Torino-Napoli 0-4 – L’occhio indiscreto

Torino-Napoli 0-4 - L'occhio indiscreto: un Napoli sempre più dominante aspetta ormai solo la matematica per festeggiare lo scudetto

LEGGI ANCHE

Torino-Napoli 0-4 – L’occhio indiscreto: un Napoli sempre più dominante aspetta ormai solo la matematica per festeggiare lo scudetto.

Fa bene Spalletti a predicare calma ma quanto visto anche a Torino ormai scava un solco profondissimo tra gli azzurri e quelle che dovrebbero essere le più dirette concorrenti nella conquista del titolo.

Chiunque si sia dedicato domenica pomeriggio a vedere il derby di Roma e il derby d’Italia tra Inter e Juventus soprattutto dopo aver visto Torino-Napoli, non può esimersi dal fare un’unica considerazione.

Al di là dei 21 punti che separano Napoli e Inter, dei 19 tra Napoli e Lazio e dei 23 tra Napoli e Milan, e dai trenta tra Napoli e Juve, è proprio il campo che ispira un’idea ben precisa: gli azzurri sono nettamente più forti delle più dirette inseguitrici.

TORINO-NAPOLI, DOMINIO ASSOLUTO DEGLI AZZURRI.

Torino-Napoli dura praticamente 20 minuti. Il tempo comunque per il drago a due teste (come lo definisce Spalletti), al secolo Victor Osimhen, per segnare il suo ventesimo gol in campionato. Poi il Toro fa il solletico al Napoli: occasionissime per il gran tiro di Vlasic ma soprattutto quello di Ricci con parata di Meret e ribattuta sul palo di Sanabria.

Ma il Torino finisce praticamente qui. Il resto è un monologo degli azzurri. Il rigore procurato e realizzato da Kvaratskhelia è un semplice orpello nella festa degli azzurri di fronte al terzo gol che è il vero e proprio manifesto del Napoli spallettiano.

Da un rimessa laterale palla a Di Lorenzo, sempre meno difensore e sempre più trequartista a tutto campo, che taglia tutto il campo e serve Kvara dall’altro lato. Tacco sontuoso del georgiano a beneficio di Oliveira che pennella un cross prefetto per il drago a due teste nigeriano che segna a modo suo ancora di testa.

Il quindicesimo di testa per il Napoli in questo campionato (record per la Serie dal 2004) e il ventunesimo di Osimhen. I 36 gol di Higuain e Immobile sono lontani anche perchè Osimhen non tira i rigori.

Ma a questo Napoli dei miracoli, in cui sale al proscenio anche Ndombele con il 4-0 definitivo, innescato manco a dirlo dalla premiata ditta Kvara-Osi, nessun traguardo è precluso nelle 11 gare che restano di qui alla fine del torneo, aspettando Milan-Napoli di Champions.

Ora la sosta, si fa per dire con 16 azzurri impegnati in giro per il mondo, e poi lo strappo finale che ci può portare allo scudetto ma anche, sognare è lecito, fino a Istanbul. Nulla è precluso a questo Napoli dei miracoli possibili. Avanti, Napoli…..

Juve Stabia-Turris, Menichini: nel secondo tempo più giusto il pari

Leonardo Menichini, allenatore della Turris, ha rilasciato alcune dichiarazioni in sala stampa al termine del match con la Juve Stabia
Pubblicita

Ti potrebbe interessare