28.3 C
Castellammare di Stabia

Vivi Radio

venerdì, Maggio 27, 2022

Presidenziali 2022: Emmanuel Macron rieletto, la battaglia continua

Da leggere

Presidenziali 2022: Emmanuel Macron rieletto, la stampa estera accoglie con favore la sua vittoria ma è preoccupata per una Francia astensionista e polarizzata. La battaglia legislativa è già avviata.

Gli oppositori del Capo dello Stato chiedono ora di organizzarsi per impedirgli di ottenere la maggioranza in Assemblea nazionale il prossimo giugno.

A poche ore dalla rielezione del presidente uscente, i media internazionali hanno fatto sentire il loro sollievo ma hanno sottolineato il punteggio storico del Raduno Nazionale.

Per riassumere quanto è accaduto con l’elezione del Presidente della Repubblica francese, che ha assegnato la vittoria a Emanuel Macron, a seguire riporto i dati finali della partecipazione alle elezioni seguita da una parte delle analisi fatte in Francia e della rassegna riportata da Le Figarò

  • Popolazione Francese: (65.564.756 persone)
  • Registrati: 74,36% (48.752.500)
  • Partecipazione: 71,99% (35.096.391)
  • Astensione: 28,01 % (13.656.109)
  • Schede valide: 91,40% (32.077.401)
  • Schede vuote: 6,35% (2.228.044)
  • Assenteismo: 2,25% (790.946)

Le Opinioni

Per le elezioni legislative: “la palla è in campo” del Ps, secondo Manuel Bompard

La France indomita è pronta a discutere con il Ps per un’alleanza in vista delle elezioni legislative, ma a condizione di “chiarimenti programmatici” , che fanno dire a Manuel Bompard che “la palla è nel loro campo”.

Con il suo 22% al primo turno delle presidenziali, Jean-Luc Mélenchon, che vuole che i francesi lo eleggano “Primo Ministro” , detiene le chiavi della manifestazione della sinistra: il suo partito ha avviato discussioni bilaterali all’inizio del settimana con EELV, PCF e NPA, non ancora con PS.

“Socialisti, per il momento, quello che abbiamo detto è che non c’era esclusività dalla nostra parte, ma che era necessario per loro fare un certo numero di chiarimenti programmatici” ,

ha spiegato a Francinfo l’ex responsabile della campagna di Jean-Luc Mélenchon .

Emmanuel Macron è il presidente più “mal eletto” della Quinta Repubblica?

“Macron è il più mal eletto dei presidenti della Quinta Repubblica”. 

È quanto ha detto Jean-Luc Mélenchon la sera della vittoria di Emmanuel Macron , che ha ottenuto il 58,5% dei voti contro Marine Le Pen che ha ottenuto circa il 42% dei voti.

Ma è corretta questa affermazione?

In realtà, in termini di numero di voti, Emmanuel Macron è ben lungi dall’essere quello che ha vinto di meno.

Per questa nuova elezione ha ottenuto più di 18,77 milioni di voti.

Nel 2017 questa cifra è salita a 20,7 milioni mentre la giovane candidata ha affrontato Marine Le Pen.

Molto meno però di Jacques Chirac nel 2002 che, contro il Fronte Nazionale di Jean-Marie Le Pen, ha raccolto più di 25,5 milioni.

E molto di più del punteggio ottenuto da Georges Pompidou nel 1969, ovvero 11 milioni di voti.

La rassegna fatta da Le Figarò

” Macron vince , ma non ha molto da festeggiare “ . Questa frase, scritta ieri sera da un giornalista tedesco della Bild , illustra le preoccupazioni espresse dalla stampa estera, a poche ore dalla rielezione del Presidente della Repubblica.

Se i titoli internazionali salutano la vittoria di Emmanuel Macron, in molti si affrettano a sottolineare l’importanza significativa del tasso di astensione in questo secondo turno.

Lo sottolinea in particolare il quotidiano spagnolo El Pais .

” Il tasso di astensione intorno al 28%, il più alto dal 1969, testimonia il disinteresse di una parte dell’elettorato e il rifiuto di un’altra parte di scegliere tra i due finalisti “,

si legge oggi.

Un dato significativo che spiega il quotidiano tedesco Bild con un susseguirsi di ” crisi che Emmanuel Macron ha dovuto gestire durante il suo primo mandato “.

Se i media elencano “ il Coronavirus, il terrorismo islamista e l’inflazione ”, ritengono anche che il tasso di astensione” sia dovuto allo stesso Emmanuel Macron: il presidente non ha fatto molto per correggere la sua immagine di rappresentante arrogante .

Salvare la democrazia

Al di là dell’astensione, tutti gli occhi sono puntati sullo storico punteggio del party di Marine Le Pen.

Il quotidiano polacco Rzeczpospolita mostra una vera preoccupazione per questo:

“ Il presidente sta salvando la democrazia e l’Europa unita. Ma il populismo non è mai stato così forte sulla Senna (…) 

Macron ha perso più di due milioni di voti rispetto al 2017.

E Marine Le Pen ha convinto ben il 41,5% degli elettori. 

Questo è un balzo in avanti rispetto alle elezioni di cinque anni fa, dove il leader di estrema destra vinse meno del 34% dei voti .”

In Italia, il Corriere della Sera giustifica questo risultato osservando un significativo divario sociale e territoriale.

«Le grandi città hanno scelto di rieleggere il presidente uscente, mentre le periferie e le province si sono schierate con Marine Le Pen (…)

Se la sola città di Parigi avesse votato, Emmanuel Macron non sarebbe al 58%, ma al 90%. Se, invece, avessero votato solo il Nord deindustrializzato o il Sud, rifugio dell’immigrazione, Marine Le Pen sarebbe presidente.»

Vittoria decisiva

Astensione, frattura sociale ma anche desiderio di unione.

Alla stampa estera non è sfuggito il messaggio martellato in casa dal presidente rieletto durante il suo discorso: unire i francesi.

” Il centrista filoeuropeo Emmanuel Macron ha promesso di unire una Francia divisa dopo aver vinto un secondo mandato come presidente francese, in una vittoria decisiva contro Marine Le Pen “, si legge sul Guardian .

” Durante il suo discorso di vittoria ai piedi della Tour Eiffel, Macron ha promesso di rispondere ”efficacemente” alla ”rabbia e al disaccordo” degli elettori che hanno scelto l’estrema destra “, continua l’articolo.

Nonostante tutto, alcuni articoli suggeriscono il loro ottimismo.

Il Washington Post saluta un presidente che ha “ respinto la minaccia dell’estrema destra ” e, con essa, “ uno sconvolgimento in Europa e nei rapporti con la Russia ”.

” La vittoria decisiva di Macron fornisce continuità alla Francia e altri cinque anni di stabilità politica per l’Unione Europea a 27 nazioni, che è stata scossa da anni di sfide da parte dei populisti di estrema destra, dalla Brexit, da una crisi migratoria e ora dalla guerra in Ucraina “, stima il quotidiano americano.

Dopo la sua rielezione, Macron si è ritirato nella residenza de La Lanterne

Domenica sera, dopo la sua rielezione a Presidente della Repubblica , il Capo dello Stato e la First Lady si sono ritirati nella residenza La Lanterne, come rivela RTL, dove trascorrono solitamente i fine settimana.

Situata a Versailles (Yvelines), questa residenza a disposizione degli inquilini dell’Eliseo era stata regolarmente reinvestita all’inizio del quinquennio, prima di essere abbandonata dalla coppia durante la crisi del Covid-19 e i successivi confinamenti.

Stanislao Barretta  / Redazione

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

ViviCentro TV


Ti potrebbe interessare

Vivi Radio

Ultime Notizie

- Pubblicità -
Cambia Impostazioni della Privacy