Quantcast

Ha confessato il fratello della donna fatta a pezzi e gettata in più cassonetti
Attualità Centro - cronaca

Ha confessato il fratello della donna fatta a pezzi e gettata in più cassonetti

Le gambe sono state trovate ieri sera in un cassonetto a Roma, nel quartiere Parioli. Il resto del corpo in un altro cassonetto, effetti personali in un altro ancora. Frequenti liti fra i due, che vivevano assieme
Avrebbe confessato durante l’interrogatorio in Questura l’uomo sospettato di aver ucciso e fatto a pezzi la sorella gettandola in diversi cassonetti a Roma. L’interrogatorio è durato alcune ore. Alla base dell’omicidio ci sarebbero liti per questioni economiche.

L’uomo, un sessantenne italiano, sarebbe stato ripreso da una telecamera di videosorveglianza mentre gettava qualcosa all’interno del secchione nella notte tra il 14 e il 15 agosto. I due fratelli abitavano insieme in un appartamento in via Guido Reni, nel quartiere Flaminio, a pochi metri di distanza dal cassonetto in cui la polizia ha rinvenuto la testa e il tronco della donna.

Il corpo della donna fatto a pezzi – Le gambe della donna, tagliate all’altezza dell’inguine, sono state trovate ieri sera in un cassonetto a Roma, in via Maresciallo Pilsudsky nel quartiere Parioli. A scoprirle una nomade mentre rovistava all’interno del secchione. Il resto del corpo è stato trovato, ore dopo, in un altro cassonetto, in Via Guido Reni, in un quartiere limitrofo. Gli effetti personali e gli abiti della donna, infine, sono stati rinvenuti in un terzo cassonetto in Via Pannini che si trova a pochi passi da via Guido Reni.

Vicina sotto shock, non posso crederci – “Non c’è mai stata una lite, un battibecco. Nicoletta e Maurizio li conoscevo bene e mai mi sarei aspettata tutto questo”. È visibilmente sotto shock una vicina di casa della donna fatta a pezzi e gettata in alcuni cassonetti a Roma. “La notte tra il 14 e il 15 ero qui, a casa – racconta -. Non ho sentito assolutamente nulla. Poi sono partita per il ferragosto e tornata stamattina. Quando ho visto tutta la polizia sotto casa pensavo stessero girando un film. Poi invece mi è arrivata la notizia scioccante”.

Due precedenti simili
Il Corriere della Sera ricorda i precedenti, altri casi simili avvenuti nella capitale.
“Nell’agosto del 2015, fu trovata un’altra gamba tagliata di netto, sotto il ginocchio che affiorò dal fiume Aniene sempre a Roma. Sul polpaccio c’erano un paio di tatuaggi: ‘S.S. Lazio’ e ‘Oggi è un bel giorno per morire’. Tracce che portarono, dopo un paio di giorni, all’identificazione dell’arto. Dalle indagini, venne fuori una storia di regolamento di conti collegato al mondo dello spaccio e della droga nella malavita di San Basilio, in cui Gabriele Di Ponto, ultrà della Lazio con precedenti per rapina, ebbe la peggio. Non fu mai ritrovato il resto del corpo.
Ma di macabro ritrovamento ce ne è stato anche un altro nell’aprile del 2011. Un camionista si fermò col suo mezzo mentre si trovava in zona Porta Medaglia all’Ardeatino incuriosito da un fagotto notato lungo la strada. Quando si rese conto di quello che aveva trovato, allertò le forze dell’ordine: il busto di una donna con le braccia ma senza gambe e testa. A nulla servì per identificarla, l’anello che portava e lo smalto rosso con dei dadi disegnati. Il giallo della donna mutilata è ancora senza soluzione e il suo assassino a piede libero”.

redazione/ansa/adnkronos

Print Friendly, PDF & Email

SPONSOR

Categorie

ViVicentro.it su Google Play Edicola

Google Play store page

Visita la nostra Pagina Facebook

Il nostro YOUTUBE

Iscriviti al nostro canale

Aiutaci a darti sempre di più

News Mania