Luciano Spalletti
Luciano Spalletti
foto - Official SSC Napoli twitter

Luciano Spalletti: “Dopo stasera migliorare qualcosa sarebbe difficile”

Luciano Spalletti, allenatore del Napoli, è intervenuto ai microfoni di Sky nel post-partita di Napoli-Legia Varsavia per commentare l’ottima prestazione dei suoi calciatori.

Luciano Spalletti: “Dopo stasera migliorare qualcosa sarebbe difficile”

Ecco di seguito riportate dalla redazione di Vivicentro.it le dichiarazioni rilasciate da Luciano Spalletti:

La difficoltà nello sbloccare la gara

Il fatto di non riuscire a sbloccare il risultato perché la partita è difficile ti porta a perdere un po’ d’ordine e contro questa squadra se perdi l’ordine ti puoi fare male sul ribaltamento di fronte grazie alla qualità dei calciatori e la facilità che hanno nel creare problemi agli avversari come si è visto nelle partite precedenti con il Leicester e lo Spartak Mosca”

“L’obiettivo era di mantenere l’ordine anche con il passare dei minuti, di continuare a comandare il gioco, di avere pazienza e magari di trovare un po’ più di fortuna nelle conclusioni”.

Analisi tattica

“Quando si hanno tanti calciatori come noi nel reparto offensivo puoi dare delle varianti, puoi creare negli avversari la difficoltà nel prendere le misure”

“A volte giocare con i due trequartisti quando hai lì davanti Osimhen, Mertens e Insigne fà diventare più facile trovare la giocata vincente ed infatti Insigne l’ha trovata da quella zona lì; è chiaro che poi va mantenuto l’equilibrio lo stesso”

“Elmas ha dato la sua disponibilità nella corsa, nell’impegno a fare il quinto, Politano per un po’ lo ha fatto molto bene anche lui e, dunque, quando si trovano questi atteggiamenti dentro i calciatori diventa più facile fare qualsiasi cosa”

“Dopo stasera migliorare qualcosa sarebbe difficile perché poi quello che è stato l’atteggiamento della squadra in campo si è visto”

La forza del gruppo

“Sta sempre all’intelligenza dei calciatori, è chiaro poi che per parlare di vittoria si passa sempre dai risultati di squadra, perché non ci può essere vittoria di squadra se ognuno pensa ai risultati individuali”.

“L’anno scorso fallita la Champions in questa squadra non c’era mercato per nessuno perché poi si è fallito l’obiettivo di squadra e quindi bisogna avere un atteggiamento corretto di ricerca del risultato collettivo”.

Osimhen

“Osimhen può fare tutto sopratutto grazie alla conoscenza delle qualità dei compagni e della sua disponibilità”

“Victor ovviamente è più abituato a correre in campo aperto, ma un po’ alla volta sta imparando a venire incontro per accorciare le distanze con il resto della squadra, a dover appoggiare prima sui compagni e poi a ripartire”

“Il tutto avviene grazie a calciatori in rosa che gli fanno vedere come si fa, in più lui è un grandissimo professionista, un bravissimo ragazzo che vuole fare quello che fanno tutti gli altri compagni”.

L’Europa League

“Vincere? Prima dobbiamo passare il turno. Ci sono altre gare da giocare, e contro Leicester e Legia bisogna sempre essere sul pezzo, non bastano giocate singole. In qualche ruolo siamo pieni, in altri potremmo andare in difficoltà”.

Ascolta la WebRadio