to repair, much to restore, much to heal, much to build and much to gain.

Few people in our nation’s history have been more challenged, or found a time more challenging or difficult than the time we’re in now once in a century virus that silently stalks the country has taken as many lives in one year as america lost in all of world war.

Millions of jobs have been lost, hundreds of thousands of businesses closed, a cry for racial justice some 400 years in the making moves us.

The dream of justice for all will be deferred no longer. A cry for survival comes from planet itself, a cry that can’t be any more desperate or any more clear, and now a rise of political extremism white supremacy to my feet.

To overcome these challenges, to restore the soul and secure the future of America, requires so much more than words requires the most elusive of all things in a democracy unity, unity.

In another january on new year’s day in 1863, Abraham Lincoln signed the emancipation proclamation.

When he put pen to paper, the president said, and i quote:

“if my name ever goes down into history it’ll be for this act, and my whole soul is in, it my whole soul is in it”.

Today, on this january day, my whole soul is in this bringing america together, uniting our people united in our nation, and i ask every american to join me in this cause uniting to fight the foes we face, anger, resentment and hatred, extremism, lawlessness, violence, disease, joblessness and hopelessness

With unity we can do great things. Important things. We can right wrongs we can put people to work in good jobs, we can teach our children in safe schools, we can overcome the deadly virus, we can reward reward work, and rebuild the middle class, and make health care secure for all. We can deliver racial justice and we can make america once again the leading force for good in the world.

I know speaking of unity can sound to some like a foolish fantasy these days, i know the forces that divide us are deep and they are real, but i also know they are not ne. Our history has been a constant struggle between the american ideal, that we all are created equal, and the harsh ugly reality that racism nativism fear demonization have long torn us apart.

The battle is perennial and victory is never assured through civil war the great depression world war 9 11,

Through struggle, sacrifice, and setbacks, our better angels have always prevailed in each of these moments,

Enough of us, enough of us, have come together to carry all of us forward, and we can do that now

History faith and reason show the way the way of unity we can see each other not as adversaries but as neighbors, we can treat each other with dignity and respect, we can join forces, stop the shouting and lower the temperature, for without unity there is no peace, only bitterness and fury, no progress, only exhausting outrage, no nation, only a state of chaos

This is our historic moment of crisis and challenge, and unity is the path forward, and we must meet this moment as the United States of America. If we do that, i guarantee you we will not fail. We have never, never, never failed in America when we’ve acted together and so today, at this time, in this place, let’s start afresh all of us let’s. Begin to listen to one another again, hear one another, see one another, show respect to one another.

Politics doesn’t have to be a raging fire destroying everything in its path. Every disagreement doesn’t have to be a cause for total war, and we must reject the culture in which facts themselves are manipulated and even manufactured.

My fellow americans, we have to be different than this. America has to be better than this and I believe America is so much better than this.

Just look around, here we stand in the shadow of the capital dome, as was mentioned earlier, completed amid the civil war, when the union itself was literally hanging in the balance, yet we endured, we prevailed

Here we stand looking out on the great mall where dr king spoke of his dream, here we stand. We’re, 108 years ago, at another inaugural. Thousands of protesters tried to block brave women marching for the right to vote, and today we mark the swearing of the first woman in american history elected to national office vice president, kamala Harris, don’t tell me things can’t change

Here we stand across the Potomac, from Arlington cemetery, where heroes who gave the last full measure of devotion rest in eternal peace. And here we stand just days after a riotous mob thought they could use violence to silence the will of the people, to stop the work of our democracy, to drive us from this sacred ground. It did not happen, it will never happen, not today, not tomorrow, not ever, not ever.

To all those who supported our campaign i’m humbled by the faith you’ve placed in us to all those. Who did  not support us let me say this: hear me out, as we move forward take a measure of me and my heart and if you still disagree so be it that’s democracy that’s America. The right to dissent peaceably in the guard rails of our republic is perhaps this nation’s greatest strength, yet hear me clearly: disagreement must not lead to disunion and i pledge this to you, i will be a president for all americans, all americans, and i promise you i will fight as hard for those who did not support me as for those who did.

Many centuries ago saint Augustine, a Saint of my church, wrote to the people was a multitude defined by the common objects, of their love defined, by the common objects of their love. What are the common objects we as americans love, that define us as americans, i think we know opportunity, security, liberty, dignity, respect, honor and yes, the truth.

Recent weeks and months have taught us a painful lesson there is truth and there are lies, lies told for power and for profit, and each of us has a duty and a responsibility as citizens, as americans, and especially as leaders, leaders who have pledged to honor our constitution and protect our nation to defend the truth and defeat the lies,

Look, i understand that many of my fellow americans view the future with fear and trepidation, i understand they worry about their jobs, i understand, like my dad, they lay at bed staring at the night, staring at the ceiling, wondering can i keep my health? care can i pay my mortgage? thinking about their families about what comes next.

I promise you I get it but the answer is not to turn inward to retreat into competing factions, distrusting those who don’t look like look like you, or worship the way you do, or don’t get their news from the same sources you do.

We must end this uncivil war that pits red against blue, rural versus Ireland or rural versus urban, conservative versus liberal.

We can do this if we open our souls instead of hardening our hearts, if we show a little tolerance and humility, and if we’re willing, to stand in the other person’s shoes, as my mom would say, just for a moment. Stand in their shoes because here’s the thing about life, there’s no accounting for what fate will deal you. Some days when you need a hand there are other days when we’re called to lend a hand.

That’s how it has to be, that’s what we do for one another, and if we are this way our country will be stronger more prosperous more ready for the future and we can still disagree my fellow americans,

In the work ahead of us we’re going to need each other we need all our strength to preserve, to persevere through this dark winter.

We’re entering what may be the toughest and deadliest period of the virus we must set aside politics and finally face this pandemic as one nation, one nation, and i promise you this as the bible says weeping may endure for a night but joy cometh in the morning we will get through this together together.

Look folks all my colleagues i serve with in the house and the senate up here we all understand the world is watching watching all of us today so here’s my message of those beyond our borders: America has been tested and we’ve come out stronger for it we will repair our alliances and engage with the world once again not to meet yesterday’s challenges, but today’s and tomorrow’s challenges, and will lead not merely by the example of our power but by the power of our example

We’ll be a strong and trusted partner for peace progress and security. Look, you all know we’ve been through so much in this nation and my first act as President like to ask you to join me in a moment of silent prayer, remember all those who have lost this past year to the pandemic, those four hundred thousand fellow americans moms, dads, husbands, wives, sons, daughters, friends, neighbors and co-workers. We’ll honor them by becoming the people and the nation we know, we can and should be, so i ask you: let’s say a silent prayer for those who’ve lost their lives and those left behind and for our country amen.

Folks, this is a time of testing, we face an attack under democracy and on truth, a raging virus, growing inequity, the sting of systemic racism, a climate in crisis, america’s role in the world.

Any one of these would be enough to challenge us in profound ways, but the fact is we face them all at once, presenting this nation with the one of the greatest responsibilities we’ve had.

Now we’re going to be tested are we going to step up all of us it’s time for boldness for there’s so much to do and this is certain.

I promise you we will be judged, you and I, by how we resolve these cascading crises of our era: we will rise to the occasion is the question? will we master this rare and difficult hour when we meet our obligations and pass along a new and better world to our children? i believe we must i’m sure you do as well, i believe we will, and when we do we’ll write the next great chapter in the history of the united states of America

The american story a story that might sound something like a song that means a lot to me it’s called american anthem there’s one verse that stands out at least for me and it goes like this the work and prayers of century have brought us to this day what shall be our legacy what will our children say let me know in my heart when my days are through America.

America, i gave my best to you let’s add us add our own work and prayers to the unfolding story of our great nation. If we do this, then, when our days are through, our children and our children’s children, will save us they gave their best, they did their duty they healed the broken land

My fellow americans i closed the day where i began with the sacred oath before god and all of you. I give you my word, i will always level with you, i will defend the constitution, i’ll defend our democracy, i’ll defend america and will give all, all of you, keep everything you i do in your service thinking not of power but of possibilities, not a personal interest but the public good, and together we shall write an American story of hope, not fear of unity, not division of light, not darkness. Una story of decency and dignity, love and healing, greatness and goodness.

May this be the story that guides us, the story that inspires us and the story that tells ages yet to come, that we answer the call of history we met the moment democracy and hope, truth and justice, did not die on our watch but thrived. That America secured liberty at home and stood once again as a beacon to the world that is what we owe our forebearers one another and generation to follow so with purpose and resolve we turn to those tasks of our time sustained by faith driven by conviction and devoted to one another and the country we love with all our hearts may god bless America and may god protect our troops.

Thank you America.

Miei illustri ospiti, miei colleghi americani, questo è il giorno dell’America, questo è il giorno della democrazia, un giorno di storia e speranza di rinnovamento e risoluzione attraverso un crogiolo.per secoli

L’america è stata messa alla prova di nuovo e l’America ha raccolto la sfida.

Oggi celebriamo il trionfo non di un candidato, ma di una causa, la causa della democrazia.

Il popolo, la volontà del popolo, è stata ascoltata, e la volontà del popolo è stata ascoltata.

Abbiamo imparato di nuovo che la democrazia è preziosa, la democrazia è fragile, a quest’ora amici miei la democrazia ha prevalso, così ora su questo terreno sacro dove solo pochi giorni fa la violenza ha cercato di scuotere le fondamenta stesse della capitale, ci riuniamo come una nazione, sotto Dio indivisibile, per portare a termine il trasferimento pacifico di potere come abbiamo da più di due secoli.

Mentre guardiamo avanti, nel nostro modo univocamente americano, irrequieto, audace, ottimista e puntiamo gli occhi sulla nazione, sappiamo che possiamo esserlo e dobbiamo esserlo.

Ringrazio i miei predecessori di entrambe le parti per la loro presenza qui oggi, li ringrazio dal profondo del cuore e conosco, e conosco, la resilienza della nostra costituzione e la forza, la forza, della nostra nazione come ha fatto il presidente Carter con cui ho parlato ieri sera e che non può essere con noi oggi, ma che salutiamo per la sua vita in attività.

Ho appena prestato il sacro giuramento, ognuno di quei patrioti ha prestato il giuramento dopo il primo di George Washington, ma la storia americana non dipende da nessuno di noi, non da alcuni di noi, ma da tutti noi, noi, le persone che cercano un’unione più perfetta.

Questa è una grande nazione, siamo brave persone e nel corso dei secoli, attraverso tempeste e conflitti in pace e in guerra, siamo arrivati ​​così lontano.

Ma abbiamo ancora molta strada da fare.

Andremo avanti con velocità e urgenza perché abbiamo molto da fare in questo inverno di pericolo e possibilità significative. Molto da riparare, molto da ripristinare, molto da guarire, molto da costruire e molto da guadagnare.

Poche persone nella storia della nostra nazione sono state più sfidate, o hanno trovato un momento più impegnativo o difficile del tempo in cui ci troviamo ora, in un secolo con un virus che insegue silenziosamente il paese ed ha preso tante vite in un anno quante ne ha perse in tutto l’America della guerra mondiale.

Milioni di posti di lavoro sono andati persi, centinaia di migliaia di attività commerciali chiuse, un grido di giustizia razziale richiesto da circa 400 anni ci commuove.

Il sogno di giustizia per tutti non sarà più rinviato. Un grido di sopravvivenza viene dal pianeta stesso, un grido che può non essere più disperato o più chiaro, e ora un aumento della supremazia bianca dell’estremismo politico davanti a noi.

Superare queste sfide, ripristinare l’anima e garantire il futuro dell’America, richiede molto di più di quanto le parole richiedano, richiedono la più sfuggente di tutte le cose in una democrazia, unità, unità.

In un altro gennaio, il giorno di capodanno nel 1863, Abraham Lincoln firmò la proclamazione di emancipazione.

Quando ha messo nero su bianco, il presidente ha detto, e cito:

“se il mio nome passerà mai alla storia sarà per questo atto, e tutta la mia anima è in esso, la mia intera anima è in esso”.

Oggi, in questo giorno di gennaio, tutta la mia anima è in questo riunire l’America, unire il nostro popolo unito nella nostra nazione, e chiedo a tutti gli americani di unirsi a me in questa causa unendoci per combattere i nemici che affrontiamo, rabbia, risentimento e odio, estremismo, illegalità, violenza, malattia, disoccupazione e disperazione.

Con l’unità possiamo fare grandi cose. Cose importanti. Possiamo correggere i torti, possiamo mettere le persone a lavorare in un buon lavoro, possiamo insegnare ai nostri figli in scuole sicure, possiamo sconfiggere il virus mortale, possiamo ricompensare il lavoro, e ricostruire la classe media, e rendere l’assistenza sanitaria sicura per tutti. Possiamo offrire giustizia razziale e possiamo rendere l’America ancora una volta la forza trainante del bene nel mondo

So che parlare di unità può suonare ad alcuni come una stupida fantasia in questi giorni, so che le forze che ci dividono sono profonde e sono reali, ma so anche che non sono nuove. La nostra storia è stata una lotta costante tra l’ideale americano, che tutti noi sono creati uguali, e la dura brutta realtà che il razzismo nativismo ha creato paura, demonizzazione, che ci ha a lungo lacerati.

La battaglia è perenne e la vittoria non è mai assicurata ed ha attraversato la guerra civile, la grande depressione, la guerra mondiale 9 11.

Attraverso la lotta, sacrificio, e battute d’arresto, i nostri migliori angeli hanno sempre prevalso in ciascuno di questi momenti.

Un numero sufficiente di noi, un numero sufficiente di noi, si è riunito per portare avanti tutti noi, e possiamo farlo ora.

La fede e la ragione della storia mostrano la via dell’unità in cui possiamo vederci l’un l’altro non come avversari ma come vicini, che possiamo trattare ciascuno altro con dignità e rispetto, possiamo unire le forze, fermare le urla e abbassare la temperatura, perché senza unità non c’è pace, solo amarezza e furia, nessun progresso, solo estenuante indignazione, nessuna nazione, solo uno stato di caos.

Questo è il nostro momento storico di crisi e sfida, e l’unità è la strada da percorrere, e dobbiamo affrontare questo momento come Stati Uniti d’America. Se lo facciamo, garantisco che non falliremo. Non abbiamo mai, mai, mai fallito in America quando abbiamo agito insieme e così oggi, in questo momento in questo posto, ricominciamo tutti noi. Cominciamo ad ascoltarci di nuovo, a sentirci l’un l’altro, vederci, mostrare rispetto l’uno per l’altro

La politica non deve essere un fuoco impetuoso che distrugge tutto sul suo cammino. Ogni disaccordo non deve essere motivo di guerra totale, e dobbiamo rifiutare la cultura in cui i fatti stessi vengono manipolati e persino fabbricati.

Miei compatrioti, dobbiamo essere diversi da questo. L’America deve essere migliore di questa, e credo che l’America sia molto meglio di così.

Guardati intorno, qui siamo all’ombra della cupola della capitale, come è stato accennato in precedenza, completata durante la guerra civile, quando l’unione stessa era letteralmente in bilico, eppure abbiamo resistito, abbiamo vinto.

Qui siamo in piedi a guardare il grande centro commerciale dove il dottor King ha parlato del suo sogno, eccoci in piedi. Siamo. dopo 108 anni, in un’altra inaugurazione. Migliaia di manifestanti hanno cercato di bloccare le donne coraggiose che marciavano per il diritto di voto, e oggi celebriamo il giuramento della prima donna nella storia americana eletta alla carica nazionale vice presidente, kamala Harris,non ditemi che le cose non possono cambiare.

Qui siamo dall’altra parte del Potomac, dal cimitero di Arlington, dove gli eroi che hanno dato l’ultima piena misura di devozione riposano in pace eterna. Ed eccoci qui pochi giorni dopo che una folla ribelle pensava di poter usare la violenza per mettere a tacere la volontà della gente, per fermare il lavoro della nostra democrazia, per allontanarci dal suo suolo sacro. Non è accaduto, non accadrà mai, non oggi, non domani, non mai, non mai.

A tutti coloro che hanno sostenuto la nostra campagna dico che sono onorato dalla fede che hanno riposto in noi. A tutti coloro che non ci hanno sostenuto lasciami dire questo: ascoltami, mentre andiamo avanti prendi una misura di me e del mio cuore e se tu ancora dissenti, ok, questa è la democrazia, è l’America. Il diritto di dissentire pacificamente nei guard rail della nostra repubblica è forse la più grande forza di questa nazione, ma ascoltami chiaramente: il disaccordo non deve portare alla disunione e ti prometto questo, sarò un presidente per tutti gli americani, tutti gli americani, e vi prometto che combatterò duramente per coloro che non mi hanno sostenuto come per quelli che lo hanno fatto.

Molti secoli fa sant’Agostino, un Santo della mia chiesa, scrisse che la gente era una moltitudine definita dagli oggetti comuni del loro amore, definiti dagli oggetti comuni del loro amore. Quali sono gli oggetti comuni che noi americani amiamo, che ci definiscono americani, penso di sapere che sono opportunità, sicurezza, libertà, dignità, rispetto, onore e sì, la verità.

Le ultime settimane e mesi ci hanno insegnato una dolorosa lezione, che c’è la verità e ci sono bugie, bugie dette per potere e per profitto, e ognuno di noi ha un dovere e una responsabilità come cittadini, come americani e soprattutto come leader, leader che si sono impegnati a onorare la nostra costituzione e proteggere la nostra nazione per difendere la verità e sconfiggere le bugie.

Guarda, capisco che molti americani vedono il futuro con paura e trepidazione, capisco che si preoccupano del loro lavoro, capisco che loro, come il mio papà, stanno a letto fissando la notte, fissando il soffitto, chiedendosi: posso mantenere la mia assistenza sanitaria? posso pagare il mutuo? pensando alle loro famiglie e su come sarà il futuro.

Io assicuro che lo capisco, ma la risposta non è quella di ripiegarsi su se stesso per ritirarsi in fazioni concorrenti, diffidando di coloro che non ti assomigliano o adorando i tuoi simili, o non ricevono le loro notizie dalle tue stesse fonti.

Dobbiamo porre fine a questa guerra incivile che mette il rosso contro il blu, rurale contro urbano, conservatore contro liberale.

Possiamo farlo se apriamo le nostre anime invece di indurire i nostri cuori, se mostriamo un po’ di tolleranza e umiltà, e se siamo disposti a farlo, mettiti nei panni dell’altra persona, come direbbe mia madre, solo per un momento. Mettiti nei loro panni perché ecco la realtà della vita, non c’è nota di come sarà il tuo destino. Alcuni giorni abbiamo bisogno di una mano, altri giorni siamo chiamati dare una mano.

E’ così che deve essere, questo è quello che facciamo l’uno per l’altro, e se siamo così il nostro paese sarà più forte, più prospero, più pronto per il futuro e possiamo ancora non essere d’accordo con gli altri americani.

Nel lavoro che ci aspetta noi avremo bisogno l’uno dell’altro, abbiamo bisogno di tutta la nostra forza per preservare, per perseverare in questo inverno oscuro.

Stiamo entrando in quello che potrebbe essere il periodo più duro e mortale del virus, dobbiamo mettere da parte la politica e affrontare finalmente questa pandemia come una nazione, una nazione, e ti prometto questo perché la Bibbia dice che il pianto può durare per una notte ma la gioia viene la mattina, ce la faremo insieme.

Guardo tutti i colleghi con cui collaboro in casa e al senato, e capiamo tutti che il mondo sta guardandoci per cui ecco il mio messaggio a coloro che sono oltre i nostri confini: l’America è stata testata e ne siamo usciti più forti, per questo ripareremo le nostre alleanze e ci impegneremo ancora una volta con il mondo non per affrontare le sfide di ieri, ma di oggi e le sfide di domani, e guideranno non solo con l’esempio del nostro potere ma con il potere del nostro esempio.

Saremo un partner forte e fidato per il progresso della pace e la sicurezza. Guardate, tutti voi sapete che abbiamo passato così tante cose in questa nazione e il mio primo atto come Presidente vorrei chiedervi di unirvi a me in un momento di preghiera silenziosa, ricordate tutti quelli che abbiamo perso lo scorso anno a causa della pandemia, quei quattrocentomila compagni americani, mamme, papà, mariti, mogli, figli, figlie, amici, vicini e colleghi di lavoro. Li onoreremo diventando le persone e la nazione che sappiamo, che possiamo e dovremmo essere, quindi vi chiedo: diciamo una preghiera silenziosa per coloro che hanno perso la vita e coloro che sono rimasti indietro e per il nostro paese amen.

Gente, questo è un momento di prova, affrontiamo un attacco alla democrazia e alla verità, un virus impetuoso, crescente disuguaglianza, il pungiglione del razzismo sistemico, un clima in crisi, il ruolo dell’America nel mondo.

Basterebbe uno qualsiasi di questi per sfidarci in modi profondi, ma il fatto è che li affrontiamo tutti in una volta, presentando a questa nazione una delle più grandi responsabilità che abbiamo avuto.

Ora siamo messi alla prova e per tutti noi è tempo di audacia perché c’è così tanto da fare e questo è certo.

Prometto che saremo giudicati, io e te, da come risolveremo queste crisi a cascata della nostra era: saremo all’altezza dell’occasione è la domanda? padroneggeremo quest’ora rara e difficile in cui adempiere ai nostri obblighi e trasmettere un mondo nuovo e migliore ai nostri figli? credo che dobbiamo essere sicuro che lo farai anche tu credo, che lo faremo, e quando lo faremo scriveremo il prossimo grande capitolo nella storia degli stati uniti d’America.

La storia americana, una storia che potrebbe suonare come una canzone che significa molto per me, si chiama inno americano, c’è un verso che spicca almeno per me e suona così: il lavoro e le preghiere del secolo ci hanno portato fino ad oggi quale sarà la nostra eredità, cosa diranno i nostri figli, fammi sapere nel mio cuore quando i miei giorni passeranno attraverso l’America

America, ho dato il mio meglio per voi, aggiungiamo il nostro lavoro e le nostre preghiere alla storia della nostra grande nazione. Se lo facciamo, poi, quando i nostri giorni saranno finiti, i nostri figli e i figli dei nostri figli, ci ricorderanno come quelli che hanno dato il loro meglio, hanno fatto loro dovere, hanno guarito la terra distrutta. Miei concittadini americani ho iniziato il giorno con il sacro giuramento davanti a dio e tutti voi. Vi do la mia parola, sarò sempre alla pari con voi, difenderò la costituzione, difenderò la nostra democrazia, difenderò l’America e darò a tutti voi tutto ciò che faccio al vostro servizio pensando non al potere, ma alle possibilità, non un interesse personale, ma il bene pubblico, e insieme scriveremo una storia americana di speranza, non paura dell’unità, non divisione di luce, non oscurità. Una storia di decenza e dignità, amore e guarigione, grandezza e bontà.  Possa questa essere la storia che ci guida, la storia che ci ispira e la storia che racconta le epoche ancora a venire, che rispondiamo al richiamo della storia dimostrando che democrazia e speranza, verità e giustizia, non sono morte sotto i nostri occhi, ma hanno prosperato. Che l’America si è assicurata la libertà in patria e si è levata ancora una volta come un faro per il mondo, questo è ciò che dobbiamo ai nostri antenati l’un l’altro e la generazione a seguirci, quindi con scopo e determinazione ci voltiamo a quei compiti del nostro tempo sostenuti dalla fede guidata dalla convinzione e devoti gli uni agli altri e il paese che amiamo con tutto il cuore possa Dio benedire l’America e possa Dio proteggere le nostre truppe.

Grazie America.

Il video del giuramento di entrambi con, a seguire, il primo discorso (con la trascrizione) che il neo Presidente ha tenuto subito dopo il giuramento.

Stanislao Barretta

© TUTTI I DIRITTI RISERVATI. Si diffida da qualsiasi riproduzione o utilizzo, parziale o totale, del presente contenuto. È possibile richiedere autorizzazione scritta alla nostra Redazione. L’autorizzazione prevede comunque la citazione della fonte con l’inserimento del link del presente articolo e delle eventuali fonti in esso citate

Vivi Radio

Ultime Notizie

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ti potrebbe interessare

ViviCentro TV


Da leggere

Cambia Impostazioni della Privacy