31.6 C
Castellammare di Stabia

Juve Stabia-Foggia, Pagliuca: punto positivo con un Foggia chiuso

LEGGI ANCHE

Guido Pagliuca in conferenza stampa ha analizzato la gara Juve Stabia-Foggia terminata 0-0.

Le dichiarazioni di Guido Pagliuca, allenatore della Juve Stabia, nella conferenza stampa al termine della gara col Foggia sono state raccolte e sintetizzate dalla redazione di ViViCentro.it.

“Mi è piaciuto tutto della Juve Stabia stasera. Meli doveva partire dall’inizio poi ha avuto un attacco influenzale allo stomaco e non ce l’ha fatta. È stata una buona gara ma quando trovi una squadra chiusa come il Foggia diventa difficile e non ce l’aspettavamo.

Due tre occasioni ci sono capitate ma potevamo anche prendere gol nel finale. Un pari che ci va bene. Siamo poco cattivi negli ultimi 30 metri e c’è anche un po’ di stanchezza mentale. È un bel risultato contro una squadra forte però.

Non dico niente dell’arbitro anche perché ho visto il presidente e la società che erano molto arrabbiati per le decisioni arbitrali. 

Cosa serviva per scardinare il muro difensivo del Foggia?

Serve la mobilità dei giocatori negli ultimi 30 metri. Anche la giocata individuale serve quando ci sono queste gare così bloccate. Quando una squadra ti concede pochissimo devi sfruttare le poche occasioni che si creano.

Il bicchiere stasera è mezzo pieno ma siamo in casa e i ragazzi ci tenevano a vincere. Abbiamo rischiato anche di perdere ma dobbiamo prendere il punto come positivo sicuramente. Un bel punto che deve generare ancora più di entusiasmo.

Negli ultimi 30 metri serve grande qualità nel controllo orientato e serve anche creare superiorità numerica. Siamo stati bravi anche a limitare giocatori come Schenetti, Tonin, Embalo che nelle ripartenze potevano fare male.

Candellone è un grande e mai mi sarei permesso di rimproverarlo. Ha giocato benissimo. Noi non riuscivamo a riempire l’area con tanti giocatori e si faceva più fatica davanti nei cross che metteva Mignanelli in area.

Bentivegna è uscito perché volevamo mettere la palla sopra alzando i centimetri della squadra. Ma ha fatto una buonissima gara. Il rammarico principale è per i nostri tifosi.

Il valore della prestazione delle Vespe.

Siamo consci che l’esposizione che abbiamo ora è alta. Dobbiamo dare il giusto valore anche alla grande prestazione di oggi. Sono stracontento dei miei ragazzi che hanno costretto il Foggia a chiudersi dietro. Dobbiamo però cercare di sfruttare le occasioni che ci capitano ma ci sono anche gli avversari in campo.

Domani do un giorno di riposo alla squadra perché lo hanno meritato. Non facciamo mai la settimana tipo perché anche questa settimana giochiamo lunedì e poi domenica e anche la settimana prossima sarà lo stesso. Un giorno in più è fondamentale per una squadra come la nostra.

Nel vedere la loro formazione abbiamo capito che avrebbero giocato a 5 e Marranzino poteva anche giocare dall’inizio. Se giochi ogni tre giorni fai fatica a far giocare e valorizzare i giovani. E avere la settimana tipo sarebbe fondamentale”.


Juve Stabia TV


Claudio Pagano la Virtus Stabia mi ha insegnato il valore dell’unione fuori e dentro il campo

Claudio Pagano, classe ‘97, attaccante con numerose esperienze in Promozione, protagonista dello scorso campionato con i colori della Virtus Stabia, conquistando la seconda promozione...
Pubblicita

Ti potrebbe interessare