Catania | Raffaele: “Juve Stabia squadra organizzata. Le mancano punti”

Raffaele Giuseppe Catania

Giuseppe Raffaele, allenatore del Catania, è intervenuto in conferenza stampa al termine del match con la Juve Stabia pareggiato per 1-1

Catania | Raffaele: “Juve Stabia squadra organizzata. Le mancano punti”

Giuseppe Raffaele, allenatore del Catania, è intervenuto in conferenza stampa al termine del match con la Juve Stabia pareggiato per 1-1. Le sue dichiarazioni sono state raccolte e sintetizzate dalla redazione di ViViCentro.it.

“Abbiamo fatto i primi 25 minuti in cui abbiamo approcciato la gara per vincere la partita. Poi dopo la mezz’ora abbiamo perso la pressione e abbiamo subito il gol. Nel secondo tempo siamo migliorati molto. Non ci hanno concesso un rigore solare e abbiamo avuto diverse occasioni per andare in gol. Sono contento dell’approccio del primo tempo e del secondo tempo. La Juve Stabia è una grande squadra che ha sfiorato anche il raddoppio. Oggi siamo stati meno fortunati e meno cattivi nella finalizzazione.

Oggi tra le squadre di testa avevamo la gara più dura. Abbiamo superato lo scoglio con personalità. Se avessimo vino ci saremmo avvicinati di più alle posizioni di vertice. Oggi c’era Di Piazza non al cento per cento ma dobbiamo migliorare nella finalizzazione. Di Piazza ci ha dato forza in avanti. Zanchi non doveva essere della partita. Lui come Calapai sono usciti molto affaticati dalla gara di domenica scorsa. Calapai ha giocato nel finale. Senza Zanchi non avevo alternative sulla sinistra. Nella prossima gara dovrebbe rientrare anche Pinto. Abbiamo più giocatori e dobbiamo farli ruotare tutti. Nel secondo tempo ho messo Golfo dietro le due punte e oggi ha fatto altri 45 minuti. Contiamo di riportare lui e altri alla migliore condizione. Tra tutte le gare viste in casa della Juve Stabia è forse quella in cui le Vespe hanno avuto più timore e rispetto degli avversari. Alla Juve Stabia manca qualche punto in classifica. E’ una squadra molto organizzata. Nel secondo tempo abbiamo avuto anche occasioni per vincere la partita”. 

 

a cura di Natale Giusti