Sgominata dalla Polizia di Stato di Palermo. La banda aveva un ambiente non ostile
Sgominata dalla Polizia di Stato di Palermo. La banda aveva un ambiente non ostile

Sgominata una delle più fiorenti piazze di spaccio in città e provincia: 6 arresti

Sgominata dalla Polizia di Stato di Palermo. La banda aveva un ambiente non ostile e nascondeva la droga sui tetti degli esercizi commerciali e appartamenti

Nel corso della notte, con arresti e sequestri, la Polizia di Stato di Palermo ha assestato un duro colpo a quella che è considerata una delle tradizionali e più fiorenti piazze dello spaccio “al minuto” della città e dell’intera provincia palermitana, quella allocata in via Di Vittorio, allo Sperone.

6 le persone arrestate. Tre sono finiti in carcere e tre ai domiciliari con l’obbligo di uso del braccialetto elettronico.

La banda rappresentava un assoluto punto di riferimento perché luogo di rifornimento istantaneo per assuntori e “clienti”, provenienti da altri quartieri cittadini o dalla parte orientale della provincia palermitana che riescono a procurarsi lo stupefacente con rapidi blitz nel popoloso e periferico quartiere, giungendo alle porte del capoluogo senza lunghe e pericolose soste nel suo tessuto metropolitano.

I poliziotti del Commissariato di P.S. “Brancaccio” hanno calcolato un approssimativo giro d’affari, giornaliero, legato a questa piazza di spaccio, di 5000,00 euro, circa.

L’epicentro della instancabile attività di spaccio è stato registrato nei pressi di un noto bar dello Sperone.

Qui le telecamere della Polizia di Stato hanno registrato l’avvilente attitudine dei malviventi a muoversi nel contesto di un ambiente a loro certamente non ostile con nascondigli per lo stupefacente ricavati sui tetti degli esercizi commerciali, in cavità naturali del terreno o addirittura calati dagli appartamenti attraverso tradizionali panieri, trasformati in contenitori di droga.

Adduso Sebastiano

(le altre informazioni regionali le trovi anche su Vivicentro – Redazione Sicilia)

Ascolta la WebRadio