28.3 C
Castellammare di Stabia

Vivi Radio

venerdì, Maggio 27, 2022

Dibattito Macron-Le Pen: Un dialogo senza vincitore per KO

Da leggere

Il tanto atteso programma “Le Débat” Macron-Le Pen (il Dibattito Macron-Le Pen) trasmesso, ieri sera, dalla TV francese a reti unificate è iniziato, come da sorteggio, con un intervento di Marine Le Pen. 

Il primo tema è stato dedicato al potere d’acquisto, uno dei temi cardine di questa campagna e in particolare quello del candidato del Raduno Nazionale, Marine Le Pen.

I candidati, nelle 2h30 di dibattito previsto, si sono poi confrontati anche su temi internazionali e sul modello sociale, ovvero: pensioni, salute e dipendenza.

Com’è andato il dibattito.

Il primo argomento affrontato li ha spinti entrambi all’umiltà e, per quanto possibile, alla chiarezza.

Sul potere d’acquisto non c’era spazio per invettive o enfasi.

Fin dall’inizio, misure precise, ma soprattutto l’obbligo di una comune osservazione sulle difficoltà quotidiane dei francesi a differenza di cinque anni fa, quando erano troppo ossessionati dall’idea di distruggersi a vicenda.

In questo secondo dibattito presidenziale, Emmanuel Macron e Marine Le Pen erano più preoccupati di farsi capire dai francesi e quindi, almeno inizialmente, hanno trattenuto i loro colpi.

La “quiete” è durata fino a quando il finanziamento russo del National Rally è stata posta dal presidente uscente per provare a mettere all’angolo la sua rivale e farle perdere il sorriso che indossava all’inizio del confronto.

A quel punto il dibattito è andato rapidamente a vantaggio del presidente-candidato ed ha visto la sua avversaria rimanere troppo spesso spettatrice anche se traspare che ha preparato al meglio la sua performance.

Muta durante i primi due terzi dello spettacolo, come paralizzata dal trauma della sua esibizione di cinque anni prima, ma poi, con il passare del tempo, la Le Pen si è finalmente disinibita evocando questioni legate al governo e alle istituzioni.

Purtroppo per lei, però, non ha fatto altro che confermare i limiti del suo programma che, in realtà, non è finanziariamente sicuro e mira solo a blandire le aspettative di chi si sente trascurato e declassato per cui, le soluzioni non finanziarie che propone, vanno a sbattere, rapidamente, contro il muro del realismo.

Il suo desiderio di voler imporre alle altre nazioni europee una cosiddetta “Europa delle nazioni” (concetto difficile da capire tranne che se non inteso come ciascuno a casa sua  e non parliamo più di unione) non fa ben sperare per una possibilità di successo nelle trattative a 27 e non potrà essere il supporto di Orban che lo renderà possibile.

La sintesi del confronto.

Marine Le Pen conclude il suo dibattito dicendo:

Marine Le Pen 300 (28-01-2022)“Vorrei rivolgermi al popolo francese che, nonostante la fatica e la stanchezza di cinque anni di confronto permanente, deterioramento del proprio tenore di vita, privazione della libertà individuale e collettiva, aspira alla pace, al buon senso nella gestione dello Stato. “

e chiude invocando il “buon senso dei suoi compatrioti”: 

“Il buon senso per impedire ai predatori dall’alto che fanno l’ottimizzazione delle tasse e poi ai predatori dal basso che molestano le brave persone per far loro del male.

Il senso comune di privilegiare il radicamento rispetto alla speculazione, il localismo rispetto al globalismo, il valore del lavoro rispetto all’UBERizzazione dei nostri posti di lavoro, il senso comune di difendere l’anima della Francia.

Questo progetto è fattibile, è vitale, è quello che porto per i francesi per tutti i francesi”.

Macron afferma: “Questa elezione è un’elezione a favore o contro l’Unione Europea”

Emmanuel Macron conclude la sua partecipazione al dibattito dicendo:

Emmanuel Macron 300 (Giugno 2021)“Grazie signora Le Pen per lo scambio che abbiamo avuto. 

Combatto queste idee ma la rispetto come persona. 

Penso che potremmo annotare che abbiamo avuto disaccordi sinceri e rispettabili. 

Questa elezione è un’elezione a favore o contro l’Unione europea, a favore o contro l’ambizione ecologica ”, ha sottolineato il presidente-candidato.

Macron fa capire anche che vuole fare della protezione dell’infanzia una questione importante del programma per il suo possibile mandato di cinque anni per cui dichiara:

“Una delle cose che più mi interessa è continuare a costruire per loro un mondo migliore ma anche proteggerli ”.

Metti “mi piace” alla nostra pagina Facebook!

Cristina Adriana Botis / Redazione

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

ViviCentro TV


Ti potrebbe interessare

Vivi Radio

Ultime Notizie

- Pubblicità -
Cambia Impostazioni della Privacy