33.9 C
Castellammare di Stabia

Vivi Radio

lunedì, Agosto 8, 2022

Aborto: Opinione di Max Boot sulle recenti decisioni USA

Da leggere

ABORTO: Dopo la Sentenza incredibile con la quale la Corte suprema statunitense ha abolito la storica sentenza Roe v. Wade, l’Editorialista Max Boot del Waschington Post scrive :  Le sentenze della Suprema Corte rappresentano la tirannia della minoranza

 Aborto: Opinione di Max Boot sulle recenti decisioni USA

Tutti sanno che i Fondatori avevano paura della tirannia della maggioranza. Ecco perché hanno costruito così tanti controlli e contrappesi nella Costituzione.

Quello che è meno noto è che avevano anche paura della tirannia della minoranza.

Ecco perché hanno demolito gli articoli della Confederazione, che richiedevano l’accordo di 9 stati su 13 per approvare qualsiasi legge, e hanno promulgato una Costituzione con un’autorità esecutiva molto più forte.

Nel Federalist n. 22 , Alexander Hamilton ha avvertito che dare a piccoli stati come il Rhode Island o il Delaware “uguale peso nella scala del potere” con grandi stati come “Massachusetts, o Connecticut o New York” violava i precetti di “giustizia” e ” buon senso.”

“Gli Stati più grandi dopo un po’ si ribellerebbero all’idea di ricevere la legge dai più piccoli”, predisse, sostenendo che un tale sistema contraddice “la massima fondamentale del governo repubblicano, che richiede che prevalga il senso della maggioranza”.

L’incubo di Hamilton è diventato la realtà dell’America del 21° secolo. 

Viviamo sotto la tirannia minoritaria, con stati più piccoli che impongono le loro opinioni su quelli più grandi attraverso la loro sproporzionata influenza al Senato e al collegio elettorale – e quindi alla Corte Suprema.

Per fare solo un esempio: ventuno stati con meno persone in totale rispetto alla California hanno 42 seggi al Senato .

Questo sistema antidemocratico e ingiusto ha prodotto le nuove sentenze della Corte Suprema sul controllo delle armi e l’aborto.

Si tratta di questioni su cui l’opinione pubblica è sbilanciata a favore di quella che, in mancanza di una parola migliore, potremmo chiamare la parte “liberale”.

Dopo la sparatoria di Uvalde, Texas, un recente sondaggio ha mostrato che il 65 per cento degli americani vuole controlli più severi sulle armi; solo il 28 per cento è contrario.

L’opinione pubblica è altrettanto chiara sull’aborto:

  • il 54% degli americani vuole preservare Roe v. Wade e solo il 28% vuole ribaltarlo.
  • Il 58% vuole che l’aborto sia legale nella maggior parte o in tutti i casi.

Eppure la maggioranza di estrema destra della Corte Suprema ha appena annullato una legge di New York che rendeva difficile ottenere un permesso per portare una pistola, pur mantenendo una legge del Mississippi che vietava tutti gli aborti dopo 15 settimane.

Ciò rappresenta una drammatica espansione dei diritti sulle armi e un’altrettanto drammatica riduzione dei diritti di aborto.

Ora, la Corte Suprema non ha l’obbligo di seguire la volontà popolare. Ha il compito di salvaguardare la Costituzione. Ma è difficile per qualsiasi osservatore disinteressato avere fiducia in ciò che stanno facendo i giudici di destra. 

Non stanno agendo in modo molto conservativo nel ribaltare una sentenza di aborto ( Roe v. Wade ) che ha 49 anni e uno statuto di New York sul controllo delle armi che ha 109 anni .

In entrambi i casi, i giudici si basano su letture dubbie della storia del diritto che sono state sfidate da molti studiosi a ribaltare quella che era stata una legge stabile.

I conservatori possono plausibilmente sostenere che i giudici liberali abbiano inventato un diritto costituzionale all’aborto, ma in che cosa è diverso da ciò che i giudici conservatori hanno fatto inventando un diritto individuale di portare armi che non si trova da nessuna parte nella Costituzione?

La Corte Suprema non ha riconosciuto il diritto individuale a portare armi fino al 2008 , 217 anni dopo che il Secondo Emendamento è stato emanato espressamente per proteggere le milizie statali “ben regolamentate”.

Il Secondo Emendamento non è cambiato nel corso dei secoli, ma la composizione della corte è cambiata.

La maggioranza è convenientemente favorevole ai diritti dello Stato sull’aborto ma non sulle armi.

È ovvio che i giudici conservatori (che presumibilmente sono contrari all’aborto e pro-diritti alle armi) stanno semplicemente mettendo in atto le loro preferenze personali, proprio come fanno i giudici liberali (che sono presumibilmente favorevoli alla scelta e al controllo delle armi).

Quindi, se la Corte Suprema vuole essere un forum per legiferare, non dovrebbe rispettare le opinioni di due terzi del paese? Ma il nostro sistema politico perverso ha permesso a una minoranza militante di destra di dirottare la legge.

Come fa notare un corrispondente economista ,

“5 dei 6 giudici conservatori della Corte Suprema sono stati nominati da una maggioranza del Senato repubblicano che ha ottenuto meno voti dei Democratici” e “3 dei 6 sono stati nominati da un presidente che ha vinto anche una minoranza del popolo votazione.”

La situazione è in realtà ancora più iniqua: con ogni probabilità, Roe non sarebbe stato ribaltato se l’allora leader della maggioranza al Senato Mitch McConnell (R-Ky.) non avesse rotto con i precedenti rifiutandosi di concedere il candidato alla Corte Suprema del presidente Barack Obama, Merrick Garland , un voto nel 2016. McConnell ha sfacciatamente tenuto il seggio aperto per il presidente Donald Trump da favorire.

Ora l’incaricato di Trump, Neil M. Gorsuch, fa parte della maggioranza di cinque giudici che ha ribaltato Roe . (Il giudice capo John G. Roberts Jr. si è unito agli altri cinque giudici per sostenere la legge sull’aborto del Mississippi ma non per annullare Roe .)

La fiducia dell’opinione pubblica nella Corte Suprema è scesa al minimo storico del 25% e c’è una buona ragione per cui continua a erodersi.

Stiamo vivendo ciò che i Fondatori temevano: una crisi di legittimità di governo provocata dalla tirannia minoritaria. E presto potrebbe andare molto peggio.

Nella sua opinione concordante sul caso di aborto, il giudice Clarence Thomas ha invitato la corte a ribaltare i precedenti popolari che sostengono il diritto alla contraccezione, alle relazioni omosessuali e all’uguaglianza matrimoniale.

Tanto per la speranza di Hamilton che “il senso della maggioranza dovrebbe prevalere”.

Max Boot è un editorialista del Washington Post, ricercatore presso il Council on Foreign Relations e autore di “The Road Not Taken: Edward Lansdale and the American Tragedy in Vietnam”.  Twitter

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

ViviCentro TV


Ti potrebbe interessare

Vivi Radio

Ultime Notizie

- Pubblicità -
Cambia Impostazioni della Privacy