Quantcast

Banner Gori
Forio Basket- Vito Iacono: "Abbiamo fatto un vero miracolo scrivendo la storia”
SPORT

Forio Basket- Iacono: “Abbiamo fatto un vero miracolo scrivendo la storia”

L’INTERVISTA- Il presidente della squadra isolana che ha conquistato le Serie C Gold ,ci confessa emozioni e progetti per la prossima stagione

Questa vittoria c’è la godiamo da un lato, ma dall’altro lato deve servire a porci degli interrogativi. Lo sport non si fa solo per i soldi. Sono triste di dover raccontare tutte queste frustrazioni invece di condividere un risultato storico che rappresenta l’intera isola”. 

Simone Vicidomini- Il Forio Basket raggiunge uno storico traguardo vincendo i play-off della Serie C Silver, ottenendo così la promozione nella C Gold. Decisiva la vittoria al “PalaCasale” contro il Cava Basket 90-66 che ha regalato ai biancorossi la terza, definitiva vittoria nella striscia chiusa in maniera netta 3-0 dopo i primi due successi esterni. Nel girone unico la squadra allenata da Coach Iovino aveva chiuso al quarto posto con 36 punti, frutto di 18 vittorie ed appena 6 sconfitte. Nonostante tanti problemi, la società del patron Vito Iacono si è mossa con convinzione sul mercato nella fase invernale (su tutti gli arrivi di Nastri e Di Napoli), riuscendo a far fare al Forio quel salto di qualità necessario ad essere competitivi per i play-off.
Addirittura 14 le vittorie di fila (tra girone unico e play-off) arrivate dopo l’ultimo k.o. risalente a febbraio contro il Benevento Basket. Nelle finali, i foriani hanno dominato, senza perdere nemmeno un incontro. Nei quarti superata la Folgore Nocera 2-0. In semifinale è stato il turno del Benevento che si è arreso anch’esso 2-0. Infine 3-0 la finale contro Cava che dà il via ai festeggiamenti per una società che ha messo l’anima per ottenere questo traguardo storico, accompagnata da un tifo sempre presente e passionale. Per celebrare questo importantissimo momento per lo sport ischitano,abbiamo deciso di intervistare proprio il patron del Forio Basket, Vito Iacono. Il Presidente ci ha confessato emozioni,progetti e sogni per la prossima stagione.

Presidente Iacono,la vittoria contro il Cava Basket al “Palacasale ,ha consegnato al Forio Basket la promozione nella Serie C Gold. Immagino che la soddisfazione sia immensa per aver raggiunto questo traguardo storico,anche se forse non avete ancora realizzato quello che è successo veramente…

“No abbiamo realizzato quello è che successo. L’obiettivo era questo,senza smentire quello che era il progetto iniziale. Però ad un certo dell’anno,per diverse vicissitudini e problemi logistici- organizzativi e di strutture ed anche per un rapporto conflittuale con la stessa Federazione,dopo i vari episodi accaduti che credevamo che ci avessero penalizzato ulteriormente. Tutto questo aveva portato ad un po’ di sconforto all’interno del gruppo e quindi in qualche modo abbiamo dovuto rivedere le strategie,recuperare entusiasmo ed intervenire sul mercato. Gli stessi infortuni di Iacono e di Nicolella ci privavano di due elementi fondamentali del gruppo iniziale. Il miracolo è stato questo,che dopo tutti questi episodi si è riusciti in quest’impresa,contro squadre che nel tempo hanno avuto la possibilità di attrezzarsi per arrivare a dire la loro nella Serie C Gold”.

Presidente,quando avete capito che questo sogno si poteva realmente realizzare?

“Soltanto al fischio finale dell’ultima partita contro il Cava Basket. Nonostante i grandi talenti che avevamo in squadra, tutto è del miracoloso. La vittoria all’ultimo centesimo a Benevento è stato qualcosa di imprevedibile. Benevento è una squadra attrezzata e temutissima. Per le vicende che ci hanno coinvolto siamo stati costretti ad affrontare la regular season giocando semifinale e finale con lo sfavore del campo. Tutti i sacrifici che abbiamo fatto durante l’anno,abbiano caricato e motivato ulteriormente i ragazzi”.

La cavalcata di questo trionfo è frutto anche delle 18 vittorie con appena soltanto 6 sconfitte. Tra le quali quella di Cava dei Tirreni che ha portato a tante polemiche e non solo. Le chiedo un commento in merito a tutto quello che è successo…

“Il pensiero al di là delle polemiche e che lo sport vince sempre. Il nostro risultato sportivo testimoni proprio questo. Non ci siamo mai pianti addosso. La società ha sempre ritenuto di salvaguardare principi e regole,però non abbiamo mai addebitato le nostre sconfitte a scelte arbitrali. Tranne a Caserta in cui abbiamo perso una partita ingiustamente a tre secondi dalla fine. Però anche in quell’occasione abbiamo analizzato più i nostri errori che quelli degli altri. Non abbiamo mai cercato alibi,anche se avessimo perso il campionato. Alla fine nello sport si vince per i propri meriti”.

E’ d’accordo se le dico che spesso le squadre isolane anche negli altri sport sono spesso oggetto di torti arbitrali?

“Nella pallacanestro penso che sia diverso,soprattutto in questa categoria. Forse si c’è una tendenza a riguardo anche per un quadro giografico, il mare ci fa vedere distanti anche chi ci viene ad arbitrare. Spesso non risultiamo nemmeno troppo simpatici,forse anche per colpa nostra. Quest’anno noi avevamo una squadra talentuosa che cercava di giocare a Basket. Se il premi arbitrale non premia questo,ma premia chi usa di più la fisicità poi l’inerzia dell’arbitraggio viene condizionata. Faccio l’esempio di Cava,perché comunque per l’intero anno gli è stato consentito di giocare un determinato basket,come un fatto tecnico. Questo progetto non è figlio dell’ambizione mia o di qualcuno per vincere il campionato,ma è quello di dare dei riferimenti ai nostri ragazzi per farli crescere”.

Una piccola curiosità, che mi viene da chiederle, ma da parte dal territorio isolano avete avuto la massima disponibilità o c’è stato qualche problema?

“Voglio ricordare che questo progetto nasce,non con la mia volontà personale di Forio Basket,ma di costruire un progetto agonisticamente di livello importante che fosse di riferimento a tutto il movimento cestistico isolano. Prima ancora di iscriverci al campionato di Serie C,ho interloquito con le altre società,dove ho avuto delle risposte da un lato tiepide e dall’altra parte negative,dove è prevalsa la volontà di non condividere questo progetto. Ci sono stati negati anche dei ragazzi che noi avevamo chiesto,pur con il doppio tesseramento. Qualche scaramuccia c’è stata,che però non ha nulla a che vedere con il Basket. Quando a noi si era rotto il tabellone, e non avevamo dove giocare, il comune di Forio ha chiesto disponibilità al comune di Ischia che dagli atti emerge che ci è stato dato l’ok,sembra che un ex dirigente della società di Ischia,che non degno di citazione,ha chiamato il tecnico del comune di Forio diffidandolo a farsi che i canestri ritornassero al palazzetto di Ischia,dove comunque non erano utilizzati. Noi ci siamo fatti subito carico di farli ritornare lì,mettendo a rischio lo svolgimento della gara trovando soluzioni alternative. Lo sport deve essere simbolo di occasione per stare insieme e non di divisione. Se è vero che dopo la nostra promozione,noi abbiamo fatto una riapertura al tutto movimento cestistico isolano,anche perché ora abbiamo il problema del parquet,e quindi avremo un estate intensa di lavoro. Invece di condividere tutto questo insieme, c’è un nostro vecchio atleta che sta andando in giro per l’isola,anche dai commercianti stesso del comune di Forio, a chiedere sponsorizzazioni perché devono fare la Serie C. Dopo che quest’anno ha rischiato di retrocedere. Se qualcuno mi spiega perché uno dovrebbe investire nell’isola, e non solo nello sport con questi personaggi di bassissimo spessore,dove prevale soltanto l’invidia e la frustrazione. Pensiamo sempre alle cose peggiori,creando soltanto uno stupido antagonismo sul territorio anche dal punto vista economico ed organizzativo. Questa vittoria c’è la godiamo da un lato, ma dall’altro lato deve servire a porci degli interrogativi. Lo sport non si fa solo per i soldi,anche perché nella vita vincerà sempre di meno. Sono triste di dover raccontare tutte queste frustrazioni invece di condividere un risultato storico che rappresenta l’intera isola”.

Lei crede che questa squadra e questo gruppo potrà partecipare alla Serie C Gold e mister Iovino sarà confermato?

“Sicuramente questo sarà il punto di partenza. L’idea è quella di fare una squadra competitiva. I problemi dell’isola sono di natura logistica rispetto alla terra ferma. Lo stesso Di Napoli ha testimoniato la voglia di affiancarci nell’andare avanti insieme e questo vale anche per i quadri tecnici. Ora ci prendiamo 10 giorni di riposo (ride il Presidente) perché altrimenti diventa assurdo. Chiaramente io non abituato a dire bugie, quest’anno per me sarà l’ultimo anno è così sarà, nel senso io farò di tutto per ampliare una società seria con un progetto ambizioso che è il Forio Basket.

In chiusura,la stagione ormai è archiviata. La domanda è lecita: adesso cosa succederà,visto che il Forio Basket è comunque una grandissima realtà,e la Serie C Gold sarà un campionato sicuramente molto più dispendioso. Qual è sarà l’obiettivo primario per la prossima stagione e le chiedo di rivolgere un pensiero alla sua squadra,anche forse ha avuto già modo di parlargli al termine dell’ultima partita…

“Partendo con questo gruppo e quanti più saranno disponibili a restare qui,penso che l’obiettivo rimanga sempre qualcosa di ambizioso anche per tenere alta la concentrazione. Partiamo almeno con l’obiettivo per fare i play-off,poi se strada facendo vediamo che si può fare qualcosa in più e ne vale la pena ritengo che sia necessario tentare. Stesso discorso che abbiamo affrontato quest’anno,abbiamo deciso di tentare il miracolo e per fortuna è riuscito. Alla squadra dico grazie per avermi sopportato e per aver avuto coraggio. Hanno vinto loro ,e ha vinto una storia bella della cestistica, il Forio Basket”.

Print Friendly, PDF & Email
Tags

SPONSOR

www.autoparti.it

Categorie

ViVicentro.it su Google Play Edicola

Google Play store page

Visita la nostra Pagina Facebook

Il nostro YOUTUBE

Iscriviti al nostro canale

I nostri ultimi video

Aiutaci a darti sempre di più

News Mania