Nuovo Digitale Terrestre
Nuovo Digitale Terrestre

Nuovo Digitale Terrestre: domani, 20 Ottobre, lo “switch-off”

Da domani, 20 ottobre, parte il nuovo digitale terrestre. Rai e Mediaset dismetteranno l’ Mpeg-2 in favore del Mpeg-4 per alcuni dei propri canali.

La novità riguarda trasmissioni per lo più tematiche, scelte su base volontaria dalle emittenti e che pertanto saranno visibili soltanto in alta definizione (Hd) che, solitamente, è già prevista, e quindi compatibile, nei televisori venduti sin dal 2010.

Per sapere se il televisore o il decoder sono compatibili con l’HD basta sintonizzarsi su un qualsiasi canale in alta definizione premettendo io 500 (50) al solito numero utilizzato e quindi: 501 per Raiuno HD, 505 per Canale 5 HD, 507 per La7 HD e, se ne riceviamo correttamente anche solo uno, allora nessun problema, il nostro TV è OK e quindi siamo a posto per cui basterà solo risintonizzarli dopo il 20 ottobre e così continuare a vedere i 9 canali della Rai (: Rai 4, Rai 5, Rai Movie, Rai YoYo, Rai Sport+ HD, Rai Storia, Rai Gulp, Rai Premium e Rai Scuola), i 6 di Mediaset (Mpeg4 TgCom 24, Mediaset Italia 2, Boing Plus, Radio 105, R101 Tv e Virgin Radio Tv) e quelli della 7 in HD

NOTA: Per ora, ma solo temporaneamente, tutti i telespettatori, a prescindere dalle caratteristiche del proprio apparecchio, potranno continuare a vedere i canali generalisti, quindi Rai 1, Rai 2, Rai 3, Rainews25, Canale 5, Italia 1 e Rete 4.

Ma questo è solo il primo passaggio tecnologico. Con il secondo, e più importante, si passerà dal sistema Dvb-T al Dvb-T2, ovvero al nuovo digitale terrestre.

Un televisore compatibile con l’HD, quindi, non è detto che lo sia anche con quest’ultimo formato. Anche qui alcuni di noi avranno bisogno di adeguare il televisore o il decoder, ma c’è tempo: quest’ultimo passaggio sarà concluso solo nel gennaio 2023.

Comunque, per sapere sin da subito se il nostro TV è già pronto anche per il nuovo digitale terreste, il Dvb-T2, ci sono due canali di test, il 100 per la Rai e il 200 per Mediaset: se leggiamo la scritta Test HEVC Main10, allora il TV è compatibile anche con il nuovo digitale terrestre e non c’è bisogno di cambiarlo.

L’importante, nell’eseguire il test, è che si vedano correttamente Raiuno sul canale 1 e/o Canale 5 sul quinto canale.

Se infatti non riceviamo correttamente i canali tradizionali non vedremo nemmeno quelli di test. In questo caso meglio risintonizzare il TV ed eseguire di nuovo il controllo.

Ricordiamo che per far fronte alla spesa dell’acquisto del nuovo televisore esiste un bonus che è cumulabile con il precedente incentivo (Bonus TV Decoder) per coloro che siano in possesso di tutti i requisiti richiesti. In questo modo, dunque, è possibile richiedere uno sconto maggiore.

Il primo, attivo dal 2019, è il bonus tv-decoder che permette di avere un contributo fino a 30 euro, ma è destinato solo alle famiglie con un Isee fino a 20mila euro.

Il secondo, che può essere cumulato al primo, è il bonus rottamazione tv a cui possono accedere tutti e che prevede, rottamando il vecchio TV, uno sconto del 20% sul prezzo d’acquisto del nuovo apparecchio fino ad un massimo di 100 euro. Questo bonus non prevede alcun limite ISEE, ma sarà riconosciuto una sola volta per nucleo familiare.

Sarà possibile sfruttare queste agevolazioni fino al termine del 2022 o all’esaurimento delle risorse stanziate dal governo.

A chi spetta? Il bonus nasce con lo scopo di incentivare le famiglie italiane ad acquistare un nuovo televisore o un decoder di ultima generazione, necessari a causa del passaggio al nuovo digitale terrestre.

Come ricevere lo sconto? In sostanza, lo sconto massimo praticabile è pari a 130 euro e non 150 euro. Per ottenere l’agevolazione, i clienti devono presentare al momento dell’acquisto la richiesta, attraverso l’apposito modulo disponibile sul sito del Ministero dello sviluppo economico, ma anche nei negozi.

Bisognerà dichiarare di avere la residenza in Italia e, per il secondo Bonus, non sarà necessario presentare il documento relativo all’Isee.

Dopo aver preparato la richiesta, si potrà procedere alla fase di acquisto del dispositivo.

Nel caso non si fosse certi di quale dispositivo acquistare, il Mise ha messo a disposizione per sicurezza una lista con tutti i prodotti per i quali è possibile richiedere il bonus. In ogni caso, le catene specificano con chiarezza, nei volantini e in negozio, se la tv è compatibile con il bonus.

Lo sconto si applica subito, al momento dell’acquisto

Nuovo Digitale Terrestre: domani, 20 Ottobre, lo “switch-off / Cristina Adriana Botis / Redazione

Ascolta la WebRadio