Sciopero dei trasporti il 18 luglio: a rischio bus, metro e tram

LEGGI ANCHE

(Adnkronos) – Nuovo sciopero dei trasporti in arrivo questa estate.Lo stop sarà di 4 ore il prossimo 18 luglio, informano le organizzazioni sindacali firmatarie del Ccnl autoferrotranvieri-internavigatori.  “Nonostante l’impegno profuso sin dall’avvio della trattativa per il rinnovo del contratto nazionale del trasporto pubblico locale non si è riscontrata nelle controparti la stessa reale determinazione a ricercare soluzioni serie per dare risposte alle esigenze delle lavoratrici, dei lavoratori e dei cittadini” scrive la Uiltrasporti . “Anzi – continua il sindacato – abbiamo registrato da parte delle associazioni datoriali proposte inaccettabili, giustificate esclusivamente dall’insufficiente finanziamento del settore, e tese all’inasprimento delle condizioni lavorative”. “Insieme alle altre organizzazioni sindacali – prosegue la Uiltrasporti – responsabilmente, abbiamo sempre tentato di mantenere aperto il confronto con spirito propositivo e mai strumentale fino a che ciò è stato possibile, ma davanti alla palese indisponibilità a rinnovare il CCNL con un incremento economico in linea con l’aumento del costo della vita e con la rimodulazione della normativa nel segno di una migliore qualità lavorativa, non ci è stata lasciata alternativa allo sciopero, che, ricordiamolo sempre, rappresenta un grande sacrificio e la rinuncia a parte del proprio stipendio per rivendicare legittime istanze.  “Maggiore sicurezza, migliore conciliazione dei tempi di vita e lavoro, retribuzioni adeguate non sono capricci ma giuste rivendicazioni.

Il rinnovo del Ccnl non è un’opzione né una circostanza subordinata ma un sacrosanto diritto di lavoratrici e lavoratori di un settore, peraltro, cruciale per la vita e per l’economia dei cittadini di questo Paese, che invece si trovano ostaggio di posizioni strumentali e anacronistiche”. Lo sciopero, aggiungono, dalla Filt Cgil viene messo in campo per “rivendicare il diritto al rinnovo del contratto collettivo nazionale di lavoro e al miglioramento delle condizioni lavorative, sia normative che salariali”, chiedendo il rinnovo del contratto per avere un “incremento economico in linea con l’aumento del costo della vita, a rimodulare la parte normativa per consentire una migliore conciliazione tra tempi di vita e tempi di lavoro, nonché a individuare soluzioni atte a contrastare il fenomeno delle aggressioni al personale”. “Il rinnovo del Ccnl, scaduto a dicembre 2023, assume una valenza cruciale” conclude la Fit-Cisl. “Pertanto, auspichiamo un netto cambio di passo da parte delle associazioni datoriali, Agens, Anav e Asstra, e una piena assunzione di responsabilità nei confronti delle lavoratrici e dei lavoratori del settore, i quali rivendicano il loro diritto a migliori condizioni occupazionali, normative e salariali, e degli utenti con l’esigenza di garantire il servizio e gli obiettivi di sviluppo previsti dal Pnrr” conclude la Fit-Cisl.  —cronacawebinfo@adnkronos.com (Web Info)


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

‘’L’oroscopo di Nina’’ per l’8 Luglio 2024, in esclusiva per ViVicentro, scopri cosa ti riserva il futuro

Esplora l'oroscopo di Nina per l'8 Luglio 2024 con pagella del giorno, affinità astrali, piante e colori emozionali.
Pubblicita

Ti potrebbe interessare