Iervolino: “Partita complessa col Barano, bisogna fare attenzione”
Iervolino: “Partita complessa col Barano, bisogna fare attenzione”
Foto @Alessandro Ascione

Ischia, Iervolino: “Atteggiamento sbagliato dopo il gol”

DOPO GARA- L’allenatore isolano vede il bicchiere mezzo pieno

Ultimo aggiornamento:

Simone Vicidomini– L’Ischia pareggia quasi sul gong finale la partita contro il Mondragone. I gialloblu hanno trovato subito il gol del vantaggio con Castagna, poi il Mondragone ha ribaltato tutto in pochi minuti nel primo tempo. In casa gialloblu oggi le cose non sono andate nel verso giusto. “Non ha funzionato solo l’atteggiamento dopo il gol iniziale- attacca Iervolino-. C’è ancora un pregresso difensivo. Appena facciamo gol ci abbassiamo troppo, cosa che è successa anche in altre occasioni e questo lo dobbiamo migliore.

Giocando il secondo tempo con un atteggiamento più propositivo in avanti la partita è andata molto diversamente, a prescindere dal risultato e dal gol fatto. C’è rammarico solo di questo, cosa che ho detto alla fine del primo tempo nello spogliatoio. O non facciamo gol all’inizio- ironicamente scherza il tecnico- e c’è lo portiamo avanti il più possibile. Quando facciamo gol nei primi tempi dobbiamo avere il coraggio di stare su e di non abbassarci.

Nella ripresa in campo D’Antonio al posto di Montanino e forse anche con l’ingresso di un giocatore veloce come lui è cambiata l’inerzia della partita? “E’ cambiata poco come atteggiamento perché già nell’intervallo abbiamo cambiato assetto mettendoci 4-2-3-1 e più semplice andare così a prendere il loro play di gioco. Le rotazioni devono avvenire in maniera più veloce. Dopo quando siamo andati a prenderla ci siamo messi a tre con Castagna vicino a Sogliuzzo e Cibelli sotto palla e questo ci ha fatto avere tante occasioni nel finale dove potevamo sfruttare meglio e forse ora stavamo parlando di un 3-2”.

Un’Ischia davvero sfortunata tra parate del portiere e salvataggi sulla linea dei difensori, ma soprattutto entra Invernini e dopo poco è costretto a lasciare il campo per uno scontro di gioco con Alvino. Le tante assenze quest’oggi hanno portato e forse evidenziato le lacune del gioco e condizionato il risultato finale? “E’ una cosa che ci stiamo trascinando da tempo che dobbiamo sottolineare. Questo non è un alibi ma per dare importanza al lavoro, al grande sacrificio che stanno facendo tutti questi ragazzi in campo.

Se andiamo a vedere gli indisponibili c’è quasi un’intera formazione che potrebbe essere schierata in campo. E’ ovvio che poi ritorniamo sempre allo stesso discorso se Trofa in una partita ti serve in avanti per andarli a prendere alti, e quindi fare schermo davanti alla difesa ti manca quella persona e ovvio che poi fai fatica. Dobbiamo guardare anche il lato positivo che associamo al risultato.

Il 2-2 in casa sicuramente ci lascia l’amaro in bocca. Il contrario e che oggi avevamo una panchina composta da tutti under dovuto alle tante defezioni. Come over avevamo solo Iacono che però viene da un infortunio alla caviglia e quindi non poteva darci sostegno in questa partita che è comunque è diventata tosta. C’è da guardare il bicchiere mezzo pieno, specialmente in queste occasioni”.

Pesce come mai era tra gli indisponibili dopo che mercoledì era stato il migliore in campo? “Pesce venerdì ha avuto una botta con D’Antonio e ieri durante la rifinitura non riusciva a poggiare nemmeno il piede a terra e gli hanno dato una settimana di riposo-chiosa Iervolino.

 

 

Ascolta la WebRadio