Home Juve Stabia Le pagelle su Bisceglie-Juve Stabia (0-1) di Natale Giusti

Le pagelle su Bisceglie-Juve Stabia (0-1) di Natale Giusti

Juve Stabia Pagelle-della-Redazione-Sportiva

Le pagelle su Bisceglie-Juve Stabia (0-1) di Natale Giusti. Vespe che espugnano il “Gustavo Ventura” di Bisceglie dopo ben 43 anni con un secondo tempo di spessore

Le pagelle su Bisceglie-Juve Stabia (0-1) di Natale Giusti

 

La Juve Stabia espugna dopo ben 43 anni il “Gustavo Ventura” di Bisceglie. Per comprendere la portata dell’impresa dei gialloblè, basti pensare che le Vespe in tutta la loro storia ultracentenaria avevano vinto una sola volta a Bisceglie per 1-3 nel lontano campionato di Serie D 1976-77 con gol di Annunziata e doppietta dell’immenso Giovanni Fumarola. Stavolta le Vespe vengono a capo di un difficile match facendo valere la loro netta superiorità tecnica nel corso del secondo tempo e legittimando la vittoria con un super gol di Gennaro Borrelli, sempre più autentico trascinatore di questa squadra.

Danilo Russo: voto 6,5

Nel primo tempo quasi inoperoso a parte la traversa colpita con un gran sinistro dai 20 metri da Cecconi. Nel secondo tempo sale in cattedra in una occasione respingendo da par suo un bel tiro di Rocco e in altro paio di circostanze. Solita sicurezza elargita a tutto il reparto difensivo.

Erasmo Mulè: voto 6

Buona prova senza nessuna sbavatura, la solita sicurezza a destra nella difesa a tre delle Vespe. Un cartellino giallo inventato dall’arbitro che lo penalizza oltremodo.

Magnus Troest: voto 6,5

Solito baluardo insormontabile in difesa. Nel primo tempo su una punizione di Berardocco rimette al centro una palla velenosa su cui Caldore spreca incredibilmente altrimenti ancora una volta il difensore danese oltre ad assicurare la solita copertura in difesa darebbe stato anche l’uomo assist per la vittoria del match.

Edgar Elizalde: voto 6,5

Ormai è una sicurezza nel terzetto difensivo di mister Padalino. Dalle sue parti non passa nessuno e in più ha una tecnica di base che gli permette anche di impostare l’azione dal basso. Anche per lui un cartellino giallo troppo severo da parte del direttore di gara che comunque non gli rovina il compleanno (auguri!!!).

Giuseppe Esposito dal 38° s.t.: senza voto

Entra nel finale di gara e contribuisce a rintuzzare il forcing finale molto disordinato del Bisceglie.

Alessandro Garattoni: voto 5,5

In fase difensiva niente da eccepire ma nel suo ruolo di quarto a destra nel centrocampo si richiederebbe anche una maggiore spinta e una migliore fase propositiva. Nel primo tempo fa rimpiangere Scaccabarozzi lasciato in panchina. Nel secondo tempo in crescendo.

Luca Berardocco: voto 6

Tra i migliori anche oggi anche se in tono minore rispetto alle ultime uscite. Fa un grande lavoro a centrocampo come al solito sia in fase di interdizione che in fase propositiva. Nel finale un grave errore a centrocampo innesca un contropiede di Makota che fortunatamente poi si incarta da solo ma l’azione era pericolosissima per la difesa gialloblè.

Andrea Vallocchia: voto 6

Il solito grande contributo di dinamismo indispensabile per il centrocampo della Juve Stabia. Solite pecche nel fraseggio ma è un calciatore fondamentale per questa squadra. Nel secondo tempo grande ripartenza che lo porta quasi a tu per tu con Spurio con un salvataggio in extremis della difesa biscegliese.

Sergiu Suciu dal 38° s.t.: senza voto

Entra nel convulso finale e da una mano al centrocampo un pò in sofferenza in quel momento della gara.

Marco Caldore: voto 6

Non sfonda sulla fascia sinistra e poi si divora un gol già fatto su assist di Troest ad un metro da Spurio colpendo incredibilmente il palo a portiere battuto. Col crescere della condizione fisica, migliorerà anche il suo apporto alla squadra.

Jacopo Scaccabarozzi dal 23° s.t.: voto 6,5

Entra benissimo nella gara e da un contributo sostanziale di spessore a centrocampo nel momento in cui bisogna soffrire dopo il gol del vantaggio di Borrelli. Anche un paio di sortite in attacco niente male e un tiro dai 25 metri che fa gridare al gol con la palla che sibila vicinissima all’incrocio dei pali. In grande forma.

Tommaso Fantacci: voto 5,5

Continua il suo periodo involutivo purtroppo. Male nel primo tempo giocando nel 3-4-1-2 alle spalle delle due punte Marotta e Borrelli scarsamente rifornite. Cresce nella ripresa e va una volta al tiro in modo pericoloso con Spurio che salva e mette in angolo. Da lui ci si aspetta molto di più perchè nella fase iniziale del campionato era spesso l’uomo in più.

Mariano Guarracino dal 33° s.t.: voto 6

Buono l’approccio nell’ultimo quarto d’ora della gara. Pur essendo giovanissimo aiuta la squadra a respirare e a salire e si guadagna qualche punizione molto importante sotto questo aspetto.

Alessandro Marotta: voto 6

Si batte come un leone lungo tutto l’arco dell’attacco spesso tornando anche a centrocampo a recuperare palloni giocabili. Nel primo tempo è penalizzato anche dagli scarsi rifornimenti dei centrocampisti e di Fantacci. Meglio nella ripresa ma anche da lui ci si aspetta di più e arriverà anche il suo momento di essere decisivo.

Gennaro Borrelli: voto 7,5

Fa un gol da far stropicciare gli occhi. E’ un super gol che non ha nulla a che vedere con la Serie C. Ben imbeccato da Berardocco e spalle alla porta stoppa di petto e al volo con perfetto destro ad incrociare inganna Spurio con un tiro imparabile. Ci tenta anche in un altro paio di occasioni nel secondo tempo e va vicino al gol. E’ sicuramente finora il miglior acquisto della Juve Stabia nel mercato di gennaio.

Iacopo Cernigoi dal 33° s.t.: voto 6

Si muove bene negli ultimi minuti di gara e fa capire quanto sia mancato a questa squadra in questo campionato. Il tempo però è dalla sua parte e non dimentichiamo che era dai 15 minuti con la Casertana che non cavalcava un terreno di gioco. Verranno tempi migliori anche per lui nel finale di questa stagione.

Pasquale Padalino: voto 6,5

Non sbaglia nulla anche oggi. Qualcuno potrà obiettare sul gioco soprattutto del primo tempo delle Vespe sicuramente un pò deludente ma in questo campionato, a parte la Ternana, chi fa un bel gioco? Praticamente nessuno. Indovina sia la formazione iniziale che il momento dei cambi nel secondo tempo. Sta facendo un ottimo lavoro a dispetto di chi lo critica e oggi con il sesto posto delle Vespe inizia a raccogliere i frutti.

 

a cura di Natale Giusti

© TUTTI I DIRITTI RISERVATI. Si diffida da qualsiasi riproduzione o utilizzo, parziale o totale, del presente contenuto. E’ possibile richiedere autorizzazione scritta alla nostra Redazione. L’autorizzazione prevede comunque la citazione della fonte con l’inserimento del link del presente articolo e delle eventuali fonti in esso citate.