Quantcast

SSC Napoli - news

L’Azzurro fa 90, tanti ospiti d’eccezione, da Ferlaino a Canè a La Cartiera (VIDEO)

A La Cartiera di Pompei, L’Azzurro fa 90, si è tenuto un incontro dove si è voluto ricordare Dino Celentano, Carlo Iuliano e Bruno Pesaola. Tanti i presenti, tra cui l’ex presidente del Napoli Ferlaino.
Raio ricorda di quando Ferlaino invitò uno psicologo per le difficoltà della squadra di Pesaola con il Petisso che quando lo vide disse: “Venga venga che qui c’è tanto da fare”.

Ferlaino dichiara: “Il mio consiglio di amministrazione era formato da chi contava nel Napoli e la rappresentavano non mogli e figli. Non discriminavo nessun partito. 33 anni combattuti nei quali si è costruito e si è anche rischiato di vincere più volte. Ci mancava Maradona e con lui vincemmo. Abbiamo vinto molto in quegli anni ma anche speso molto. Con me il Napoli non sarebbe mai fallito – continua Ferlaino -. Prima a Napoli c’era il gioco clandestino e quando vedevo foto con i calciatori mi preoccupavo. Mettevo i premi tripli quando mi preoccupava qualche particolare giocata, ho sempre avuto dubbi. 
Un giocatore che avrei voluto comprare? Con Maradona abbiamo aperto le frontiere, Higuain viene volentieri oggi”.

Dopo Ferlaino, ecco che prende la parola Vinicio: “Il Brasile è un paese che ha accolto nelle sue viscere la maggior parte di immigrati italiani. Si sentono tutti a casa e vivono bene. Reina è spagnolo ma vive bene a Napoli perché ti fa vivere bene. Pesaola mi accolse, mi prese per le mani e mi fece integrare”.

Un altro ex azzurro, Canè, dichiara: “Io sono brasiliano ma ho sposato una donna italiana. Per me è stato più semplice grazie a lei. Sono stato tifoso di Vinicio in Brasile, anche se giocava con un’altra maglia”.

Tocca ad Improta: “Il più dotato dei presenti? Per come calciava, Canè. Da ragazzi l’ho vissuto da spettatore poi da compagno di squadra. Ci faceva sognare con le sue punizioni-rigori”.

Arriva il turno di Montefusco: ” Canè si presentò in ritiro ad Agerola, minuto, piccolo, ma poi è diventato grande. Questa sera avrei voluto Antonio Juliano. I calciatori arrivano titubanti, poi vanno via piangendo e non è retorica”.

Cane’: “Sono stato tifoso di Vinicio in Brasile, anche se giocava con un’altra maglia”.

Print Friendly, PDF & Email

In merito all'autore

Ciro Novellino

Nato a Castellammare di Stabia, il 24 aprile 1984, è un giornalista pubblicista iscritto all'albo dei pubblicisti della Campania e all'Ordine Nazionale dei Giornalisti di Roma. Diplomatosi al Liceo Classico di Castellammare di Stabia ha conseguito la Laurea in Cultura e Amministrazione dei Beni Culturali prima e quella Magistrale in Archeologia e Storia dell'Arte poi, presso l'Università degli studi di Napoli 'Federico II'. Esercita la professione di giornalista da diversi anni con collaborazioni legate a Tuttojuvestabia, Calcio Napoletano e IlNapolionline. Prima ancora è stato redattore di alfredopedulla.com ed è attualmente giornalista di CalcioNapoli24, caporedattore di Vivicentro.it e responsabile della pagina sportiva della SSC Napoli sullo stesso giornale. Grande appassionato di calcio, presenta da diversi anni anche un programma radiofonico, L'Orda Azzurra, su Vivi Radio Web. Nella redazione di Radio Marte per il programma 'Chiamate Napoli 081'.

Aggiungi un commento

Clicca qui per commentare

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Categorie

ViVicentro.it su Google Play Edicola

Google Play store page

Visita la nostra Pagina Facebook

Il nostro YOUTUBE

Iscriviti al nostro canale

Aiutaci a darti sempre di più

News Mania