Skip to content Skip to sidebar Skip to footer

Ascolta la Webradio

Romain Grosjean, il vero vincitore del GP del Bahrain

Romain Grosjean, il vero vincitore del GP del Bahrain

Romain Grosjean

In una gara particolare in cui lo spavento, e poi il sollievo, l’hanno fatta da padrone. Dove Hamilton ha vinto il GP, Grosjean invece la gara più importante della sua vita

 

Romain Grosjean, il vero vincitore del GP del Bahrain

Attimi di paura, di apprensione e poi di gioia. Sono stati venti secondi lunghissimi quelli che hanno visto Romain Grosjean uscire indenne tra le fiamme dopo l’incredibile botto che ha visto la sua Haas spaccarsi a metà. Sì, a metà. Ci sarebbero tante domande da porsi: come è stato possibile che la vettura si sia distrutta in quel modo? Come mai ha preso fuoco? E soprattutto come ha fatto Grosjean a salvarsi. Un miracolo. Ma fortunatamente il miracolo al quale tutti noi volevamo assistere.

 

Il messaggio di Grosjean:”Sto bene, grazie a tutti”

Il pilota della Haas è stato trasportato ovviamente di corsa all’ospedale e sottoposto a tutti gli accertamenti del caso. Solo ustioni, nessuna frattura, e anche una dedica speciale all’Halo che gli salvato la vita. “Ciao a tutti, volevo dirvi che sto bene – ha detto il pilota francese in un videomessaggio su Instagram, volevo ringraziarvi per tutti i vostri messaggi di sostegno. Qualche anno fa ho detto di essere contrario all’Halo, ma senza di lui oggi non sarei qui a parlare con voi… Grazie alla FIA, agli steward e ai medici che mi hanno assistito sul circuito e qui in ospedale. Spero di vedervi presto“.

 

Il pauroso incidente

È il caso però di dover analizzare anche la dinamica dell’incidente, e qui tutte le responsabilità del caso se le prende sempre Grosjean. Il contatto che ha scaturito il terribile incidente è nato con Kvyat. Grosjean, convinto di essere più veloci di quelli avanti a lui, ha cercato di spostarsi sull’esterno senza rendersi conto che lì c’era Kvyat. Contatto tra i due che portato poi il pilota francese fuori  pista e all’impatto avvenuto a 221 Km/h.

 

La gara del Bahrain

In tutto questo però, alla fine si è riscesi in pista. A vincere è stato come sempre Lewis Hamilton che ha chiuso davanti alle due Red Bull di Verstappen e Albon. Il thailandese si sta giocando la permanenza come compagno di super Max e chissà che questa gara non possa essere stata determinante per far cambiare idea a qualche dirigente più propenso all’arrivo di Hulkenberg. Discorso totalmente inverso invece per la Ferrari che in Bahrain non si è assolutamente vista. Zero. Come mai? Perché in una pista del genere una cosa fa la differenza: il motore, proprio quello che  a questa SF1000 manca da inizio stagione.