Note Meteo Nazionale 11Novembre2022: Prossima Settimana, Ciclone Atlantico verso l’Italia

Note Meteo Nazionale 11Novembre2022: Fuori gli abiti più pesanti e gli ombrelli, dalla prossima settimana un ciclone atlantico punterà l’Italia e darà verosimilmente il via ad una lunga fase di maltempo.  #Note #meteonazionale #meteo #previsionimeteo #11Novembre

Leggi anche:

Note Meteo Nazionale 11Novembre2022: Prossima Settimana, Ciclone Atlantico verso l’Italia

La conferma è appena arrivata dagli ultimi aggiornamenti dei Centri di Calcolo e, attenzione, stavolta si rischiano conseguenze molto pesanti.

Il tutto è causato da una decisa svolta a livello emisferico, con l’Autunno pronto a riprendersi la scena. In particolare il comparto Atlantico inizia a ribollire e, dopo un lungo letargo, è pronto a sfornare un treno di cicloni (perturbazioni organizzate) che avranno effetti diretti su gran parte del Vecchio Continente.
Detto in poche parole, sta prendendo vigore una vasta area depressionaria, denominata in termine tecnico Depressione d’Islanda.
Si tratta, in sostanza, della fucina delle perturbazioni“, il cuore pulsante della stagione autunnale, pronta a pilotare piogge intense dapprima verso Regno Unito, Francia e Penisola Iberica, poi anche sul Mediterraneo e quindi anche sul nostro Paese.

Ma veniamo al ciclone atteso per la prossima settimana. Se le prime precipitazioni sono attese al Nordovest già dalla giornata di Lunedì 14 Novembre, la nostra attenzione si concentra su Martedì 15 Novembre e sui giorni successivi, quando le condizioni meteo sono previste in forte peggioramento a causa dell’ingresso di una serie di impulsi perturbati che potrebbero dare il via ad una pericolosa fase di maltempo.
Un fattore determinante sarà la temperatura ancora troppo elevata dei nostri mari, che potrebbe fornire l’energia necessaria (maggiore umidità nei bassi strati dell’atmosfera) per lo sviluppo di imponenti celle temporalesche in grado di scaricare al suolo ingenti quantità d’acqua nel giro di poche ore.
Con il tipo di configurazione attualmente prevista, gli occhi sono puntati in particolare al Nordovest e alla fascia tirrenica: i principali modelli atmosferici iniziano a delineare infatti un quadro piuttosto preoccupante con il rischio di violente precipitazioni concentrate in zone ristrette del territorio.
Non sono da escludere le famigerate alluvioni lampo che colpiscono zone ristrette di territorio, ma che possono causare ingenti danni, allagamenti e disagi alla circolazione stradale.
Nella cartina qui sotto, relativa alle piogge attese per Mercoledì 16 Novembre, possiamo osservare la colorazione gialla che indica la possibilità di violente precipitazioni con cumulate addirittura fino a 100 mm in 24 ore.Le precipitazioni previste per Mercoledì 16: nelle zone in giallo fino a 100 mm in 24 oreLe precipitazioni previste per Mercoledì 16: nelle zone in giallo fino a 100 mm in 24 oreInoltre, visto il probabile calo termico dovuto alle correnti in discesa dal Nord Europa, potrebbe tornare pure la neve, anche copiosa sulle Alpi, con fiocchi fin sotto i 1800 metri di quota.

Le novità non sono finite. Verso la fine della prossima settimana (weekend del 19/20 Novembre), un altro pericoloso ciclone potrebbe raggiungere il nostro Paese provocando piogge abbondanti, anche sotto forma di nubifragio.
Su questo, tuttavia, potremo darvi maggiori indicazioni nei nostri prossimi aggiornamenti.
Intanto ci aspetta una settimana pienamente autunnale su buona parte dell’Italia, purtroppo con tanti rischi.

Dalla prossima settimana tornano le perturbazioni atlantiche sull'ItaliaDalla prossima settimana tornano le perturbazioni atlantiche sull’Italia

Commenta

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ti potrebbe interessare

ViviCentro TV


Ultime Notizie

Okoye si aggrega alla Givova: firmato il contratto con Scafati

Ala piccola, il nazionale nigeriano torna in Italia dopo le esperienze con Varese, Matera, Trapani e Udine.