Emergenza coronavirus
Emergenza coronavirus

Locomotiva d’Italia? Con il 66% dei nuovi casi Covid resta la Lombardia

In Italia, nella giornata di ieri, sabato 23 maggio 2020, si sono registrati 669 nuovi casi, 441 nella sola Lombardia che, con il 66%, resta la locomotiva d’Italia anche per il Covid. Da ieri 119 deceduti

Locomotiva d’Italia? Con il 66% dei nuovi casi Covid resta la Lombardia

Stando ai dati diffusi dalla Protezione Civile, il totale delle persone che, ad oggi, hanno contratto il virus è di 229.327 segnando quindi un incremento rispetto a ieri di 669 nuovi casi. Di questi, 441 e quindi il 66%, purtroppo si fanno registrare ancora nella sola Lombardia che resta così, tristemente ed anche nella pandemia, la locomotiva d’Italia.

Sempre secondo la Protezione Civile il numero totale di attualmente positivi è di 57.752, con una decrescita di 1.570 assistiti rispetto a ieri.

In dettaglio, tra gli attualmente positivi:

  • 572 sono in cura presso le terapie intensive, con una decrescita di 23 pazienti rispetto a ieri.
  • 8.695 persone sono ricoverate con sintomi, con un decremento di 262 pazienti rispetto a ieri.
  • 48.485 persone, pari all’84% degli attualmente positivi, sono in isolamento senza sintomi o con sintomi lievi.
  • Rispetto a ieri i deceduti sono 119 e portano il totale a 32.735.
  • Il numero complessivo dei dimessi e guariti sale invece a 138.840, con un incremento di 2.120 persone rispetto a ieri.
Suddividendo per Regione i casi attualmente positivi, bisogna annotare che:
  1. – 25.630 sono in Lombardia,
  2. – 8.025 in Piemonte,
  3. – 4.570 in Emilia-Romagna,
  4. – 3.581 nel Lazio,
  5. – 2.841 in Veneto,
  6. – 1.805 in Puglia,
  7. – 1.766 in Toscana,
  8. – 1.734 in Liguria,
  9. – 1.713 nelle Marche,
  10. – 1.273 in Campania,
  11. – 1.512 in Sicilia, che per la prima volta ha segnato 0 (zero) nuovi contagi,
  12. – 1.168 in Abruzzo,
  13. – 565 nella Provincia autonoma di Trento,
  14. – 459 in Friuli Venezia Giulia,
  15. – 288 in Calabria,
  16. – 287 in Sardegna,
  17. – 214 nella Provincia autonoma di Bolzano,
  18. – 189 in Molise,
  19. – 56 in Umbria,
  20. – 41 in Basilicata,
  21. – 35 in Valle d’Aosta.

RedazioneStanislao Barretta

Ascolta la WebRadio