Israele-Hamas, tregua al via oggi: primi 13 ostaggi liberi dal pomeriggio

LEGGI ANCHE

Visite : 0

(Adnkronos) –
Scatta oggi nella Striscia di Gaza la tregua di 4 giorni tra Israele e Hamas, durante la quale saranno liberati 50 ostaggi israeliani.I primi 13 lasceranno Gaza oggi.

E’ quanto prevede l’accordo entrato in vigore alle 7 ora locale, le 6 in Italia.L’annuncio dell’intesa è arrivato ieri, al termine di una giornata di incontri, durante la quale la fumata bianca è apparsa a rischio di fronte alla mancata consegna da parte di Hamas della lista delle persone da liberare. In serata la svolta.

L’ufficio del primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu ha confermato di aver ricevuto una lista preliminare degli ostaggi che dovrebbero essere rilasciati.Il ministro israeliano della Difesa, Yoav Gallant, ha però avvertito: “Sarà una tregua breve, al termine della quale i combattimenti continueranno intensamente e faremo pressione per riportare indietro altri ostaggi.

Si prevedono almeno altri due mesi di combattimenti”. Il presidente degli Stati Uniti Joe Biden avrebbe chiesto a Netanyahu di agire con calma anche al confine settentrionale con il Libano.A sostenerlo sono i media israeliani che citano una fonte anonima.

Netanyahu non avrebbe fatto alcuna promessa su tema al presidente degli Usa. Nelle ore che hanno preceduto la tregua, Israele ha portato avanti le operazioni.Un raid aereo ha ucciso Amar Abu Jalalah, comandante delle forze navali di Hamas a Khan Yunis, nel sud della Striscia di Gaza, e un altro agente delle forze navali di Hamas.  Secondo il ministero della Sanità di Gaza, l’ospedale indonesiano nel nord sarebbe stato colpito da un “intenso bombardamento”.  Hamas ha respinto l’ipotesi che la Croce Rossa visiti gli ostaggi israeliani non inclusi nella prima fase dell’accordo.

Lo scrive Haaretz, riportando la testata Al-Araby Al-Jadeed: Hamas avrebbe invece comunicato ai rappresentanti del Comitato internazionale della Croce Rossa che ci saranno aggiornamenti sulle loro condizioni. Intanto la stessa testata ha riferito che Hamas starebbe preparando la liberazione senza condizioni di 23 ostaggi thailandesi frutto di una mediazione dell’Iran.  In una dichiarazione, Hamas ha affermato che la tregua durerà quattro giorni, durante i quali si prevede che le Brigate Qassam, il braccio armato di Hamas e le altre ‘fazioni palestinesi’, “cessino ogni attività militare”.Gli aerei israeliani, rileva Hamas, “smetteranno completamente di sorvolare il sud di Gaza, Gaza City e il nord di Gaza per sei ore al giorno, dalle 11 alle 17”.

Per ogni prigioniero israeliano rilasciato, rileva Hamas illustrando l’accordo, “verranno rilasciati tre prigionieri palestinesi, vale a dire donne e bambini.Entro quattro giorni, un totale di 50 prigionieri israeliani – donne e bambini di età inferiore ai 19 anni – saranno rilasciati.

Ogni giorno potranno entrare a Gaza 200 camion di aiuti che includono forniture mediche per l’intera Striscia.Saranno ammessi a Gaza anche quattro camion di carburante al giorno”.  In precedenza era stato il portavoce del portavoce del ministero degli Esteri del Qatar, Majid bin Mohammed al-Ansari, ad annunciare che l’accordo era stato raggiunto.

Secondo il portavoce oggi “intorno alle 16”, ora locale, sarà rilasciato il primo gruppo di ostaggi nella Striscia di Gaza, composto da 13 tra donne e bambini.Gli ostaggi rilasciati da Hamas saranno consegnati alla Croce Rossa e alla Mezzaluna Rossa, mentre dell’arco dei quattro giorni di tregua “verranno raccolte informazioni” sugli ostaggi ancora rimasti nell’enclave palestinese.

Il portavoce ha precisato che si sono conclusi i contatti con tutte le parti ed i mediatori e che sono stati consegnati gli elenchi con i nomi di coloro che verranno rilasciati. 
La tregua riguarderà sia la parte settentrionale che quella meridionale della Striscia di Gaza. “Durante i quattro giorni – spiega ad ‘Al Jazeera’ – verranno raccolte informazioni sugli ostaggi rimasti per valutare la possibilità di rilasciarne un numero maggiore e prolungare così la durata di questa tregua”.Le linee di comunicazioni, aggiunge, “resteranno aperte e qualsiasi violazione sarà segnalata”  Il portavoce di Hamas, Osama Hamdan, ha ringraziato il Qatar e l’Egitto per la loro assistenza nella mediazione dell’accordo di tregua e ha incolpato il primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu per il ritardo nell’esecuzione dell’accordo, dicendo che avrebbe dovuto essere concordato “più di 10 giorni” fa.

Tuttavia, Hamdan ha spiegato ad ‘Al Jazeera’ che “spera” che la pausa di quattro giorni vada avanti senza complicazioni.Ma, ha detto, mentre vede positivamente la pausa temporanea, “l’unica cosa che renderà la nazione palestinese soddisfatta è la fine dell’occupazione e la fine dell’attacco israeliano a Gaza”.

Pertanto, ha aggiunto, il cessate il fuoco “non è la fine della strada”. “Le perdite umane del nemico non sono ancora iniziate se decide di continuare la sua aggressione nazista”, ha affermato dal canto suo il portavoce delle Brigate Al-Qassam, braccio armato di Hamas, Abu Obeida. “Ciò che il nemico ha accettato con la tregua temporanea e con l’accordo di scambio parziale è quello che avevamo proposto in precedenza”, sottolinea Obeida affermando di essere “pronti a continuare lo scontro e ad affrontare il nemico, non importa quanto durerà l’aggressione”.Il portavoce delle Brigate Al-Qassam, ha chiesto in un messaggio audio “un’escalation contro l’occupazione sia in tutta Cisgiordania che su tutti i fronti della resistenza”, in riferimento al partito sciita Hezbollah in Libano.

Abu Obeida ha anche sollecitato “l’intensificazione di tutte le forme di resistenza popolare e di massa in Giordania”, aggiungendo “salutiamo in particolare i nostri fratelli in Yemen, Libano, Iraq e su ogni fronte che lavorano per colpire il nemico”.  L’Egitto, da parte sua, ha invitato entrambe le parti a rispettare l’attuazione della tregua. “L’Egitto ha ricevuto la lista di detenuti e di ostaggi sia dal lato palestinese che da quello israeliano, che dovrebbero essere rilasciati il primo giorno della tregua venerdì pomeriggio”, ha detto Diaa Rashwan, capo del Servizio di informazione statale egiziano. “L’Egitto invita entrambe le parti della tregua a rispettare l’attuazione dell’accordo secondo il piano e quanto concordato”, ha aggiunto, secondo l’agenzia governativa.  Israele spera “di tirare fuori i suoi ostaggi”, ha dichiarato il premier israeliano Benjamin Netanyahu, nel corso di un incontro con il ministro degli Esteri britannico David Cameron. “Non si tratta di una cosa priva di sfide ma dobbiamo, speriamo di tirare fuori questo primo gruppo e poi siamo impegnati a tirare tutti fuori”.Israele, ha poi proseguito “porterà avanti i suoi obiettivi di guerra e cioè sradicare Hamas, perché Hamas ha già promesso che lo rifarà ancora e ancora e ancora.

Sono un culto terroristico genocida”.  Intanto, riferisce Haaretz, l’esercito israeliano si sta preparando alla realizzazione dell’accordo mantenendo particolare enfasi sulla separazione fra il nord e il sud della Striscia di Gaza, anche per evitare che operativi di Hamas tornino nella parte settentrionale.Le Idf si sono munite di “equipaggiamento per il controllo della folla” per impedire il ritorno a nord di civili sfollati a sud.

Non è ancora stato deciso se l’esercito continuerà o meno le attività all’interno di ospedali o altri luoghi sensibili —internazionale/esteriwebinfo@adnkronos.com (Web Info)


Virtus Stabia, Mario Guida: Mente e Cuore per la finalissima con il Cimitile

Mario Guida, direttore dell'area tecnica della Virtus Stabia, è intervenuto in esclusiva ai nostri microfoni a due giorni dalla finale col Cimitile
Pubblicita

Ti potrebbe interessare