Vaccinazioni antinfluenzale e anti Covid-19
Vaccinazioni antinfluenzale e anti Covid-19

Nuove restrizioni per far fronte ai nuovi contagi di Covid-19

Il governo lavora alle nuove restrizioni da adottare a discapito dei no vax per far fronte ai nuovi picchi di contagi in diverse regioni

Si pensa a delle nuove regole da adottare per combattere la potenziale nuova ondata di contagi

 

Modifica del green pass

 

Il governo sta considerando l’idea di introdurre delle modifiche alle regole anti-contagio attualmente in vigore; l’obiettivo è far fronte all’aumento dei contagi che sta affliggendo non solo alcune zone d’Italia, ma anche svariati paesi del mondo.

La prima modifica alla quale si sta pensando riguarda l’emissione del green pass, ovvero quella certificazione, cartacea o digitale, che permette a chi ne è provvisto di accedere a diverse attività pubbliche e private.

Il governo sta considerando di rendere il green pass esclusiva solo di coloro che hanno completato il ciclo vaccinale o che sono guariti dal Covid; di conseguenza, non sarà più possibile utilizzare un tampone negativo come sostitutivo della certificazione.

Naturalmente non c’è nulla di già deciso, è soltanto un’idea, ma potrebbe concretizzarsi se essa viene ritenuta una valida arma per aumentare la copertura e ridurre i rischi sull’intera popolazione.

 

Lockdown per i no vax

 

Il governo sta, inoltre, valutando di introdurre un lockdown per i non vaccinati; essi non potranno più accedere ai posti di lavoro e nelle aree in cui vi è possibilità di assembramenti.

L’opinione pubblica è spaccata su tale argomento, con la discussione che è molto accesa in quanto tale regola potrebbe essere considerata una violazione della Costituzione; questa ipotesi possiede però un ulteriore problema in quanto nella società non vi sono soltanto pro e no vax, ma anche persone le quali non sono convinte dell’efficacia del virus, probabilmente spaventate e sfiduciate dal prossimo e da alcune voci poco tutt’altro che ottimiste.

Alcune persone sono impossibilitate a fare il vaccino per problemi clinici che li mettono in un posizione scomoda; essi magari non sono complottisti, ma soltanto coscienziosi e posti in difficoltà sul da farsi.

La popolazione spera in un miglioramento progressivo della situazione sia in Italia che in Europa, ma bisogna comunque fare di necessità virtù e fare ciò che è necessario per debellare questa emergenza.

 

Nuove restrizioni per far fronte ai nuovi contagi di Covid-19/Antonio Cascone/redazione

Ascolta la WebRadio