Attacco, difesa e ambiente: come arrivano Juventus e Napoli alla partita scudetto

Meno sei, poi si scenderà in campo e ogni statistica andrà in fumo. Intanto, però,...

LEGGI ANCHE

Meno sei, poi si scenderà in campo e ogni statistica andrà in fumo. Intanto, però, ci affidiamo proprio ai numeri per comparare Juventus e Napoli: due compagini estremamente diverse, nella mentalità e gioco, che si vedranno l’uno contro l’altro, sabato, mentre Carlo Conti presenterà il suo nuovo Sanremo. Uno scontro nello scontro, tra chi vorrà vedersi il big match e chi la finale del festival. Ma questa è tutta una altra storia. Attacco, difesa e ambiente: ecco come arrivano Juve e Napoli alla partita scudetto. 

L’ATTACCO- Il miglior attacco contro il secondo. Higuain, 24 gol in 24 partite, vs Paulo Dybala, a 13 gol, ma dal talento infinito. 53 gol, quelli azzurri; 45, quelli bianconeri. Eccezionali. Per entrambi i club. Con gli azzurri a 9 reti più in là, ma con un Pipita in stato di grazia, in grado di segnare e far vincere le partite da solo. Dicono, generalmente, che a vincere lo scudetto sia la miglior difesa, accaduto 23 volte, ma succede, quasi sempre, che a trionfare, in realtà, sia il miglior attacco(24 volte). Un messaggio chiaro ai partenopei, ma anche ai bianconeri che possono contare su un pacchetto offensivo di tutto rispetto, con Dybala, Zaza, Morata e Manduzkic, al momento out per infortunio. 

LA DIFESA- Quella della Juventus non ha rivali: su 32 partite sono stati solamente 15 i gol subiti. Merito di uomini che si conoscono alla perfezioni e di un portiere, ancora il miglior al mondo, che non ha intenzione di abbassare la saracinesca. A tre o a 4 non importa: Allegri ha educato i propri ragazzi a scendere in campo in ogni modo e per ogni evenienza. Non spaventa quindi l’assenza di Chiellini. Dall’altra parte, il Napoli che, con l’inserimento di Pepe Reina, Hysaj, Chiriches e la rinascita di Albiol e Koulibaly, ha ripreso fiducia e consapevolezza dei propri mezzi. Sono solo 19, infatti, le reti subite dal portierone azzurro. Non male per una squadra che, soltanto l’anno scorso, ne ha subite 73. 

FATTORI AMBIENTALI- Sarà un clima disteso, quello dello Stadium, almeno per i tifosi bianconeri, abituati a vincere e consapevoli che questa è solo una partita. Faranno sentire, però, la loro voce, come consuetudine, per spingere la loro squadra fino alla fine. Diversa sarà la vigilia per i tifosi azzurri, ad un passo dalla storia. Lo scudetto è lì, che si vede, allora questa partita non è come tutte le altre. Non ci saranno a Torino, ma si faranno comunque sentire, aspettando la squadra al ritorno e facendo gruppi di ascolti davvero consistenti. 

Juve Stabia, Pagliuca: Domani troveremo una Casertana diversa dall’andata, che sarà molto più consapevole delle proprie forze

Guido Pagliuca, allenatore della Juve Stabia, analizza così il derby di domani con la Casertana
Pubblicita

Ti potrebbe interessare