21.7 C
Castellammare di Stabia

Vivi Radio

venerdì, Agosto 12, 2022

Castellammare di Stabia piange Anita Scanu e Marco Cascone

Da leggere

Castellammare di Stabia: la città piange la perdita di Anita Scanu e Mario Cascone, venuti a mancare a causa del Covid-19 che li ha potati via alle famiglie.

Castellammare di Stabia piange Anita Scanu e Marco Cascone

Castellammare di Stabia (Na): la città piange la perdita di Anita Scanu, madre dell’artista stabiese Simone Schettino, che era ricoverata al Cotugno di Napoli, venuta a mancare a causa delle conseguenze del virus Covid-19.

Lo stesso artista nell’ottobre 2020 era risultato positivo al Covid-19, costringendolo a rinviare i suoi spettacoli teatrali; adesso un’altra brutta notizia che affligge il cuore non solo del figlio e di tutta la famiglia Schettino e Scanu, ma anche dei cittadini stabiesi affezionati e legati all’artista.

E’ venuto a mancare anche Mario Cascone, la voce delle gare di atletica leggera e del podismo in Campania. Ex atleta, aveva vinto la maratona di Santa Maria Capua Vetere nel 1993. Aveva solo 60 anni.

Purtroppo nonostante i vaccini siano stati creati in tempi storici, il problema della distribuzione impedisce di intervenire in tempo.

Il virus continua a spargersi in maniera veloce, colpendo giovani e anziani senza distinzioni.

Non bastano più le restrizioni, purtroppo in molti si è diffuso uno stato di insofferenza e desiderio di “tornare ad una vita normale”.

Questa mentalità diffusasi è forse peggio del negazionismo: se c’è una cosa che questa pandemia ha messo in evidenza è che ciò che consideravamo “normale” è proprio quello che ci ha portato a questa catastrofe.

Non si può egoisticamente desiderare la normalità senza rendersi conto che al momento non c’è alternativa se non continuare a resistere e fare il proprio dovere attenendosi alle regole, così come chi lavora in ambiente ospedaliero continua a fare il proprio lavoro senza “chiedere una pausa”.

Più che rimpiangere la vecchia “normalità” bisogna sforzarsi di immaginarsi un futuro migliore, dove ci si sentirà chiamati a partecipare anche con il proprio vissuto quotidiano: una cittadinanza attiva, che partecipa alla cura e alla protezione della “cosa pubblica”, dell’ambiente. Partendo dalla realtà in cui si vive, è possibile dare il proprio contributo ad un ambiente migliore, non preoccupandosi solo di sanificarsi le mani e tenere pulita la propria casa…

Serve coraggio per immaginare e progettare il futuro, specialmente quando la crisi economica impedisce anche come arrivare a fine giornata.

Eppure non bisogna perdere la propria umanità, non bisogna dimenticarsi del senso civico e avere cura di rispettare sé stessi e gli altri. Ne varrà la pena, certamente. Lo dobbiamo a chi ci ha lasciato così all’improvviso.

 

 

Stéphanie Esposito Perna

© TUTTI I DIRITTI RISERVATI. Si diffida da qualsiasi riproduzione o utilizzo, parziale o totale, del presente contenuto. E’ possibile richiedere autorizzazione scritta alla nostra Redazione. L’autorizzazione prevede comunque la citazione della fonte con l’inserimento del link del presente articolo.        

 

ViviCentro TV


Ti potrebbe interessare

Vivi Radio

Ultime Notizie

- Pubblicità -
Cambia Impostazioni della Privacy