Ucraina, la spy story sui missili tedeschi. Medvedev: “Germania prepara attacco a Russia”

LEGGI ANCHE

(Adnkronos) –
La Germania discute la fornitura di missili a lungo raggio Taurus all'Ucraina e le ipotesi legate all'uso di queste armi nella guerra contro la Russia. Così, almeno, sembra a giudicare da una conversazione tra ufficiali delle forze armate intercettata e diffusa da Russia Today. Il caso di spionaggio, senza certezze e conferme sull'autenticità delle conversazioni, alza la tensione sulla asse Mosca-Berlino. La Germania sinora non ha inviato missili a lungo raggio all'Ucraina e ufficialmente esclude l'ipotesi di inviare tali armi a Kiev. I Taurus, viste le caratteristiche, potrebbero colpire il territorio russo. La diffusione delle intercettazioni ha innescato la reazione a Mosca, con Dmitry Medvedev in prima fila. Il vicepresidente del Consiglio di sicurezza della Federazione Russa sui social fa riferimento alla “conversazione telefonica tra gli ufficiali della Bundeswehr sugli attacchi pianificati contro il nostro Paese”, cavalcando l'onda e spingendosi decisamente oltre.  “I nostri storici avversari, i tedeschi, si sono trasformati ancora una volta nei nostri acerrimi nemici. Basta dare un'occhiata a quanto approfonditamente e in che dettaglio i crucchi discutono di attacchi missilistici a lungo raggio sul territorio russo e scelgono obiettivi e modi più praticabili per danneggiare la nostra Patria e il nostro popolo. E lo fanno senza tralasciare la retorica ingannevole sul non coinvolgimento della Germania nel conflitto. Solo poco tempo fa, qualcuno avrebbe potuto immaginarlo? E come si fa a reagire a questo in modo diplomatico? Io non lo so. Ma so una cosa. Il motto della seconda guerra mondiale è tornato attuale: morte ai fascisti”, tuona sui social l'ex presidente russo.  Nella conversazione a cui i media russi danno ampio risalto, si parla dell'ipotesi di inviare alle forze ucraine i missili Taurus di fabbricazione tedesca, del loro eventuale impatto sulla guerra e dell'eventuale uso di tali sistemi per raid sul ponte di Crimea. L'Ucraina da tempo chiede alla Germania questi missili ma Berlino rifiuta, denunciando il rischio di una escalation del conflitto.   
Ora, la Germania sta indagando sulle possibili intercettazioni di discussioni confidenziali fra ufficiali di alto rango delle Forze armate, ha reso noto il ministero della Difesa tedesco dopo la pubblicazione del contenuto di una registrazione. “Esaminiamo le comunicazioni relative alle forze militari che sono state oggetto di ascolti, il controspionaggio militare ha dispiegato tutte le misure necessarie”, ha spiegato un portavoce. “Bisogna capire se si tratta di un fatto eccezionale o di un problema di sicurezza strutturale” delle forze armate tedesche, ha dichiarato il Presidente della Commissione parlamentare di controllo sui servizi, Konstantin von Notz. La pubblicazione di informazioni di intelligence tedesche sulla guerra in Ucraina “è una questione molto seria ed è questo il motivo per cui ci sarà un'indagine molto accurata, molto estesa e molto rapida”, ha detto il cancelliere tedesco Olaf Scholz, a margine di una visita in Vaticano. Der Spiegel ha fatto riferimento alle parole di un portavoce del ministero della Difesa che ha annunciato un'indagine per scoprire “se comunicazioni interne nell'ambito dell'aeronautica militare” siano state intercettate.   —internazionale/esteriwebinfo@adnkronos.com (Web Info)

Ponte sullo Stretto: 239 Domande e Sfide Ambientali

Il governo affronta 239 interrogativi sul Ponte sullo Stretto, sollevati dal ministero dell'Ambiente, riguardanti le sfide ambientali e altro
Pubblicita

Ti potrebbe interessare