Pochesci: “Ho visto una grande Juve Stabia. Pandolfi poteva farne 3”

LEGGI ANCHE

Visite : 0

Sandro Pochesci, allenatore della Juve Stabia, è intervenuto in conferenza stampa al termine del match perso contro la Virtus Francavilla.

Le dichiarazioni di Pochesci sul match tra Virtus Francavilla e Juve Stabia sono state raccolte e sintetizzate dalla redazione di ViViCentro.it.

“Mi è piacito come abbiamo giocato. Abbiamo giocato a viso aperto in un campo difficilissimo, stretto, dove la palla non esce mai. Tante occasioni da gol create. Pandolfi una anche senza portiere. Quando sbagli poi paghi.

Ritrovarti sconfitto dopo tante occasioni fa gol create ti fa stare male. A me è piaciuto moltissimo come abbiamo giocato. E poi avevamo tante assenze. Ho dovuto mettere D’Agostino a centrocampo. La più bella partita giocata da quando sono a Castellammare. Non posso rimproverare niente ai ragazzi. 

Pandolfi oggi poteva fare minimo tre gol perchè è stato tre volte a contatto col loro portiere. 

Non parliamo di salvezza, se oggi facevamo risultato eravamo a ridosso del Monopoli. Si va dalle stelle alle stalle troppo facilmente.

Oggi ho visto una squadra viva, sana. Ho visto una grande Juve Stabia. Abbiamo preso un gol da trenta metri, un autorete e il terzo gol quando eravamo tutti sbilanciati. Mi tengo una prestazione in cui la Juve Stabia ha giocato decisamente meglio. Già il pareggio mi sarebbe stato stretto, figurarsi perdere. 

Mi piace vincere con un gol più dell’avversario. Ma oggi non posso dire niente alla mia squadra. Io sono soddisfatto, se facevamo 3 o 4 gol non c’era niente da dire. Il primo tempo se si chiudeva 2-0 non c’era niente da eccepire.

Ci è capitato lo stesso film che il Giugliano ha visto in casa nostra domenica scorsa. Oggi ho visto a tratti una grande Juve Stabia. Con le squadre di Calabro è difficile che arrivi a tirare tante volte e oggi abbiamo tirato tante volte”. 


Juve Stabia TV


Confsal: Sindacato e politica a confronto presso l’Hotel Golden Tower di Napoli

Il ministro Tajani: Il lavoro al centro dell’azione politica in Europa
Pubblicita

Ti potrebbe interessare