Quirinale Red Carpet, domani il via alle consultazioni
Editoriali Politica

Quirinale Red Carpet, domani il via alle consultazioni e… io speriamo che me la cavo!

Domani, mercoledì 4 aprile, iniziano le consultazioni al Quirinale. La speranza è che i prossimi due giorni siano utili per chiarire meglio le strategie.

Passati i riti pasquali si torna a quelli dei Palazzi romani con in primo piano il Quirinale che, da domani, sarò meta di pellegrinaggio dei nostri politici, e dei nostri pensieri, nella speranza che ci sia il miracolo e ci faccia la grazia di darci un governo, magari non icchio.

Lo sappiamo, è chiedere troppo, ma ci siamo messi sul piano dei miracoli ed allora ….

I primi a salire al Colle saranno i presidenti di Senato e Camera, seguiti dall’unico presidente emerito ancora in vita, Napolitano.

Nel pomeriggio gli incontri con i gruppi parlamentari.

Poi la palla passerà nelle mani di Mattarella che, sulla base dei primi elementi, dovrà decidere se miracolo ci sarà o meno.

Da domani quindi (forse) i giochi saranno più chiari e scoperti dopo le comparsate dei giorni scorsi, soprattutto del Gatto e la Volte (leggasi Salvini e Di Maio).

Nell’incontro al Quirinale i nostri, tutti, dovranno presentarsi con carte e temi veri: non più con slogan.

Questo, ovviamente, dando ai soggetti in scena il beneficio del ritenere che qualcosa di serio e concreto realmente abbiano: cosa non scontata, ancor meno certa.

Da domani finisce (si spera) il “gioco delle tre carte”, il vai “avanti tu che a me vien da ridere”, il “io ho vinto” “anch’io”, e comincia (si spera) il cammino delle responsabilità da percorrere in serietà.

La soluzione, si sa, non è dietro l’angolo vista la mano di “gioco” che ha distribuito il 4 Marzo ma bisognerà giocare, e bene.

Il piatto è di tutto rispetto: è la guida della Nostra Nazione, e ci auguriamo che vada vinto non con un bluf.

Unica cosa certa, ad ora, è la prassi istituzionale in base alla quale possiamo affermare (non solo sperare) che, dopo i primi incontri, Mattarella avrà davanti la scelta tra:

  • affidare un incarico, che potrebbe essere pieno o solo esplorativo,

oppure se la situazione fosse ancora molto nebulosa,

  • dare il via a un secondo giro di consultazioni.

Anche in questo, come in tutte le cose, esiste sempre una via mediana per cui non è esclusa nemmeno una pausa di riflessione.

Pausa che potrebbe servire a dare ulteriore tempo alle forze politiche per trovare una qualche intesa; se intesa sarà mai possibile!

Sarà dura però. I due treni AV, Salvini Di Maio, continuano la loro corsa su binario unico ma in senso opposto per cui: catastrofe in vista?

E gli altri? Boh, continuano, come prima delle elezioni, a pascolare allo stato brado, ognuno nel suo pezzetto di prato, in attesa, forse, del pastore.

Arriverà? Al momento non è dato sapere. Magari starà prolungando la pasquetta o anche qui vige il: vai avanti tu che a me vien da ridere!

Questa la situazione a questo momento.

Magari tra qualche ora o istante cambierà ma, per ora, a noi tocca restare con il nostro mantra di sempre e continuare a dire: io speriamo che me la cavo!

Stanislao Barretta

vivicentro.it/EDITORIALI • POLITICA

Print Friendly, PDF & Email

Categorie

ViVicentro.it su Google Play Edicola

Google Play store page

Visita la nostra Pagina Facebook

Il nostro YOUTUBE

Iscriviti al nostro canale

Aiutaci a darti sempre di più

News Mania