1 contro 1 con Francesca Martusciello

Le parole della pugile Francesca Martusciello ospite ad A tu per tu

LEGGI ANCHE

Le parole della campionessa di boxe Francesca Martusciello intervenuta ai microfoni di Marco  Palomba e Carlo Ametrano

A tu per tu con la campionessa di boxe Francesca Martusciello

Francesca Martusciello, campionessa italiana di boxe, è intervenuta in esclusiva ai microfoni di Marco Palomba e Carlo Ametrano nel corso della rubrica “A tu per tu”. Ecco le sue dichiarazioni:

 

Francesca, cosa ne pensi del movimento pugilistico femminile?

“Il movimento pugilistico femminile è in grande crescita. Negli ultimi anni stiamo ottenendo risultati davvero importanti e si sta crescendo sempre di più.

 

Che mondiale hai visto?
“Irma riesce sempre a fare degli ottimi match. E’ senza dubbio una delle prime nel mondo. Le atlete sono cresciute davvero tantissimo, non solo in Italia, ma proprio il nostro paese riesce sempre a ottenere delle ottime prestazioni”.

 

Che mi dici invece dei giochi del mediterraneo?
“I risultati sono stati ottimi. Si dimostrare ancora una volta del buon lavoro si sta facendo”.

 

Campionati italiani targati Marcianise, vero?

“Questo da sempre. Marcianise, ma un po’ tutta la Campania, grazie a alcuni maestri che dedicano la loro carriera alle atlete permette di spiccare così tanto. Parliamo di una regione che ha portato veramente tanti tanti campioni”.

 

Quanta preparazione c’è in una pugile prima di un match?

“Un elemento imprescindibile è la tecnica. Un pugile deve essere tecnico, è una cosa che di solito devi avere. Bisogna tener conto e analizzare la tecnica del pugile. La preparaizone è molto impegnativa quindi non è semplice: parliamo di scambi veloci, molto intensi. Si cerca sempre di colmare i difetti, per cercare di non fare movimenti che non servono davvero al pugilato. Ma parliamo di uno sport molto completo”.

 

Il match che ricordi con più emozione?

“Senza dubbio la finale contro l’irlandese ai campionato europei del 2019. Indimenticabile, per tanti motivi: eravamo arrivate solo io e Irma in finale, ma anche perché si stava insieme e tutte spingevano per noi. Una sensazione incredibile”.

 

Quali sono i tuoi prossimi obiettivi?

“Sto finendo gli studi a Roma. Ho l’obiettivo e il sogno di voler allenare le pugili e restare nel mondo del pugilato”.

Ti affidi al portafortuna Carlo Ametrano!

“Quello sempre!”

 

Per ascoltare l’intervista a Francesca Martuscello clicca sul link che segue: http://chirb.it/dPAxhq

 

Juve Stabia, le emozioni della cavalcata travolgente delle Vespe

Juve Stabia, riviviamo le emozioni della magnifica cavalcata delle Vespe: un dominio incontrastato lungo 35 giornate fino alla matematica
Pubblicita

Ti potrebbe interessare