Cassazione: Revoca Assegno di Divorzio per Convivenza con Nuovo Partner

LEGGI ANCHE

La Cassazione ha stabilito la revoca dell’assegno di divorzio in caso di convivenza stabile con un nuovo partner, segnando un importante precedente giuridico.

Cassazione: Revocato l’Assegno di Divorzio in Caso di Convivenza con un Altro

Negli ultimi anni, il panorama giuridico italiano in materia di famiglia ha visto un’evoluzione significativa, con una crescente apertura verso decisioni meno prevedibili e meno orientate a priori a favore delle parti tradizionalmente considerate deboli. Un esempio di questa tendenza è la recente sentenza della Corte di Cassazione che ha stabilito la revoca totale dell’assegno di divorzio quando l’ex coniuge vive stabilmente con un nuovo partner.

La Sentenza della Corte di Cassazione

Con l’ordinanza n. 13739/2024 del 17 maggio 2024, la prima sezione civile della Corte di Cassazione ha accolto il ricorso di un uomo che chiedeva la revoca dell’assegno di divorzio, motivata dalla convivenza stabile della sua ex moglie con un altro uomo. Giovanni D’Agata, presidente dello “Sportello dei Diritti”, ha sottolineato come questa decisione segni un importante precedente: non è sufficiente ridurre l’assegno, ma si può procedere alla sua revoca totale.

La Normativa di Riferimento

La revisione dell’assegno di divorzio è disciplinata dall’art. 9 della Legge n. 898 del 1970, che prevede la possibilità di modificare le condizioni economiche in presenza di cambiamenti significativi nella situazione patrimoniale e reddituale degli ex coniugi. La Corte ha stabilito che, nel processo di revisione, il giudice non deve effettuare una nuova valutazione delle condizioni economiche, ma deve limitarsi a verificare se le circostanze sopravvenute abbiano alterato l’equilibrio economico precedentemente raggiunto.

Il Caso Specifico

Nel caso in questione, la Corte d’Appello di Venezia aveva ridotto l’assegno di divorzio solo del 10%, nonostante il pensionamento dell’ex marito e la convivenza della ex moglie con un nuovo compagno. La Cassazione ha ritenuto che la convivenza stabile della donna con un altro uomo rappresentasse un cambiamento significativo delle sue condizioni economiche, giustificando così la revoca dell’assegno.

Dati Statistici sulle Separazioni in Italia

Questa sentenza si inserisce in un contesto di crescenti separazioni in Italia, con differenze marcate tra Nord e Sud. Secondo i dati presentati al Convegno Nazionale dell’Associazione degli Avvocati Matrimonialisti Italiani, al Nord si registrano 383 separazioni ogni mille matrimoni, contro le 180 al Sud. In particolare, Napoli si distingue per il numero crescente di matrimoni, segno di una tradizione ancora molto sentita.

Conclusioni

La decisione della Corte di Cassazione rappresenta un importante passo avanti verso un approccio più equilibrato e imparziale nelle questioni di diritto di famiglia. Questa sentenza non solo segna un cambiamento nelle decisioni riguardanti gli assegni di divorzio, ma riflette anche una maggiore attenzione alle effettive condizioni economiche degli ex coniugi, piuttosto che a criteri predefiniti e generalizzati.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Isola di Capri, Gori comunica il riempimento della condotta. Oggi il servizio idrico tornerà funzionante

Finalmente oggi ritornerà la normalità nelle abitazioni e nei locali capresi. Risolto definitivamente il problema dell'approvvigionamento idrico
Pubblicita

Ti potrebbe interessare