Spotify taglia del 17% i suoi dipendenti, pari a circa 1.600 posti

LEGGI ANCHE

(Adnkronos) – Il gigante dello streaming musicale Spotify taglierà quasi un quinto dei posti di lavoro dell'azienda con una mossa che interesserà circa 1.600 posti. I capi dell’azienda tecnologica hanno dichiarato in una nota al personale che taglierà il 17% della forza lavoro nel tentativo di essere più efficiente a fronte di un rallentamento della crescita. L’azienda impiega circa 9.300 persone in tutto il mondo. Daniel Ek, amministratore delegato di Spotify, ha sottolineato che "considerando il divario tra il nostro obiettivo finanziario e i nostri attuali costi operativi, ho deciso che un'azione sostanziale per ridimensionare i nostri costi era l'opzione migliore per raggiungere i nostri obiettivi. Sebbene sia convinto che questa sia l'azione giusta per la nostra azienda, capisco anche che sarà incredibilmente doloroso per il nostro team." Ek ha sottolineato che l’azienda “costruirà uno Spotify ancora più forte” nel 2024 come risultato dei tagli. Si tratta dell’ultima serie di riduzione di posti di lavoro di Spotify nel 2023: la società che ha annunciato un primo taglio di circa 600 posti di lavoro a gennaio. In estate, l’azienda svedese ha dichiarato che avrebbe tagliato circa 200 posti di lavoro nella sua unità di podcasting continuando a ridurre i costi. La società ha inoltre aumentato le tariffe di abbonamento nel Regno Unito, negli Stati Uniti e in Australia a luglio, motivandoli con gli aumenti dei costi. —economiawebinfo@adnkronos.com (Web Info)

Calzona: “La squadra ha ritrovato la voglia di lottare!”

L'andata degli ottavi di Champions League tra Napoli e Barcellona al Maradona, termina 1-1. Calzona è intervenuto così nel post-partita.
Pubblicita

Ti potrebbe interessare