Italia-Finlandia, standing ovation per Fabio Quagliarella: lo stabiese entra a 10′ dal termine e sfiora il goal due volte

Italia-Finlandia, standing ovation per Fabio Quagliarella: entra a 10′ dal termine e sfiora il goal...

LEGGI ANCHE

Italia-Finlandia, standing ovation per Fabio Quagliarella: entra a 10′ dal termine e sfiora il goal due volte

Dieci minuti contro la Finlandia: questo il tempo concesso da Roberto Mancini a Fabio Quagliarella, che ritorna quindi a vestire la maglia azzurra a 9 anni dall’ultima presenza. L’attaccante di Castellammare di Stabia ha ricevuto la standing ovation del pubblico di Udine, città in cui ha lasciato un bellissimo ricordo dati i trascorsi in maglia bianconera. Il “vecchio” della Nazionale ci mette meno di un minuto per far saltare l’Italia dalla poltrona: cross dalla sinistra, grande incornata e gol sfiorato. Due minuti e la palla gli ricapita in area: l’attaccante della Sampdoria calcia da posizione defilata e scheggia la traversa! Nel finale rimprovera il giovanissimo Kean che si ferma sulla fascia per perdere tempo invece di attaccare l’area. Insomma, ancora tantissima fame per il capocannoniere della Serie A!

“Serata davvero emozionante, ci tengo a ringraziare il pubblico di Udine che mi ha acclamato anche in panchina. Un peccato non segnare. Spero di continuare così, sono sereno. Gioco con una squadra molto tecnica, so che la palla giusta prima o poi arriverà. Continuerò a fare bene con la Samp, è grazie ai miei compagni che sono ritornato in Nazionale.
Ritornare con la maglia azzurra proprio in questo Stadio dove ho passato anni stupendi è stato veramente molto bello.” Ha confidato l’attaccante ai microfoni di Rai 1 al termine della partita.
A segnare ci avevano già pensato i giovani: Barella e Kean hanno regalato i primi tre punti all’Italia nel girone di qualificazione per il Campionato Europeo.

RIPRODUZIONE RISERVATA

Violenza Forze dell’Ordine: Urgenza Riforma, Appello del Presidente

Aumento della violenza forze dell'ordine verso i giovani: il Presidente chiede una riforma urgente per ripristinare fiducia
Pubblicita

Ti potrebbe interessare