Quantcast
Banner Gori
Strage di Natale dell'84
Editoriali Terza Pagina

La Strage di Natale: 36 anni dopo si attende ancora giustizia – VIDEO

Mentre di questi tempi si discute, un giorno sì e l’altro pure, del “diritto” al Natale e “allo Sci” c’è chi nell’ormai lontano Natale dell’84 – era il 23 Dicembre 1984 – fu privato del diritto alla vita, – in 16 -, e del diritto di restare sani, – in centinaia -, ed ancora oggi, dopo ben 36 anni, un velo impenetrabile avvolge anche questa strage italiana, l’ennesima senza ne chiarezza ne condanne: La Strage di Natale.

Se memoria e raziocinio ci accompagnassero, in questo periodo devastato dalla pandemia da Coronavirus, magari ci si potrebbe finanche vergognare di avanzare certe pretese in nome di certi diritti ed invece no: si pretende di andare a sciare, di far baldoria, di riunirsi nel sacro nome del Natale (poi ci sarà anche Capodanno) ed intanto in migliaia continuano a morire ma che importa: sono “altri” e di “altre famiglie” per cui, chi se ne frega, a noi non succederà (mai) nulla (si pensa).

Bah! Che altro dire se non, scuotendo la testa: “Povera Patria” ed “Io speriamo che me la cavo“.

La Strage di Natale: 36 anni dopo si attende ancora giustizia – VIDEO

La strage di Natale: in ricordo della strage del 23 Dicembre 1984 quando mafia, camorra e neri, uniti dalla comune nefandezza, fecero esplodere una bomba nel corridoio della nona carrozza del rapido 904 Milano-Napoli. I morti furono sedici, i feriti centinaia: 36 anni dopo, i familiari delle vittime attendono ancora giustizia.

L’attentato venne compiuto domenica 23 dicembre 1984, nel fine settimana precedente le feste natalizie. Il treno era pieno di viaggiatori che ritornavano a casa o andavano in visita a parenti per le festività.

Il treno intorno alle 19.08 fu colpito da un’esplosione violentissima mentre percorreva la direttissima in direzione nord, a circa 8 chilometri all’interno del tunnel della Grande Galleria dell’Appennino (18 km), in località Vernio, dove la ferrovia procede diritta e la velocità supera i 150 km/h. La detonazione fu causata da una carica di esplosivo radiocomandata, posta su una griglia portabagagli del corridoio della 9a carrozza di II classe, a centro convoglio: l’ordigno era stato collocato sul treno durante la sosta alla Stazione di Firenze Santa Maria Novella.

Tutto fu predisposto per provocare il maggior numero possibile di vittime: l’occasione del Natale, la potenza dell’esplosivo, il “timer” regolato per fare esplodere la bomba sotto la galleria, in coincidenza del transito, sul binario opposto, di un altro convoglio. Solo il tempismo del conducente che prontamente bloccò la linea evitò una strage maggiore.

In quella galleria sono rimasti i corpi di 16 persone e centinaia ne sono usciti feriti in maniera anche gravissima, alcuni morendone a distanza di anni eppure, come troppo spesso si ripete per le italiche stragi, ancora oggi, a ben 36 anni di distanza, i familiari delle vittime attendono ancora chiarezza e condanne

Stanislao Barretta

VIDEO in CC BY-NC 3.0

© TUTTI I DIRITTI RISERVATI. Si diffida da qualsiasi riproduzione o utilizzo, parziale o totale, del presente contenuto. È possibile richiedere autorizzazione scritta alla nostra Redazione. L’autorizzazione prevede comunque la citazione della fonte con l’inserimento del link del presente articolo e delle eventuali fonti in esso citate.

Print Friendly, PDF & Email

In merito all'autore

Stanislao Barretta

Stanislao Barretta

Aggiungi un commento

Clicca qui per commentare

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

SPONSOR

Categorie

ViVicentro.it su Google Play Edicola

Google Play store page

Visita la nostra Pagina Facebook

Canale YOUTUBE Ufficiale

Iscriviti al nostro canale

Aiutaci a darti sempre di più