Occupazione: crolla l’edilizia, crescono i servizi

Il settore che ha subito maggiormente la crisi, in termini di perdita di occupati è...

LEGGI ANCHE

Il settore che ha subito maggiormente la crisi, in termini di perdita di occupati è il settore delle costruzioni. Dal 2008 ad oggi infatti, sono andati persi 464mila posti di lavoro, che in termini percentuali corrispondono al 23,8%.

Per fortuna dati migliori si sono avuti nel settore agricolo e industriale dove il calo degli occupati è stato rispettivamente del -3,35% e del -8,76% con entrambi i settori che hanno visto però crescere negli ultimi due anni il numero dei propri addetti: +26mila 300 occupati in agricoltura e +48mila occupati nell’industria.

A crescere è invece l’occupazione nel terziario: nel settore dei servizi il numero degli occupati è addirittura cresciuto rispetto al periodo pre-crisi (+1,74%): 267mila nuovi posti di lavoro, di cui ben 233mila negli ultimi due anni, dimostrano come sia il terziario il settore che sta trainando maggiormente la ripresa dell’occupazione nel nostro Paese.

A fornire questi interessanti dati è una ricerca effettuata dal Centro studi ImpresaLavoro, realizzata mediante l’elaborazione di dati Istat.

Lo studio ha anche analizzato i livelli occupazionali nelle singole regioni italiane; da ciò è emerso che solo in Liguria il comparto delle costruzioni è riuscito a mantenere un livello occupazionale in linea con i parametri del 2008.

In tutto il resto del Paese purtroppo la percentuale di occupati nell’edilizia è arretrata sensibilmente; le maggiori perdite in Molise (-46,67%), in Calabria (-39,09%) e in Sicilia (38,73%). Tuttavia il settore non è in crisi solo al Sud: l’occupazione nelle costruzioni cala nettamente anche in Emilia Romagna (-29,33%), Valle d’Aosta (-29,16%) e Umbria (-29,14%).

per quanto riguarda il settore industriale, dall’analisi di ImpresaLavoro emerge che il calo di occupazione nel settore, si è avuto praticamente in tutte le regioni del Paese.

La Lombardia perde rispetto al 2008 il 3,64% degli occupati, il Veneto il 14,04%, il Piemonte il 7,10%, il Friuli Venezia Giulia l’8,84%. Va Meglio l’Emilia Romagna che oggi registra l’1,76% di occupati in più rispetto a sette anni fa ed è, assieme alla Basilicata, la regione in cui la crisi del comparto si è percepita di meno.

In Sardegna si è avuto il calo più forte: -23,45%.

L’agricoltura fa invece segnare cali dei livelli occupazionali più modesti; addirittura in otto regioni italiane si registra un numero di occupati nel settore superiore a quello del 2008.

Il dato migliore si registra nelle Marche (+31,75%), seguita a ruota dall’Abruzzo (+30,01%).

Il terziario è invece il comparto che traina la ripresa: nel solo Lazio +9,55% di occupati rispetto al 2008, in Trentino Alto Adige +8,54%, Toscana +5,43% e Umbria +4,78%.

Dati contrastanti si hanno invece per il Sud del Paese: l’Abruzzo perde l’11,46% degli occupati, la Calabria il 9,31%, la Sicilia il 4,40%.

Francesco Alfano

Vincenzo D’Oriano: Juve Stabia – Turris non so per chi tifare

Vincenzo D’Oriano, Presidente dell’Acd Santa Maria la Carità ed ex VicePresidente Turris, ci racconta il suo pensiero sul Campionato della Juve Stabia
Pubblicita

Ti potrebbe interessare