Cronaca

Mini-tendopoli per i migranti: in quattro giorni ne sono sbarcati oltre diecimila

Boom di sbarchi, scatta l’emergenza

Nuova emergenza migranti in Italia: in quattro giorni ne sono sbarcati oltre diecimila. I profughi del Cara di Mineo (in Sicilia) bloccano la statale per protesta: “Il Centro ci impone troppe regole”.

Boom di sbarchi, scatta l’emergenza

In quattro giorni oltre 10 mila migranti sono stati salvati e distribuiti nei Centri. Il presidente Mattarella dal Canada: l’Italia è in prima linea, l’Ue non è sensibile

ROMA – Sabato sono stati salvati 500 migranti al largo delle coste libiche e a migliaia sono a bordo delle navi dei soccorritori diretti verso i porti italiani. In totale sono oltre 10.500 persone in quattro giorni.

Per il segretario Pd Matteo Renzi «i numeri di oggi non sono sostenibili ma serve anche uno sforzo educativo e culturale» di lungo periodo. Sembra una posizione diversa rispetto a quanto sostenuto in passato, in realtà non c’è alcuna marcia indietro nemmeno sullo ius soli, come precisa l’ex premier parlando durante la presentazione dell’ultimo libro sulla disgregazione degli Stati del direttore de La Stampa, Maurizio Molinari. Renzi spiega che rinunciare davanti ai sondaggi sfavorevoli sarebbe «cadere in basso». Ma ha aggiunto che è «un dovere prendere atto che l’opinione pubblica è esasperata». Serve insomma una nuova strategia. «Si deve prendere atto – prosegue Renzi – che la parola identità è bella e positiva e non è il contrario della parola integrazione».

LEGGI ANCHE: Boom di sbarchi. Minniti: ”La situazione è preoccupante”

Ma nel frattempo ci sono le migliaia di migranti in arrivo da gestire. L’impennata degli sbarchi ha convinto il ministro dell’Interno Marco Minniti a rientrare in Italia, e lasciare Washington dove era atteso per una serie di incontri istituzionali. «L’Italia è in prima linea nel Mediterraneo per salvare migliaia di vite umane nell’ambito di un fenomeno epocale» – ricorda il presidente della Repubblica Sergio Mattarella in visita a Ottawa. L’impegno dell’Italia non è accompagnato da un approccio analogo nell’Ue. «Ciò accade – prosegue Mattarella – ai confini dell’Europa, senza ancora suscitare nel nostro continente nè adeguata consapevolezza nè l’emergere di sensibilità sufficientemente condivise, necessario preludio di incisive azioni comuni». Il contrario di quanto accada in Canada, a cui il presidente non risparmia i complimenti per l’impegno sul fronte «dell’inclusione sociale».

Difficile dire, infatti, quale sarà il destino di questa nuova ondata di sbarchi. I migranti in arrivo sulle coste italiane sono persone in viaggio dalla Libia verso l’Italia, ma anche dall’Africa occidentale verso la Libia, prima tappa del viaggio verso l’Europa. I cinquemila migranti soccorsi ieri nel Mediterraneo centrale navigavano a bordo di cinque barche e 18 gommoni. Alle operazioni hanno preso parte la Guardia costiera, le Ong e alcuni rimorchiatori. Mentre gli 8500 soccorsi negli ultimi due giorni si trovano adesso a bordo di 14 navi: sei di queste hanno già fatto ingresso o stanno per entrare in porti di Sicilia e Calabria, le altre otto sono ancora in navigazione a largo delle coste italiane.

Sul pattugliatore «Comandante Foscari» della guardia costiera, in navigazione verso Pozzallo, c’è anche il cadavere di un neonato che era nato sul barcone.

Intanto, domenica scorsa sono stati trovati senza vita 52 migranti nella zona desertica a nord del fiume Niger, al confine con la Libia. Altri 24 loro compagni sono stati invece tratti in salvo. Il gruppo proveniva dall’Africa occidentale. A confermarlo il prefetto della regione settentrionale di Bilma, Fatoumi Boudou, che ha parlato di un gruppo «di circa 70 persone, partite a bordo di tre veicoli da Agadez per la Libia, e abbandonate in pieno deserto senza acqua e senza cibo» dai trafficanti. Agadez dista 750 chilometri dal confine libico, il viaggio dura dai due ai tre giorni. Da lì i migranti puntano ad arrivare sulla costa libica per poi imbarcarsi alla volta dell’Europa. Nella stessa zona a inizio giugno almeno 44 migranti diretti in Libia, tra cui donne e bambini, sono morti di sete nel deserto.

vivicentro.it/cronaca
vivicentro/Mini-tendopoli per i migranti: in quattro giorni ne sono sbarcati oltre diecimila
lastampa/Boom di sbarchi, scatta l’emergenza FLAVIA AMABILE

Categorie

YouTube

Iscriviti al nostro canale