Sicurezza sul lavoro, dal 1 ottobre la patente a punti. Uil: “Vita di un operaio vale 20 crediti”

LEGGI ANCHE

(Adnkronos) –
Dal primo ottobre 2024 scatterà l'obbligo di detenere una patente a punti per le imprese per le imprese e i lavoratori autonomi che operano nei cantieri temporanei o mobili. E' quanto si legge in una bozza del dl Pnrr che è atteso oggi in Consiglio dei ministri.  La patente, si legge nella bozza del provvedimento, “è rilasciata, in formato digitale, dalla competente sede territoriale dell’Ispettorato nazionale del lavoro subordinatamente al possesso dei seguenti requisiti da parte del responsabile legale dell’impresa o del lavoratore autonomo richiedente: iscrizione alla camera di commercio industria e artigianato; adempimento, da parte del datore di lavoro, dei dirigenti, dei preposti e dei lavoratori dell’impresa, degli obblighi formativi di cui all’articolo 37; adempimento, da parte dei lavoratori autonomi, degli obblighi formativi previsti dal presente decreto; possesso del documento unico di regolarità contributiva in corso di validità (Durc); possesso del Documento di Valutazione dei Rischi (Dvr); possesso del Documento Unico di Regolarità Fiscale (Durf)”. La patente, si legge nella bozza del provvedimento, “è dotata di un punteggio iniziale di trenta crediti e consente” alle imprese e ai lavoratori autonomi “di operare nei cantieri temporanei o mobili, con una dotazione pari o superiore a 15 crediti”. “La patente subisce le decurtazioni correlate alle risultanze degli accertamenti e dei conseguenti provvedimenti definitivi emanati nei confronti dei datori di lavoro, dirigenti e preposti dell’impresa o del lavoratore autonomo: accertamento delle violazioni di cui all’Allegato I: 10 crediti; accertamento delle violazioni che espongono i lavoratori ai rischi indicati nell’Allegato XI: 7 crediti; provvedimenti sanzionatori di cui all’articolo 3, comma 3 e seguenti, del decreto-legge 22 febbraio 2002, n. 12 convertito dalla legge 23 aprile 2002, n. 73: 5 crediti; riconoscimento della responsabilità datoriale di un infortunio sul luogo di lavoro da cui sia derivata: la morte: 20 crediti; un'inabilità permanente al lavoro, assoluta o parziale: 15 crediti; un'inabilità temporanea assoluta che importi l'astensione dal lavoro per più di quaranta giorni: 10 crediti”. Nei casi infortuni da cui sia derivata la morte o un’inabilità permanente al lavoro, assoluta o parziale, la competente sede territoriale dell’Ispettorato nazionale del lavoro, si legge nella bozza del provvedimento, “può sospendere, in via cautelativa, la patente fino a un massimo di dodici mesi. L’ispettorato nazionale del lavoro definisce i criteri, le procedure e i termini del provvedimento di sospensione. Ciascun provvedimento di cui al presente comma deve riportare i crediti decurtati”.   Secondo la bozza la patente a punti potrà essere decurtata di 20 punti in caso di morte del lavoratore (-15 crediti per un'inabilità permanente al lavoro, assoluta o parziale e -10 crediti per un'inabilità temporanea assoluta che comporti l'astensione dal lavoro per più di 40 giorni) ma si potrebbe anche sospendere la patente “fino a un massimo di 12 mesi”. “Nei casi infortuni da cui sia derivata la morte o un’inabilità permanente al lavoro, assoluta o parziale, la competente sede territoriale dell’Ispettorato nazionale del lavoro può sospendere, in via cautelativa, la patente fino a un massimo di dodici mesi. L’ispettorato nazionale del lavoro definisce i criteri, le procedure e i termini del provvedimento di sospensione. Ciascun provvedimento di cui al presente comma deve riportare i crediti decurtati. Gli atti ed i provvedimenti emanati in relazione al medesimo accertamento ispettivo non possono nel complesso comportare una decurtazione superiore a 20 crediti”, si legge ancora nella bozza del provvedimento. I crediti decurtati, si legge ancora, “possono essere reintegrati” a seguito della frequenza di corsi.   ''E' vero che c'è una risposta alla nostra richiesta di patente a punti, ma la chiamano patente a crediti, quindi un'impostazione diversa. La vita di lavoratore vale 20 crediti. Si può lavorare con 15 crediti e 5 si recuperano con un corso di formazione. C'è una valutazione lontana dal rispetto delle vite umane'', sottolinea il leader della Uil, Pierpaolo Bombardieri, al termine dell'incontro con il governo sulla sicurezza nel lavoro.   —economiawebinfo@adnkronos.com (Web Info)

Sorrento: Chiuso definitivamente il depuratore di Marina Grande

Grazie agli interventi a cura di Gori, i reflui sono collettati all’impianto di punta gradelle. Presenzia la celebrazione Vincenzo De Luca
Pubblicita

Ti potrebbe interessare