Choc a Quartucciu, neonato muore mentre la mamma lo allattava in piazza

Un tragico evento ha sconvolto la tranquilla cittadina di Quartucciu, situata nella Città metropolitana di Cagliari, dove un neonato di soli due mesi è morto tra le braccia della madre mentre veniva allattato in piazza Raffaele Piras

LEGGI ANCHE

Un tragico evento ha sconvolto la tranquilla cittadina di Quartucciu, situata nella Città metropolitana di Cagliari, dove un neonato di soli due mesi è morto tra le braccia della madre mentre veniva allattato in piazza Raffaele Piras. La notizia ha gettato nello sconforto l’intera comunità locale, lasciando tutti attoniti per la drammaticità di quanto accaduto.

Le cause della morte del piccolo non sono ancora state ufficialmente accertate, ma si stanno valutando diverse ipotesi. Tra queste, la possibilità di una malformazione congenita che potrebbe aver influito sulla sua salute fin dalla nascita, oppure l’eventualità che il decesso sia stato causato da un malore, forse collegato alle elevate temperature estive. Il caldo intenso di questi giorni è stato oggetto di preoccupazione per gli esperti, soprattutto riguardo ai neonati, che risultano particolarmente vulnerabili a situazioni di disidratazione a causa delle alte temperature ambientali.

Il tragico episodio si è verificato intorno alle 22:30, quando il padre, la madre, entrambi di 33 anni, e i nonni del neonato si trovavano all’aperto in cerca di un po’ di fresco per sfuggire alle temperature elevate. Durante questo momento di sollievo e intimità familiare, la madre stava allattando il bambino quando, improvvisamente, il piccolo ha perso conoscenza e le sue condizioni sono peggiorate in modo rapido e drammatico. I genitori, disperati, hanno cercato di rianimare il loro amato bimbo con l’aiuto di altre persone presenti in piazza, tentando inutilmente le manovre di rianimazione.

Le forze dell’ordine e il servizio di emergenza sanitaria sono stati immediatamente allertati riguardo all’accaduto. Il 118 è giunto prontamente sul luogo della tragedia con un’ambulanza medicalizzata, ma, purtroppo, nonostante tutti gli sforzi compiuti, non è stato possibile salvare il neonato. La notizia ha inevitabilmente scosso anche gli operatori sanitari e gli agenti delle forze dell’ordine presenti sul posto, testimoni impotenti di questa drammatica situazione.

In seguito al decesso del piccolo, il pm di turno ha disposto il trasferimento del corpicino presso il Policlinico universitario di Monserrato per sottoporlo a un’autopsia, al fine di chiarire le circostanze precise e approfondire le cause della morte. Inoltre, i carabinieri della Compagnia di Quartu sono stati incaricati di ricostruire nei minimi dettagli quanto accaduto, nella speranza di poter fornire una risposta alla famiglia del neonato e alla comunità intera, sconvolte da questa tragedia inaspettata.

Questo triste episodio ci ricorda quanto sia importante prestare massima attenzione e cura ai neonati durante i periodi di caldo intenso, essendo essi particolarmente vulnerabili agli effetti negativi delle alte temperature. La Società Italiana di Neonatologia ha ribadito che l’allattamento materno, o con latte artificiale in mancanza di latte materno, è fondamentale per fornire ai neonati sia i nutrienti necessari che l’adeguato apporto di liquidi, garantendo un corretto equilibrio idro-elettrolitico e aiutandoli a mantenere una buona salute.

In questo momento di dolore e lutto, l’intera comunità di Quartucciu si stringe intorno alla famiglia colpita dalla tragica perdita, augurando loro forza e conforto per affrontare questa terribile prova.

Casertana, Cangelosi: la Juve Stabia merita ma noi penalizzati

Vincenzo Cangelosi, allenatore della Casertana, ha rilasciato alcune dichiarazioni in conferenza al termine del match con la Juve Stabia
Pubblicita

Ti potrebbe interessare