attivato le procedure per l'isolamento a scopo precauzionale
attivato le procedure per l'isolamento a scopo precauzionale

Rientrata da Codogno: in 7 in auto-quarantena

Un’insegnante che lavora a Codogno (Lodi-Lombardia) era rientrata due giorni fa a San Fratello (ME) con un volo Milano-Palermo.

“Non ha febbre e sta bene, e la situazione è costantemente monitorata” spiega il sindaco Salvatore Sidoti Pinto, che è anche medico di base del paese di San Fratello in provincia di Messina ubicato sulla costa tirrenica nelle colline dei Nebrodi.

“La donna – aggiunge il sindaco – è rientrata prima che venissero attivate le misure interdittive adesso in vigore, con il divieto di abbandono delle zone del contagio”.

Poco dopo il suo rientro il primo cittadino ha saputo della sua presenza e ha attivato le procedure per l’isolamento a scopo precauzionale, informando la Prefettura di Messina, l’Asp e i Carabinieri.

Il caso è seguito dai medici dell’ospedale Cannizzaro di Catania e del Papardo di Messina.

“Per il momento non c’è alcun motivo di allarme” conclude il sindaco.

Analogamente a Sant’Agata di Militello, sempre in provincia di Messina sulla costa del Tirreno, un uomo di 42 anni originario del paese ma che vive e lavora a Lodi (Lombardia) da cui era rientrato da qualche giorno per farsi un po’ di ferie in occasione del Carnevale, è stato invitato, dal sindaco Bruno Mancuso ad osservare l’isolamento a scopo precauzionale per 15 giorni al fine di scongiurare un eventuale contagio in corso in Italia del Nord del Coronavirus. Ad eseguire il controllo a casa dell’uomo sono stati gli agenti della polizia municipale.

Il primo cittadino era stato informato da alcuni residenti circa la presenza dell’uomo in città e riguardo le sue condizioni di salute che non sarebbero state ottimali. Dopo aver parlato con la persona  rassicurandosi sul suo stato di salute, il sindaco Mancuso ha attuato le disposizioni sanitarie in materia di Coronavirus, attivate in tutta Italia dopo i casi di Lombardia e Veneto delle scorse ore.

Il 42enne sembra però non presentare sintomatologie legate all’eventuale insorgenza del virus. Tuttavia, come afferma il sindaco di Sant’Agata “l’attenzione è alta e invitiamo tutti al senso di responsabilità nel tutelare la propria salute e quella degli altri”. Il sindaco, inoltre, ha comunicato che già domattina avviserà le autorità sanitarie competenti per il territorio e saranno queste ultime e decidere se e quali misure aggiuntive adottare per il 42enne.

Adduso Sebastiano

Ascolta la WebRadio